Tradizioni di San Giovanni, come si prepara l'acqua profumata con erbe e fiori

Lifestyle
©Getty
acqua di San Giovanni

Vediamo come preparare questa miscela di acqua, erbe e fiori, considerata da molte leggende come fonte di fortuna, amore e prosperità

ascolta articolo

La notte di San Giovanni, quella tra il 23 e il 24 giugno, è da molti considerata una notte magica, carica di misteri e leggende, strettamente connessa al solstizio d’estate. Una delle tradizioni più sentite di questa occasione riguarda la preparazione dell'acqua di San Giovanni, una miscela profumata e odorosa che sembra porti amore e fortuna. Secondo le antiche leggende, infatti, durante questa notte gli Dei facevano passare i nuovi nati sotto forma di rugiada. Sembra quindi che in questo giorno dell’anno i fiori sprigionino un'energia particolare e potente. Vediamo allora come si usa e come preparare l'acqua di San Giovanni.

Acqua di San Giovanni, come si usa

approfondimento

Solstizio d'Estate: i riti tradizionali per celebrarlo. FOTO

L'acqua profumata realizzata in occasione della notte di San Giovanni viene usata per lavare viso e mani. Un gesto purificazione, che ricorda il battesimo di San Giovanni Battista. Bagnarsi con la rugiada di questa notte ha un significato di rinascita e rinnovamento e secondo la tradizione porta fortuna, amore e salute. L’acqua di San Giovanni porterebbe anche prosperità grazie alla magia dei fiori e sarebbe in grado di proteggere i raccolti, allontanando le calamità. Visto il periodo di grande siccità che stiamo attraversando, chi ci crede può preparare l'acqua di San Giovanni come buon auspicio per l'arrivo di piogge benefiche per l'acqua e i raccolti.

Acqua di San Giovanni, come si prepara

Preparare l'acqua di San Giovanni è davvero molto semplice. Solitamente si raccolgono le erbe e i fiori edibili che si trovano intorno a noi. Vanno bene, ad esempio, l'iperico, detto proprio Erba di San Giovanni perché fiorisce in questo periodo e si crede possa scacciare gli spiriti malvagi. Si possono scegliere anche lavanda, finocchio selvatico, malva, assenzio, verbena, rosmarino, papavero, rosa, menta, camomilla, passiflora, sambuco e salvia. Bisogna raccogliere erbe e fiori spontanei la sera del 23 giugno, dopo il tramonto. Il bottino raccolto va messo in una bacinella piena d’acqua, da lasciare poi all'aperto per tutta la notte, in modo che erbe e fiori assorbano la rugiada del mattino. La mattina del 24 giugno, si otterrà così l’acqua profumata di San Giovanni, da utilizzare per lavarsi mani e viso come rituale purificatorio per chiamare a sé fortuna, amore e salute.

Lifestyle: I più letti