Covid, le news di oggi. Il bollettino: 22.865 nuovi casi e 339 morti. Rpt 6,73%

I tamponi sono 339.635, in calo rispetto a ieri. Cresce ancora invece il tasso di positività. Aumentano di 394 unità i ricoveri ordinari, di 64 quelli in terapia intensiva, con 232 ingressi nelle ultime 24 ore. Lombardia in arancione rafforzata da mezzanotte. L'Italia è il primo Paese Ue a bloccare l'export del vaccino AstraZeneca

1 nuovo post

Covid Alto Adige, altri 15 casi di variante sudafricana

L'Alto Adige registra 15 nuovi casi della variante sudafricana. Sono colpite la zona di Merano e dintorni, la Val Passiria e la Val Venosta. Si aggiungono però tre nuovi comuni: Glorenza, Tubre e Lagundo. Attualmente è in corso il contact tracing per verificare se e come i nuovi casi siano correlati a casi noti, informa l'Azienda sanitaria. Complessivamente fino ad oggi sono stati rilevati 46 casi di variante sudafricana in Alto Adige. I comuni interessati sono isolati e l'ingresso e l'uscita può avvenire solo con un tampone negativo non più vecchio di 49 ore.
- di Redazione Sky TG24

Vaccini anti Covid, Francia, si possono fare in farmacia e senza ricetta da 15 marzo

La vaccinazione contro il Covid-19 sarà autorizzata nelle farmacie "a partire dalla settimana del 15 marzo" per "le persone di oltre 50 anni e con altre patologie": lo ha annunciato il primo ministro francese, Jean Castex, in una conferenza stampa. I pazienti coinvolti "non avranno bisogno di alcuna ricetta medica" e potranno recarsi "direttamente in farmacia" per farsi somministrare il vaccino AstraZeneca, ha detto il premier. Le persone dai 50 ai 74 anni che "non hanno particolari patologie" potranno farsi vaccinare "a partire da metà aprile".
- di Redazione Sky TG24

Covid Toscana, 31 casi in centro accoglienza nel Grossetano

Ci sono 31 casi di Covid in un centro di accoglienza stranieri nel comune di Civitella Paganico (Grosseto): i contagiati sono tutti ospiti del Cas che ne conta complessivamente 41. A riferirlo su Fb il sindaco Alessandra Biondi spiegando che "nella giornata di domenica tutti gli ospiti della struttura erano già stati messi in quarantena per contatto di caso e ieri, mercoledì, la Asl ha effettuato presso la struttura i tamponi a tutti. L'esito dei tamponi ha quindi confermato la positività di 31 ospiti". Sempre a Civitella Paganico ieri si è concluso lo screening di massa 'Territori sicuri': 6 i positivi a bassa carica individuati su 989 tamponi. "Bassa carica - ricorda la Asl - significa che i soggetti dovranno comunque ripetere il tampone a 24 ore dal primo. I risultati definitivi saranno disponibili domani. "L'attività di prevenzione su larga scala che mettiamo in campo con Territori sicuri - afferma Antonio D'Urso, dg dell'Asl Toscana Sud Est - ci consente di individuare i positivi asintomatici, bloccando la diffusione del contagio e di avere il polso della situazione di una comunità. L'elevata affluenza dei cittadini dimostra una sentita partecipazione e una spiccata sensibilità in un'area dove si era registrato un incremento di casi".
- di Redazione Sky TG24

Covid Spagna, regioni e governo fissano le restrizioni per Pasqua

Le comunità autonome spagnole si sono accordate con il Ministero della Sanità per mantenere in vigore un coprifuoco notturno &mdashdalle 22 alle 6&mdash e proibire gli spostamenti tra regioni e nel corso della Settimana Santa, un periodo festivo considerato particolarmente importante nel Paese iberico, per ridurre il rischio di contagio per covid. Lo ha comunicato il governo spagnolo. Inoltre, si è deciso di fissare a quattro il numero massimo di persone che si possono riunire in spazi aperti o chiusi e di raccomandare che si evitino le riunioni in spazi chiusi tra non conviventi. L'accordo dovrà essere approvato la settimana prossima nel Consiglio Interterritoriale del Sistema Sanitario Nazionale. Secondo quanto segnalano i media locali, l'unica regione che ha espresso contrarietà a questo piano nazionale è la Comunità di Madrid, il cui governo, del Partito Popolare, ha mostrato più volte nel corso della pandemia un disaccordo con l'esecutivo centrale, guidato dai rivali storici del Partito Socialista, sulle misure sanitarie necessarie. 
- di Redazione Sky TG24

Vaccino anti Covid, premier francese: "Avremo 22 mln dosi tra marzo e aprile"

Le consegne dei vaccini anti Covid alla Francia aumenteranno nelle prossime settimane". Lo ha sottolineato il premier Jean Castex in una conferenza stampa. "A
gennaio e febbraio - ha precisato - abbiamo ricevuto circa 7 milioni di dosi, a marzo e ad aprile dovremmo riceverne 22 milioni, ovvero tre volte di più". 
- di Redazione Sky TG24

Le regioni oltre la soglia d’allerta per i posti in rianimazione e nei reparti

Aumentano i ricoveri sia in terapia intensiva (con 6 regioni oltre la soglia critica) sia negli altri reparti Covid (preoccupano 5 regioni). I pazienti in rianimazione sono in tutto 2.475 (+64), gli altri 20.157 (+394). ECCO I DATI
- di Daniele Troilo

Covid Gran Bretagna, forte calo dei casi: 6.500 su 863.000 test

Si accentua il calo dei contagi da Covid nel Regno Unito, in lockdown nazionale tris da oltre due mesi dopo l'impennata alimentata dall'aggressiva 'variante inglese' del virus: e destinato a restarlo in sostanza fino ad aprile-maggio al di là della riapertura delle scuole fissata per lunedì 8 marzo malgrado l'impatto sempre più positivo e accelerato della campagna vaccinale. Lo certificano i dati aggiornati odierni del governo di Boris Johnson, che indicano meno di 6500 nuovi casi su un record assoluto di ben 863.000 tamponi giornalieri; mentre i morti nelle 24 ore scendono a 242, uno dei numeri più bassi degli ultimi mesi, con un bilancio quotidiano inferiore all'Italia (un centinaio di decessi in meno) come non si vedeva da tempo. Resta comunque la pesante somma ufficiale complessiva delle vittime dall'inizio della pandemia, salito a circa 124.000, picco europeo in cifra assoluta; mentre i ricoveri totali negli ospedali diminuiscono a 12.000 e le dosi di vaccino somministrate sfiorano ora quota 22 milioni, con i richiami arrivati verso il milione.
- di Redazione Sky TG24

Covid Lombardia, asili nido restano aperti

L'ordinanza emanata oggi da Regione Lombardia prevede la chiusura di tutte le scuole in presenza da domani, venerdì 5 marzo, ad eccezione degli Asili Nido, micro nidi e sezioni Primavere.  Lo precisa una Nota della Direzione Generale dell'assessorato all'Istruzione di Regione Lombardia. "Regione Lombardia - prosegue la nota - informa che il Ministero dell'Istruzione ha già dato indicazioni ai Dirigenti Scolastici affinché sia garantita la frequenza in presenza per gli studenti figli di personale sanitario o di altre categorie di lavoratori, le cui prestazioni siano ritenute indispensabili per la garanzia dei bisogni essenziali della popolazione".
- di Redazione Sky TG24

Vertice vaccini: avanti con AstraZeneca, non tenere scorte

Non tenere scorte di vaccini AstraZeneca da parte per procedere in maniera costante con le somministrazioni, ora anche alla luce della circolare diramata ieri dal Ministero della Salute, che prevede una dose unica per i soggetti guariti che avevano contratto il virus: disposizione che permetterà quindi una maggiore disponibilità di dosi sull'immediato e a fronte dell'arrivo continuo dei nuovi carichi di vaccino. È quanto sarebbe emerso dal vertice tra il Commissario per l'Emergenza, Francesco Figliuolo, il ministro della Salute, Roberto Speranza, il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio e i rappresentanti di Iss, Aifa e Agenas.Ulteriori modalità riguardo alla somministrazione di una sola dose o dell'estensione di AstraZeneca agli over 65, saranno invece prese solo in considerazione di evidenze scientifiche e quindi solo dopo eventuali pronunciamenti dell'Alfa.
- di Redazione Sky TG24

Covid Campania, unità crisi: inevitabile la zona rossa

L'Unità di crisi della Regione Campania ha deciso di impegnare "in un'azione straordinaria il Tigem e l'Asl Napoli1 per rendere quanto più puntuale e capillare l'individuazione delle varianti. E' un lavoro indispensabile a fronte di una crescita del contagio che rende ormai inevitabile la "zona rossa" in Campania". Si è data inoltre "l'obiettivo di completare nel giro di una settimana la vaccinazione di tutto il personale scolastico".
- di Redazione Sky TG24

Covid: Francia, altri 3 dipartimenti in zona rossa

Il primo ministro francese, Jean Castex, ha annunciato che 3 nuovi dipartimenti - le Hautes-Alpes, l'Aisne e l'Aube - si aggiungono agli altri 20 già in "sorveglianza rafforzata" per l'aumento dei contagi. Il totale è ora di 23 dipartimenti sul totale di 101 nei quali verranno applicate regole più strette contro la diffusione del coronavirus. Per essere considerati in "sorveglianza rafforzata", i dipartimenti devono aver superato la soglia dei 250 casi su 100.000 abitanti. Di questi dipartimenti più a rischio, soltanto il Pas-de-Calais, nel nord, si vede applicata la norma del lockdown durante il weekend, già in vigore a Nizza, a Dunkerque e in Mosella. Sfuggono a questa nuova stretta sia Parigi e l'Ile-de-France, sia Marsiglia con il suo dipartimento, le Bouches-du-Rhone.
- di Redazione Sky TG24

Covid, sindacato anestesisti: terapie intensive in sofferenza

La situazione delle terapie intensive in Italia è 'di forte sofferenza', tanto che sarebbe il momento di considerare un nuovo lockdown. Ad affermarlo è Alessandro Vergallo, presidente del sindacato dei medici anestesisti e rianimatori, secondo cui è sbagliato considerare l'occupazione dei reparti tra i parametri principali per decidere le chiusure perché sono l'ultima cifra che sale, in ritardo rispetto ai contagi. "La situazione è a macchia leopardo in tutta Italia, ma non è rassicurante, c'è un costante aumento dei ricoveri nei reparti Covid - spiega Vergallo -. Se si considera il parametro dei ricoverati in rianimazione tra i principali secondo noi si sbaglia, bisogna Intervenire prima". Secondo l'esperto nessuna regione puó dirsi 'al sicuro'. "Gli ultimi mesi ci hanno insegnato che il passaggio a un livello di rischio diverso è molto dinamico, questo dipende dal fatto che applicando a spezzoni le regole di contenimento l' andamento è altalenante, oggi una regione magari è rossa e i contagi scendono, poi quando si riapre risalgono". Per migliorare la situazione, conclude Vergallo, potrebbe essere necessario un lockdown. "Non abbiamo mai nascosto che come professionisti guardiamo anche all'economia, e consideriamo con sofferenza l'ipotesi, ma gli ultimi andamenti ci fanno considerare questa possibilità, anche se è la politica che deve decidere".
- di Redazione Sky TG24

Covid, boom contagi: tamponi massa in comuni Campania

Si è registrato nelle ultime settimane "un fortissimo incremento di positivi in Campania. Questo incremento è connesso alle varianti, soprattutto quella inglese". Lo rende noto la Regione Campania che ha disposto "la realizzazione di tamponi di massa nei Comuni nei quali si sono registrati maggiori incrementi di positivi, in modo particolare quelli dell'area vesuviana, tra i quali Castellammare, Pompei, Torre Annunziata".
- di Redazione Sky TG24

Covid Lazio, Parisi: la crescita raddoppia ogni 15 giorni 

La curva dell'epidemia di Covid-19 in Italia sta crescendo in modo esponenziale, con un tempo di raddoppio di 15 giorni. Considerando quindi l'attuale incremento quotidiano di circa 20.000 casi, se non si adotteranno misure severe fra due settimane potrebbero esserci 40mila nuovi casi al giorno, che potrebbero mettere sotto pressione il Servizio Sanitario Nazionale. Lo ha detto all'ANSA il fisico Giorgio Parisi, di Università Sapienza di Roma e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. "Siamo in una situazione di crescita esponenziale lenta. La prima ondata raddoppiava ogni tre giorni perché non erano state adottate misure, nella seconda il tempo di raddoppio era una settimana e adesso è di circa 15 giorni: è un tempo di raddoppio più lento rispetto a quello delle ondate precedenti - osserva Parisi - ma, considerando che stiamo arrivando a una media di circa 20.000 casi al giorno, fra 15 giorni i nuovi casi potrebbero diventare 40.000: una situazione che difficilmente sopportabile dagli ospedali". Alla luce dell'aumento esponenziale dei casi di Covid-19 in Italia, secondo Parisi, è necessario "intervenire per frenare la diffusione del virus. Si potrebbe immaginare di andare in una situazione di lockdown molto stretto in molte parti d'Italia" e, ha osservato, "le zone in cui servono misure restrittive stanno aumentando notevolmente". L'importante, ha concluso, è "essere in grado di fare controlli sulle varianti.
- di Redazione Sky TG24

Covid Marche, 12 decessi in un giorno

Nelle ultime 24ore 12 decessi correlati al Covid-19 nelle Marche: sono nove uomini e tre donne tra i 77 e i 94 anni tra i quali un 77enne di Ancona senza patologie pregresse. Da inizio pandemia, comunica il Servizio Sanità della Regione, nelle Marche ci sono state 2.307 vittime. La metà delle persone decedute nell'ultima giornata sono dell'Anconetano, la zona maggiormente sotto pressione e in fascia rossa: oltra al 77enne di Ancona, sono morti nel capoluogo un 84enne, un 89enne e una 94enne; le altre vittime sono una 85enne di Cupramontana e un 89enne di Maiolati Spontini. Nel Maceratese deceduti un 81enne di Matelica, un 83enne di Monte San Giusto e un 84enne di Civitanova Marche. Due i decessi nel Pesarese: una 81enne di Sassocorvaro e un 88enne di Pesaro. L'ultima vittima infine è un 93enne di Sant'Elpidio a Mare (Fermo).
- di Redazione Sky TG24

Vaccino, in Emilia-Romagna in marzo in arrivo 626mila dosi

In arrivo in marzo in Emilia-Romagna 626 mila dosi di vaccino anti-Covid, che si aggiungono alle quasi 560mila ricevute, di cui 427.800, vale a dire oltre il 76%, già utilizzate: 398.268 mila Pfizer, 14.708 Moderna e 14.826 AstraZeneca. E, come raccomanda il ministero della Salute, una quota del quantitativo consegnato del vaccino Pfizer e Moderna, esattamente il 15% - quella minima consigliata a fronte di una riserva che può arrivare fino al 25% - è stata tenuta a disposizione per garantire la somministrazione della seconda dose in caso di ritardi nelle forniture, come avvenuto sia in febbraio sia in marzo. LO rende noto la Regione. 
- di Redazione Sky TG24

Covid Usa, Powell: strada ancora lunga per economia, ci vorrà tempo

La Fed è impegnata a centrare i suoi obiettivi della massima occupazione e della stabilità dei prezzi. Lo afferma il presidente della Fed, Jerome Powell, in un incontro organizzato dal Wall Street Journal. La "strada è ancora lunga" per l'economia e per il "raggiungimento dei nostri obiettivi", aggiunge Powell, precisando che "ci vorrà del tempo per tornare alla massima occupazione". "Prima della pandemia l'economia era vicina agli obiettivi della Fed sull'inflazione e sull'occupazione", osserva Powell.
- di Redazione Sky TG24

Covid Lombardia, 1.200 casi nel Milanese, anche Brescia sopra 1.000

Sono 1200 i casi di coronavirus accertati oggi nel Milanese, secondo il bollettino della Regione. Di questi 421 sono a Milano città. Oltre 1000 casi anche nel Bresciano, esattamente 1114. Nelle altre province lombarde si contano 475 casi a Monza Brianza, 403 nel Comasco, 378 a Varese, 372 a Bergamo, 313 a Pavia, 291 a Mantova, 180 a Lecco, 170 a Cremona, 80 a Lodi, 72 a Sondrio.
- di Redazione Sky TG24

Covid Emilia-Romagna, a Bologna e provincia, 562 i nuovi contagi e 79 i focolai

Sui 562 nuovi casi di positività in provincia di Bologna, 311 hanno effettuato il tampone per presenza di sintomi, 31 sono stati individuati grazie all'attività di contact tracing, 4 attraverso il test per categoria a rischio, 1 mediante il test pre-ricovero, mentre e' in corso l'indagine epidemiologica per 215. Tra i 562 nuovi contagi, 483 sono sporadici e 79 inseriti in focolai: lo rende noto Ausl Bologna. Nessun caso e' importato da altre regioni ne dall'estero. Per quanto riguarda i vaccini, le prenotazioni per le persone con 80 anni e gia' oltre 64.731. 
- di Redazione Sky TG24

Covid, Brasile sull'orlo del collasso, proteste anti-Bolsonaro

In diverse città del Brasile, la popolazione ha protestato contro il presidente Jair Bolsonaro e la strategia del governo federale nel contrastare la pandemia di Covid-19. Con un'impennata di mortalità, ospedali sull'orlo del collasso (oltre l'80% dei posti in terapia intensiva è pieno in 18 dei 27 stati) e una campagna di vaccinazioni che va a rilento, il Brasile sta affrontando la fase più aggressiva della pandemia. Il Paese ha registrato, ieri, 1.910 morti in 24 ore, battendo il triste record stabilito il giorno precedente con 1.641 decessi. Con un totale di 259.271 morti per Covid-19, la nazione latinoamericana è quella con più vittime al mondo dopo gli Usa. Secondo la stampa brasiliana e diverse testimonianze video pubblicate sui social, i tradizionali panelacos - le proteste a suono di pentole e padelle da finestre e balconi - si sono registrate a San Paolo, Porto Alegre, Brasilia, Salvador e Rio de Janeiro. Tra gli slogan urlati dalla gente anche "Fuori Bolsonaro". Il presidente, che ha sempre minimizzato i rischi del coronavirus, ha ribadito in questi giorni che la "stampa" è responsabile di "aver creato il panico nel Paese" per il Covid.

 
- di Redazione Sky TG24