Nuovo Dpcm e scuola: le regole per la chiusura in zona rossa, arancione e gialla

Cronaca

Il provvedimento in vigore dal 6 marzo al 6 aprile prevede lo stop a tutti gli istituti di ogni ordine e grado nella fascia più alta di rischio. Nelle aree arancioni e gialle i presidenti delle regioni potranno decidere per delle chiusure in tre casi: nelle località in cui abbiano adottato misure più stringenti a causa delle varianti, nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti in 7 giorni e nel caso di un peggioramento del quadro epidemiologico

Scuole chiuse nelle zone rosse. Lo stabilisce il nuovo Dpcm anti-Covid firmato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, in vigore dal 6 marzo al 6 aprile (COVID: AGGIORNAMENTI - SPECIALE). "La variante inglese ha una particolare capacità di penetrazione nelle fasce più giovani. Questo ci ha portato a determinare che in area rossa le scuole di ogni ordine e grado saranno in Dad, così come nei territori dove il tasso di incidenza" del virus "è pari o superiore a 250 ogni 100mila abitanti", ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza in conferenza stampa a Palazzo Chigi. Ecco quali sono le regole per le zone rosse, arancioni e gialle.

Zone rosse

vedi anche

Nuovo Dpcm marzo 2021, le regole del governo Draghi fino a Pasqua

Dal 6 marzo si prevede nelle zone rosse la sospensione dell’attività in presenza delle scuole di ogni ordine e grado, comprese le scuole dell’infanzia ed elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali.

Zone arancioni

leggi anche

Dpcm, c'è la firma di Draghi. Speranza: “Scuole chiuse in zona rossa"

I presidenti delle regioni potranno chiudere le scuole in tre casi: nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti, nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni e nel caso di una eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.

Zone gialle

approfondimento

Coronavirus, la situazione in Italia: grafici e mappe

Come nelle zone arancioni, i presidenti delle regioni potranno chiudere le scuole in tre casi: nelle aree in cui abbiano adottato misure più stringenti per via della gravità delle varianti, nelle zone in cui vi siano più di 250 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di 7 giorni e nel caso di una eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico.

Zone bianche

leggi anche

Save the Children: “Nel mondo persi 112 miliardi di giorni di scuola"

Nelle zone bianche, dove si prevede la cessazione anche delle misure restrittive previste per la zona gialla, rimangono aperte le scuole di ogni ordine e grado.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.