Coronavirus Italia, le news: 1.640 nuovi casi, 103.696 test. Speranza: "Più tamponi"

Rimane stabile l'andamento dei contagi nel nostro Paese. Le vittime nelle ultime 24 ore sono 20, aumentano di 5 unità i ricoveri in terapia intensiva. Uno studio: possibile prossimo picco in Italia tra ottobre e novembre. Record di casi nel mondo. In Gb superati i 6mila contagi in un giorno, in Francia 13mila. Il Finacial Times: l'Italia gestisce meglio degli altri Paesi europei la seconda ondata

1 nuovo post

Galli: i bambini sotto i 10 anni si contagiano meno

Stasera, a Castiglione D'Adda, nel Lodigiano, il professor Massimo Galli ha presentato i dati della rilevazione di massa per gli anticorpi anti-covid 19 eseguita con test rapido pungidito, voluta e effettuata nei mesi scorsi sul territorio in una delle zone più colpite dalle prime fasi della pandemia tanto da essere stata inserita nella prima zona rossa d'Italia. "A Castiglione abbiamo testato 4150 persone su 4600 abitanti - ha spiegato Galli - Il risultato è che meno di un quarto dei cittadini si sono infettati. Ma, soprattutto, qui se andiamo a vedere quanto si siano infettati nelle varie classi di età, risulta che nei bambini sotto i 10 anni, meno del 10 per cento è stato contagiato mentre nei soggetti molto anziani vediamo contagi per più del 40 per cento".
- di Redazione Sky TG24

Francia, torna sopra 13.000 casi in 24 ore

Mentre il ministro della Salute, Olivier Véran, presentava in diretta tv i nuovi provvedimenti restrittivi dettati dalla grave situazione epidemica, il ministero comunicava i dati delle ultime 24 ore, che confermano il "continuo peggioramento" della situazione. I nuovi casi positivi in un solo giorno sono risaliti sopra quota 13.000 (ieri erano stati 10.008), toccando quota 13.072. Aumenta ancora il tasso di positività, ormai al 6,2%. Nelle ultime 24 ore le vittime sono state 43, una cifra che porta il totale a 31.459. Sono invece 24 più di ieri, invece, i pazienti presenti nei reparti di rianimazione. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Mascherina obbligatoria in centro storico Genova

"Abbiamo la presenza di un potenziale cluster nel centro storico, quindi per salvaguardare la salute di chi ci vive e quella di tutta la citta', abbiamo deciso di prendere determinate misure precauzionali: estenderemo l'usodella mascherina all'aperto, 24 ore su 24, indipendentemente dalla distanza interpersonale, in un'area del centro storico". Così il sindaco Marco Bucci e il presidente della Regione Giovanni Toti dopo i nuovi casi di covid tracciati a Genova, 63 nelle ultime 24 ore. Le aree interessate sono Porto antico, la stazione Principe, piazza Matteotti e via Ravasco. L'ordinanza viene firmata questa sera. Dal provvedimento saranno esclusi i runner. Previste sanzioni fino alla chiusura dei locali del centro storico che non rispettano l'obbligo di mascherina tra i propri clienti. L'obiettivo, ha spiegato Bucci, "e' stroncare il potenziale cluster sul nascere". 
- di Redazione Sky TG24

Speranza: obbligo tampone per rientri da Francia

"Abbiamo disposto, con una mia ordinanza", per chi arriva dalla Francia "il tampone obbligatorio". Lo annuncia il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine di un incontro a Bari. Saranno monitorati "tanti altri Paesi europei e ci muoveremo di conseguenza sulla base dell'evoluzione epidemiologica", chiarisce. "A livello europeo vediamo una tendenza che continua a essere quella di una crescita della circolazione del virus e non possiamo pensare che il virus circola in alcuni Paesi e altri ne siano totalmente estranei: sarebbe sbagliata una valutazione di questa natura. Per questo io continuo ad insistere sulle norme, sui comportamenti, sul rigore, su una linea di grande attenzione e di grande precauzione", aggiunge il ministro.
- di Redazione Sky TG24

Calcio, tamponi negativi al Torino, ma lavori individuali 

Il Torino tira un sospiro di sollievo. Sono tutti negativi i tamponi effettuati nel pomeriggio, in seguito alla positività di un calciatore. Il tecnico Marco Giampaolo, però, non ha potuto lavorare con il gruppo, ma seguendo il protocollo è stato costretto a dirigere una sessione di allenamento in forma individuale. E sarà così anche domani: un intoppo non da poco, anche perché la sfida contro gli orobici è già delicatissima, considerando l'esordio con sconfitta sul campo della Fiorentina. Al Filadelfia si è rivisto il difensore Lyanco, sempre al centro delle discussioni di mercato, mentre l'infortunato Ricardo Rodriguez ha svolto una sessione di lavoro personalizzata: il suo rientro è previsto dopo la sosta, verso la metà di ottobre.
- di Redazione Sky TG24

Coronavirus, dipendente positivo, chiusa anagrafe Foggia

"L'Ufficio Anagrafe del Comune di Foggia resterà chiuso da domani, giovedì 24 settembre, sino a data da destinarsi a seguito dell'accertamento del contagio da Covid-19 di un dipendente". Lo comunica in una nota lo stesso Comune di Foggia, aggiungendo che "tutto il personale che presta servizio in quello specifico ufficio è stato messo in quarantena. Il servizio ai cittadini verrà comunque garantito attraverso le circoscrizioni di decentramento. L'Ufficio Anagrafe di Palazzo di Città riaprirà non appena saranno resi noti i risultati dei tamponi sui dipendenti - precisa la nota - probabilmente a metà della prossima settimana".
- di Redazione Sky TG24

Coronavirus Campania, a Napoli scuola a rischio per 5500 bambini

A rischio il primo giorno di scuola per 120 strutture e un totale di 5500 bambini degli asili nido e della materna che fanno capo al Comune di Napoli. E' quanto fanno sapere Annibale De Bisogno, segretario regionale Uil Fpl, e Francesca Pinto, segretario provinciale di Napoli. Maestre, educatrici, personale ata protesteranno domani e dopodomani, a Napoli, davanti a Palazzo San Giacomo: "Non è stato fatto nulla per mettere in sicurezza le scuole e tutto il personale in termini di prevenzione del contagio". "Non è stato predisposto nulla in materia di individuazione del responsabile Covid-19, nè modalità organizzative in caso di necessità - dice De Bisogno - mancano gli addetti ai termoscanner e alla registrazione degli accessi". Gli asili nido "non sono stati forniti nemmeno dei guanti che servono per poter cambiare i pannolini ai più piccoli". "Servirebbe inoltre, sempre per evitare la diffusione del contagio, un bidello in ogni classe - conclude - invece allo stato attuale c'è un bidello ogni 5 classi".
- di Redazione Sky TG24

Speranza: presto buone notizie dalla scienza 

"Presto arriveranno buone notizie, penso che nei prossimi mesi la scienza ci offrirà soluzioni importanti sul terreno dei vaccini e delle cure". Lo ha detto a Bari il ministro della Salute, Roberto Speranza. "In questi mesi in cui dobbiamo resistere - ha aggiunto - abbiamo bisogno di rispettare le norme fondamentali che sono vigenti, a partire dal distanziamento, dall'uso della mascherina e poi dal lavaggio delle mani. Queste sono le tre cose fondamentali su cui chiediamo ancora ai cittadini italiani di tenere molto alto il livello di attenzione".
- di Redazione Sky TG24

Allerta rinforzata per Parigi e altre nove città

La capitale Parigi e altre 9 città e aree metropolitane francesi diventano "aree ad allerta rinforzata. Oltre a Parigi, l'elenco comprende Bordeaux, Nizza, Lione, Tolosa, Saint-Etienne, Rouen, Grenoble, Lille e Montpellier. Massima allerta, invece, per l'area metropolitana Marsiglia-Aix e per Guadalupa dove è scattata la chiusura di bar e ristoranti. 
- di Redazione Sky TG24

Coronaviru Francia, Veran: preoccupa situazione ospedali francesi

Situazione "preoccupante" negli ospedali, ha detto il ministro francese della Sanità Olivier Veran. Il ministro segnala una situazione "preoccupante" negli ospedali. "Dobbiamo proteggere gli ospedali". Nell'Ile-de-France, il numero di pazienti ospedalizzati e' raddoppiato in una settimana (da 460 a 1.000). a questo ritmo, entro l'11 novembre sarà utilizzato l'85% della capacita' ospedaliera regionale. 
- di Redazione Sky TG24

Speranza: dati Italia tra i migliori in Europa

"Oggi i dati italiani sono migliori rispetto a quelli di tanti altri Paesi europei. Io penso che dobbiamo monitorare, come stiamo facendo, ora dopo ora, e non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia". Lo ha detto a Bari il ministro della Salute, Roberto Speranza. "Siamo dentro la sfida, la sfida assolutamente non è ancora vinta e però - ha detto il ministro - i comportamenti corretti delle persone, le misure del Governo nazionale e dei governi regionali, ci hanno portato ad una situazione che è diversa da quella di tanti altri Paesi europei. Dopodiché monitoreremo passo dopo passo, momento dopo momento. Dobbiamo chiedere ancora uno sforzo ai cittadini".
- di Redazione Sky TG24

Coronavirus, in Romania 1.767 casi e 47 morti nelle 24 ore

Tornano a crescere i contagi in Romania, dove nelle ultime 24 ore i nuovi casi di coronavirus sono stati 1.767, con 47 altri decessi. Il Paese resta nei Balcani quello maggiormente colpito dall'epidemia di covid-19, ma anche quello che ha effettuato più test, oltre 2,2 milioni finora. Nuovo balzo dei contagi anche in Bosnia-Erzegovina, che ha registrato nelle 24 ore 344 contagi e 12 morti, e in Montenegro con 290 nuovi casi e cinque vittime. La Croazia ha segnalato oggi 204 casi e due decessi, la Macedonia del Nord 183 contagi e cinque morti, la Slovenia 136 contagi e un morto, la Bulgaria 109 casi e due vittime. Si confermano con una situazione epidemiologica più favorevole la Serbia, con 81 contagi e una vittima, e il Kosovo dove nelle 24 ore si sono registrati 62 casi e un morto.

- di Redazione Sky TG24

Coronavirus Lombardia, a marzo 1.308 morti in Rsa Bergamo 

Sono 1.308 le persone morte nelle Rsa di Bergamo solo nel mese di marzo 2020. Una media di 42 decessi al giorno. È il dato ufficiale comunicato il 21 settembre ad Altreconomia dall'Agenzia di tutela della salute di Bergamo, dopo oltre cinque mesi dalla prima istanza di accesso civico finalizzata a far luce sugli effetti del Covid-19 nelle 65 residenze sanitarie assistenziali del territorio. Nel primo semestre del 2020 nelle Rsa bergamasche hanno perso la vita 2.255 persone, di cui 1.229 ultra 88enni. Erano stati 992 nel 2019 (di cui 510 over 88), a evidenziare un incremento complessivo del 127%. A gennaio 2020 le morti in Rsa a Bergamo sono state in termini assoluti in linea con l'andamento del 2019, addirittura al di sotto: 186 contro le 207 dello stesso periodo nel 2019 (-10,1%). Stessa dinamica a febbraio: 203 morti nel 2019 contro le 158 del 2020 (-22,2%). La situazione cambia a marzo - il mese della delibera regionale sui trasferimenti dagli ospedali verso le Rsa e delle conseguenze della mancata istituzione della 'zona rossa' nei comuni di Nembro e Alzano Lombardo - quando il dato è schizzato. Se nel 2019 i morti in quei 31 giorni erano stati 163, nel 2020, stando ai dati forniti dall'Ats, il dato è salito a 1.308 (+702%). Il mese di aprile è la coda: 389 decessi contro i 140 del 2019 (+118%). Lentamente a maggio la curva rientra e si assesta sui livelli dell'anno precedente, 122 contro 125 (-2,4%). A giugno 92 contro i 154 del 2019 (-40%).
- di Redazione Sky TG24

A Marsiglia e Aix-en-Provence chiudono bar e ristoranti

A partire da lunedì, tutti i bar e i ristoranti osserveranno una chiusura totale a Marsiglia e ad Aix-en-Provence, nel sud della Francia. Il ministro della Salute, Olivier Véran, le ha definite le zone "in allerta massima" nel panorama francese insieme alla Guadalupa.
- di Daniele Troilo

Speranza: priorità sono scuole e non stadi  

"Oggi la priorità sono le scuole e non gli stadi". Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, arrivando all'Ordine dei Medici di Bari per un convegno, al quale è atteso anche il rieletto presidente della Regione, Michele Emiliano.
- di Daniele Troilo

Dramma a Cagliari, morto un 33enne con il Covid

Il giovane, originario di Isili, è arrivato in condizioni disperate in ospedale, con una grave insufficienza respiratoria, ed è morto al Pronto soccorso. Il ragazzo era uno dei primi contagiati di questa estate in Sardegna, dopo aver frequentato alcuni locali della Costa Smeralda. Era seguito a domicilio dall'Ats, ma oggi le sue condizioni si sono improvvisamente aggravate. Qui ulteriori dettagli

- di Daniele Troilo

Coronavirus, il Metropolitan Opera di New York non riapre per un altro anno

Il Metropolitan Opera resterà chiuso ancora per un altro anno. Lo annuncia il teatro newyorkese che inizialmente prevedeva di riprendere la stagione 2020-21 con un gala a Capodanno. La pandemia resta una minaccia e i costi di gestione di una struttura da 3800 posti non consentono di riaprire con una capacità ridotta. Per il Met è la peggiore crisi in 137 anni di storia. Secondo il New York Times, la decisione rischia di innescare una reazione a catena a New York, primo fra tutti Broadway, i cui teatri sono chiusi dallo scorso marzo.
- di Redazione Sky TG24

Recovery fund, Grillo al parlamento europeo: state costruendo società debito

"State costruendo una società del debito, questa è la società del debito". Così' Beppe Grillo nel suo intervento oggi in collegamento con il parlamento europeo ad un incontro con David Sassoli, facendo riferimento al Recovery fund.
- di Redazione Sky TG24

Abruzzo, positivi in paese, scuola riapre con Dad in due Comuni

Niente lezioni in presenza domani, giorno di riapertura delle scuole in Abruzzo, e fino al 3 ottobre a Montenerodomo (Chieti) e nella vicina Torricella Peligna (Chieti): lo hanno stabilito, con un'ordinanza congiunta, i sindaci Angelo Piccioli e Carmine Ficca, a seguito dell'aumento, negli ultimi giorni, del numero di positivi al coronavirus a Montenerodomo, comune montano con circa 640 abitanti. I due sindaci spiegano: "E' un provvedimento preso a malincuore perché tanta era l'attesa per il ritorno a scuola, ma si è reso necessario per salvaguardare la salute di bambini, famiglie e operatori della scuola, visto l'importante aumento dei contagi che si è verificato a Montenerodomo - scrivono i due sindaci - La dirigente scolastica dell'istituto comprensivo Palena-Torricella si è resa disponibile nell'immediato ad attivare la didattica a distanza. E' stata una decisione difficile, sofferta, ma che consentirà un ritorno a scuola in sicurezza".
- di Redazione Sky TG24

Coronavirus Campania, riecco le file al Cotugno, tutti vogliono il tampone

Ricompaiono le file - in concomitanza con l'aumento dei contagi da coronavirus - davanti all'ospedale per malattie infettive 'Cotugno' di Napoli. Fin dalle 6 del mattino decine di persone chiedono di essere sottoposte a tamponi; si tratta di persone che sono state inviate dalle Asl dopo la segnalazione dei medici curanti o di cittadini che denunciano sintomi per i quali chiedono approfondimenti. Le persone in fila aumentano di giorno in giorno anche perchè altri centri - aperti per la campagna dei tamponi predisposta per chi rientrava dalle vacanze - hanno, nel frattempo, chiuso. Il Corugno - dove affluiscono e vengono analizzati tamponi provenienti anche da altri centri di raccolta - sta comunque, per ora, garantendo a tutti l'accesso all'esame.
- di Redazione Sky TG24

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24