Trump all'Onu: "La Cina sia ritenuta responsabile per il coronavirus"

Mondo
©Ansa

In un breve discorso da remoto all'assemblea delle Nazioni Unite, il presidente americano torna a lanciare dure accuse a Pechino, incolpandola della diffusione della pandemia e tornando a parlare di "China virus". La replica: "Accuse senza fondamento, politicizza l'emergenza sanitaria"

Nuove durissime accuse di Donald Trump alla Cina, nel corso di un intervento-lampo (da remoto) all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Il presidente americano ha usato parole di fuoco e invitato l'Onu a "ritenere responsabile" il gigante asiatico per la diffusione della pandemia (AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE), tornando a parlare di “China virus”. "La Cina respinge con forza le accuse senza fondamento", la replica del'ambasciatrice di Pechino all'Onu. 

La replica della Cina

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

La Cina ha accusato a sua volta Trump di voler "politicizzare" l'emergenza sanitaria esclusivamente in chiave elettorale, a quaranta giorni dalle Presidenziali. "Un tentativo che deve essere stigmatizzato e respinto", ha affermato Xi, invitando la comunità internazionale a "rifiutare ogni sorta di unilateralismo e protezionismo" e ad affrontare invece la pandemia "uniti e seguendo la scienza", con l'Organizzazione mondiale della sanità (accusata da Trump di essere manovrata da Pechino) che deve continuare a svolgere un ruolo guida. Xi  ha poi assicurato che i vaccini sviluppati dalla Cina sono nella fase tre dei test clinici e saranno resi disponibili come bene pubblico globale, aggiungendo che saranno forniti ai Paesi in via di sviluppo su base prioritaria.

 

Xi: "Nessuna guerra calda o fredda"

Il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha lanciato un appello ad evitare "una nuova Guerra Fredda" tra le due potenze mondiali, i due Paesi che sono i principali finanziatori delle Nazioni Unite. "Nessuna guerra calda o fredda, e nessuna intenzione di innescare uno scontro di civilta'", ha assicurato Xi, che come Trump e gli altri leader è intervenuto con un video preregistrato.  

Gli altri temi sul tavolo

All'incontro, che si è tenuto in videoconferenza, si è parlato anche di Iran, con il presidente francese Macron che ha escluso un compromesso sulle sanzioni all'Iran che gli Stati Uniti vorrebbero ripristinare. Putin vuole un accordo contro l'uso di armi nello spazio.

Mondo: I più letti