Coronavirus, ultime news. Il bollettino: 37.242 casi, 238.077 tamponi. 699 decessi. LIVE

Il rapporto positivi/tamponi al 15,6%. I ricoveri nelle ultime 24 ore sono 347, in terapia intensiva 36. I dati del monitoraggio Iss: “Rt in Italia scende a 1,18, in 4 regioni è già sotto l’1”. Pfizer chiede alle autorità di regolamentazione statunitensi di consentire l'uso di emergenza del suo vaccino.Tra le nuove misure discusse dal Consiglio dei ministri sul decreto Ristori Ter, anche 400 milioni per gli aiuti alimentari. Lazio, chiusura negozi e supermercati alle 21

1 nuovo post

Lazio, nuova ordinanza: chiusura supermercati e negozi alle 21. Leggi di più

Il provvedimento, in vigore da oggi e fino al 30 novembre, prevede l’apertura “di alcune attività commerciali all’ingrosso debitamente indicate. Restano aperti anche autosaloni e aziende florovivaistiche”
- di Steno Giulianelli

Toti: Liguria resta arancione decisione corretta

"La Liguria resta in zona arancione, con un Rt sceso allo 0.9 e una pressione in calo sugli ospedali. Una decisione che riteniamo corretta per i prossimi giorni da ogni punto di vista". Lo afferma il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti."Ci siamo interrogati con Alisa sulla discesa cosi' consolidata del virus in Liguria, che avrebbe potuto portarci a un declassamento in zona gialla ma la cabina di regia ha deciso di  continuare con la fascia arancione per consolidare i risultati ottenuti. E' una decisione per evitare guai domani, visto che sara' opportuno nel periodo natalizio ridare fiato all'economia". 
- di Steno Giulianelli

Covid, guasto ossigeno ospedale Ivrea, indaga procura

La procura di Ivrea ha aperto un fascicolo, al momento senza indagati o ipotesi di reato, sul guasto tecnico che mercoledi' sera ha mandato in tilt l'impianto dell'ossigeno all'ospedale di Ivrea. Delle indagini se ne occuperanno i carabinieri del Nas. Il guasto avrebbe potuto provocare enormi conseguenze per i pazienti ricoverati, specie quelli del reparto di terapia intensiva. Il pronto intervento di medici e infermieri ha scongiurato il peggio.
 
- di Steno Giulianelli

Comune Parigi: vaccinazione 30-40% popolazione da gennaio

Il Comune di Parigi e' pronto a vaccinare dal 30 al 40% della popolazione parigina contro il Covid-19 da gennaio, nello scenario piu' ottimistico, concentrandosi sugli "over 65 e i piu' vulnerabili". Lo ha reso noto l'assessore alla Sanita', Anne Souyris. "Speriamo di vaccinare la popolazione, che lo desidera, al piu' presto", ha frenato l'entourage del sindaco di Parigi, che conferma le dichiarazioni di Jean-Francois Delfraissy, presidente del Consiglio scientifico, che vede "nella prima meta' dell'anno l'arrivo di vaccini affidabili".
 
- di Steno Giulianelli

Aifa: via a comitato per studi sorveglianza vaccini

"L'Aifa costituira' a breve un Comitato scientifico internazionale per promuovere studi di sorveglianza attiva su tutti i vaccini che saranno resi disponibili, per validarne la sicurezza anche rispetto a effetti indesiderati rari o rarissimi. A far parte di questo Comitato saranno chiamati alcuni dei maggiori e piu' credibili esperti in materia". Lo ha annunciato il direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco,  Nicola Magrini, "a rassicurazione dei cittadini italiani ed europei". 
- di Steno Giulianelli

Verso dl Ristori ter da 2 mld e scostamento da 8 mld

Cresce la dote che il governo vuole dedicare ai nuovi ristori di qui alla fine dell'anno: secondo quanto apprende l'ANSA nel corso della giornata, impegnata a rifare i calcoli dei fondi ancora a disposizione e dei margini per agire con un nuovo scostamento, i fondi per il decreto Ristori ter, che sara' gia' stasera sul tavolo del Consiglio dei ministri, sarebbero vicini a 2 miliardi, da 1,4 miliardi ipotizzati inizialmente. Per lo scostamento invece ci si starebbe assestando attorno a una richiesta da 8 miliardi che potrebbe comunque non incidere sul livello del deficit programmato (10,8%) grazie in particolare al buon andamento delle entrate del terzo trimestre.
- di Steno Giulianelli

Mancini: esito ultimo tampone è negativo, sono guarito

"Ho ricevuto l'esito del tampone negativo oggi pomeriggio. Ho finito, sono a posto". Roberto Mancini e' guarito dal coronavirus e lo annuncia lui stesso, in collegamento con il vicedirettore della Gazzetta dello Sport, Andrea Di Caro, sul sito del giornale e con Sinisa Mihajlovic, in occasione della presentazione dell'autobiografia del tecnico serbo del Bologna, 'La partita della Vita'. Il ct della Nazionale era risultato positivo al Covid il 6 novembre scorso e aveva saltato tutti gli ultimi 3 impegni della sua squadra, contro Estonia, Polonia e Bosnia. 
- di Steno Giulianelli

Lazio, chiusura negozi e supermercati alle 21

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato una nuova ordinanza contenente ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid. "Si tratta di un provvedimento che va a completare quello emanato la scorsa settimana sulla chiusura delle grandi strutture di vendita nei weekend e nei giorni festivi", spiega la Regione Lazio. Nello specifico la nuova ordinanza prevede "l'apertura  di alcune attivita' commerciali all'ingrosso, debitamente indicate. Restano aperti anche autosaloni e aziende florovivaistiche. Nessuna attivita' commerciale al dettaglio o all'ingrosso, compresi i supermercati, potra' nei giorni feriali, prefestivi e festivi proseguire la vendita oltre le ore 21.00, cosi' da consentire al personale , dopo la riduzione degli orari dei mezzi pubblici, il rientro a casa entro le 22. Sono escluse le farmacie in quanto servizio pubblico. Bar e ristoranti in quanto pubblici esercizi potranno effettuare attivita' di vendita con asporto fino alle 22 come previsto dal Dpcm nazionale".
- di Steno Giulianelli

Crisanti: io mai no-vax, vaccino lo farò dopo i dati

 "Quando i dati sul vaccino avranno passato il vaglio della comunita' scientifica e quando ci sara' il via libera dell'Autorita' regolatoria allora, ovviamente, mi vaccinero' serenamente". Cosi' il virologo Andrea Crisanti risponde all'AGI in merito alla polemica che si e' accesa sulle sue dichiarazioni in cui esprimeva dubbi sulla sicurezza di vaccini sviluppati cosi' rapidamente. "Oggi - ribadisce - questo vaccino non lo farei perche' non c'e' stato questo vaglio dei dati da parte della comunita' scientifica. Di solito - aggiunge - servono tra 5 e 8 anni per sviluppare un vaccino, quindi credo che sia legittimo chiedere trasparenza, chiedere che tutti i passaggi siano stati completati". Crisanti sottolinea infine di
essere "sempre stato un sostenitore dei vaccini, ma con le reazioni che ci sono state purtroppo si e' dato un argomento a favore dei no vax e questo mi dispiace". 
- di Steno Giulianelli

Aifa: gravi parole Crisanti su vaccino, danneggia Paese

"Le affermazioni attribuite al prof. Crisanti sono molto gravi, in quanto provengono da una persona che ha spesso parlato da esperto in questa pandemia, ma, da quello che dice, non lo sembra affatto. L'affermazione piu' grave, in quanto falsa, riguarda le fasi degli studi clinici che potrebbero essere state saltate: gli studi clinici sui vaccini anti Covid-19 hanno effettuato tutte le fasi di validazione e valutazione". Lo sottolinea il Direttore Generale dell'AIFA, Nicola Magrini, in merito alle parole di Crisanti che ha espresso dubbi sulla sicurezza di vaccini sviluppati in cosi' poco tempo.
- di Steno Giulianelli

Iss: al 18/11 solo Lazio, Liguria, Sardegna con Rt sotto1

Sono solo Lazio, Liguria e Sardegna le regioni che hanno fatto registrare un Rt sotto l'1 - rispettivamente 0.9 e 0.92, 0.84 - nella settimana dal 9 al 15 novembre secondo le rilevazioni del monitoraggio reso noto oggi dal Istituto Superiore di sanita-Ministero della salute e aggiornate al 18 novembre. A guidare invece la classifica delle regioni con l'Rt piu' alto sono la Basilicata con 1.54 e la Toscana con 1.44. 
- di Steno Giulianelli

Coronavirus in Italia: dati, infografiche e mappe. I dettagli

Lo stato della diffusione di Covid-19 nel nostro Paese sulla base dei dati del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Aggiornamento quotidiano
- di Steno Giulianelli

Torna a salire la percentuale di positivi sui tamponi fatti: 15,6%. I DATI

Dopo giorni di calo, torna a salire l'incidenza dei positivi rispetto al numero di test effettuati (ieri era del 14,4%). Secondo il bollettino del 20 novembre, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 37.242 nuovi casi su 238.077 tamponi. I contagiati dall’inizio della pandemia sono 1.345.767, compresi 48.569 morti (699 nell’ultimo giorno). Le persone in terapia intensiva sono 3.748 (+36 rispetto a ieri)
- di Steno Giulianelli

Molise, giornata dura: 6 decessi e 157 casi

Quella di oggi e' una delle giornate piu' tragiche in Molise. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 6 decessi, 92 in totale dall'inizio dell'emergenza, e altri 157 nuovi contagi da Covid-19, in aumento  rispetto a ieri (139), a fronte di 1.051 tamponi processati. E' quanto emerge dal bollettino diffuso in serata dall'Azienda sanitaria regionale (Asrem). Il numero totale degli attualmente positivi in regione e' 2.357, 51 i ricoverati nel reparto di malattie infettive dell'ospedale Cardarelli di Campobasso, 9 in terapia intensiva. Gli asintomatici a domicilio sono 2.248, mentre il totale dei soggetti in isolamento e' 2.705, 10 i ricoverati in malattie infettive, 7 i dimessi, 10 i guariti nelle ultime 24 ore. 
- di Steno Giulianelli

Nel Ragusano lieve flessione dei ricoveri ma 4 vittime

Sono 133 nel Ragusano le persone ricoverate in ospedale per Covid. Quattro le vittime (avevano 61, 67, 79 e 83 anni) che portano il numero dei decessi da inizio epidemia a 82 mentre i guariti sono 1106. Al Giovanni Paolo II di Ragusa, 76 pazienti: 40 in Malattie infettive, 9 in area grigia, 9 im area Covid 3 e 18 in Terapia intensiva. Al Guzzardi di Vittoria, 31 pazienti: 13 in area grigia, 13 in area Covid e 5 in Terapia intensiva. Al Maggiore di Modica 24 pazienti: 9 in Malattie infettive e 15 in area Covid. Due pazienti sono al San Marco di Catania i Malattie infettive.
 
- di Steno Giulianelli

Toscana sogna calo Rt ma casi salgono

Ha cominciato il sindaco di Firenze Dario Nardella parlando di dato in calo la mattina, poi la speranza di un abbassamento dell'indice di contagiosita' Rt ha covato sotto il fuoco tutto il giorno finche' in serata se ne sono perse le tracce. "Se l'Rt, che era a 1,8 va verso l'1,5 - aveva detto Nardella in una trasmissione tv - e lo stabilizzeremo sotto l'1,5 per un certo periodo consolidato, allora potremo uscire dalla zona rossa". 
- di Steno Giulianelli

Ordinanza Abruzzo zona rossa in vigore da 22 novembre

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, firmera' in serata l'ordinanza che collochera' la Regione Abruzzo in area rossa. L'ordinanza sara' in gazzetta domani ed entrera' in vigore a partire dal 22 Novembre. Lo rende noto il ministero della salute. 
- di Steno Giulianelli

Alto Adige, in coda per screening di massa

Sin dalle prime luci del giorno in coda per un tampone per sapere se si e' positivi o meno al Covid-19. In Alto Adige e' scattata oggi la massiccia operazione di screening sanitario sulla popolazione, la prima in Italia dall'inizio della pandemia di coronavirus. Si tratta di un'operazione allestita in pochi giorni, finalizzata ad individuare le persone positive e quindi rallentare il piu' rapidamente possibile il contagio. La provincia di Bolzano, autodichiaratasi 'zona rossa' ed attualmente in lockdown, da diverse settimane fa registrare dati giornalieri di contagio molto alti. 
- di Steno Giulianelli

Sicilia curva in calo, 1.634 casi

Sono 1.634 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 10.020 tamponi effettuati. Sono 43 i decessi, che portano il totale a 1.098. Con i nuovi casi salgono a 34.756 gli attuali positivi con un incremento di 1.175. Di questi 1.779 sono i ricoverati, 7 in piu' rispetto a ieri: 1.537 in regime ordinario e 242 con due rispetto a ieri. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, come aveva anticipato ieri sera il governatore Nello Musumeci, ha firmato un'ordinanza, in vigore da oggi, con cui si rinnovano le misure relative alle Regioni 'arancioni', e tra queste la Sicilia. E' valida fino al 3 dicembre prossimo, ma e' suscettibile di variazioni in corso. Non cala l'allerta nell'isola.
- di Steno Giulianelli

Bozza Regioni sci, impianti funivie 50% in zone arancioni

Impianti chiusi nelle zone rosse agli sciatori amatoriali e in quelle arancioni attivi ma con riduzione del 50% di presenze rispetto alla portata nelle funivie e cabinovie. E' quanto prevede la bozza del documento sugli impianti sciistici, che sarà portato in Conferenza delle Regioni lunedì prossimo per essere poi sottoposto al Governo e al Cts.
- di Daniele Troilo

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24