Guerra Ucraina Russia, news. Via libera Ue a settima tranche di aiuti da 500 milioni

©Ansa

Lo ha dichiarato l'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell, al termine della riunione del Consiglio Esteri, aggiungendo che "la Germania non blocca l'invio di carri armati Leopard da parte di altri Stati". La guerra tra la Russia e l'Occidente "non è più ibrida" ma "quasi reale", ha detto il ministro degli Esteri russo Lavrov. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres: "Purtroppo non ci sono, al momento, le condizioni per un'effettiva trattativa di pace"

1 nuovo post
"Abbiamo raggiunto un accordo politico sulla settima tranche di supporto militare con altri 500 milioni e un'ulteriore misura di assistenza del valore di 45 milioni per la formazione delle forze ucraine da parte della nostra missione militare". Lo ha annunciato l'Alto rappresentante dell'Ue per la politica estera e di sicurezza, Josep Borrell, nella conferenza stampa al termine del Consiglio Affari esteri dell'Ue. E ha aggiunto: "La ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock ha detto in Consiglio che la Germania non blocca l'invio di carri armati Leopard da parte di altri Stati". La guerra tra Russia e l'Occidente "non è più ibrida" ma "quasi reale". Lo ha detto il ministro degli Esteri di Mosca Serghei Lavrov, citato dalle agenzie russe. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres: "Purtroppo non ci sono, al momento, le condizioni per un'effettiva trattativa di pace".

Gli approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Costanza Ruggeri

Questo liveblog finisce qui. Per tutti gli aggiornamenti segui il nuovo live di martedì 24 gennaio

- di Redazione Sky TG24

Carro armato Leopard, come funzionano i super tank tedeschi che vuole l'Ucraina

Berlino sembra finalmente essersi decisa a lasciar partire in direzione Kiev i mezzi richiesti dal presidente Zelensky, che spera di poter così dare una svolta al conflitto a partire dalla primavera. Tuttavia, non è ancora chiaro in quale misura il governo di Olaf Scholz abbia intenzione di aiutare.
- di Redazione Sky TG24

Lavrov: "Guerra tra Russia e Occidente non più ibrida ma reale"

"La guerra della Russia con l'Occidente non è più ibrida, ma quasi reale", ha detto il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, in conferenza stampa dal Sudafrica, dove oggi ha incontrato a Pretoria la sua omologa sudafricana, Naledi Pandor. Lavrov ha anche affermato che le esercitazioni navali di Russia, Cina e Sudafrica avvengono in modo "trasparente, tutte le informazioni a riguardo sono state fornite", aggiungendo di non capire perché "le esercitazioni militari della Federazione russa, della Cina e del Sudafrica possano provocare reazioni contrastanti". Lavrov ha sottolineato come invece "le esercitazioni statunitensi al largo della Cina non sollevano questioni per nessuno".  
- di Redazione Sky TG24

Guerra Ucraina, reporter Cnn Clarissa Ward incinta inviata al fronte: è polemica

Da 12 settimane la 'chief international correspondent dell’emittente americana racconta il conflitto ed ora è a Kharkiv per girare uno speciale che andrà in onda in febbraio prima dell'anniversario dello scoppio della guerra

- di Redazione Sky TG24

Guerra Ucraina, la cucina gialla simbolo dell'attacco al condominio di Dnipro

Dalla torta di compleanno di una bambina, il cui padre è rimasto ucciso nel raid russo costato la vita a 44 persone, alle macerie: l'immagine dell'abitazione distrutta diventa simbolo dell'orrore della guerra LEGGI

- di Redazione Sky TG24

Metsola: "Con aiuti militari Kiev può vincere, senza no". VIDEO

"Dobbiamo aiutare gli ucraini logisticamente, sotto il profilo umanitario ma anche militarmente" ha detto la presidente parlando del conflitto tra Russia e Ucraina durante un’intervista a Sky TG24 nella quinta giornata di lavori del World Economic Forum

- di Redazione Sky TG24

Zelensky, aspettiamo i Patriot, guardiamo anche a tank Abrams

"L'Ucraina sta aspettando la consegna dei sistemi missilistici antiaerei Patriot, promessi dagli Usa e sta già esaminando la possibilità di ricevere i carri armati Abrams". Lo ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo video discorso ai partecipanti alla conferenza delle camere di commercio e industria Usa. Lo riporta Unian. Zelensky ha osservato che "dopo la fine della guerra, l'Ucraina sarà in grado di offrire alle imprese americane molti progetti interessanti da realizzare". La collaborazione con JP Morgan, Goldman Sachs, Starlink e Westinghouse è già iniziata, scrive Unian.
- di Redazione Sky TG24

Putin: "Vittoria della Russia è inevitabile"

Il presidente russo ha visitato una fabbrica di armi a San Pietroburgo. Nel parlare agli operai ha sottolineato "l'unità del popolo russo, il coraggio e l'eroismo dei nostri soldati". LE PAROLE DEL LEADER RUSSO
- di Redazione Sky TG24

'L'86% scuole nella regione di Kiev ha rifugi antiaerei'

Nella regione ucraina di Kiev, l'86% delle scuole e degli asili ora ha rifugi antiaerei. Lo ha annunciato il governatore della regione, Oleksiy Kuleba Lo riporta la Cnn, "Un totale di 1.085 rifugi sono già stati allestiti in strutture educative nella regione di Kiev", ha affermato  "Si tratta dell'86% delle scuole e degli asili della regione che possono operare a tempo pieno o con formati misti", ha aggiunto.
- di Redazione Sky TG24

Ucraina: Casa Bianca non esclude invio di carri armati Abrams

John Kirby, portavoce del consiglio di Sicurezza nazionale della Casa Bianca, non ha escluso l'invio in Ucraina di carri armati Abrams. "Non abbiamo preso una decisione in un senso o nell'altro", ha affermato alla Cnn. Questa primavera "ci aspettiamo un bel po' di manovre di terra, per le quali ovviamente i carri armati sarebbero di grande aiuto", ha aggiunto.
- di Redazione Sky TG24

L'Ucraina prima e dopo la guerra, i crateri dei bombardamenti nelle foto satellitari

Le immagini, diffuse da Maxar Technologies, mostrano dall'alto le città di Bakhmut e Soledar agli inizi della guerra e dopo quasi un anno dall'avvio del conflitto. 
- di Redazione Sky TG24

Usa, decine di migliaia di soldati russi inviati al fronte ma mal addestrati

La Russia ha inviato decine di migliaia di altri soldati al fronte per rafforzare le proprie linee in Ucraina negli ultimi mesi, ma questo ha fatto ''poca differenza'' in quanto i militari erano ''mal equipaggiato, mal addestrati'' e si sono ''precipitati sul campo di battaglia''. Lo ha detto un funzionario americano citati dalla Cnn spiegando che la Russia ha inviato le truppe come rimpiazzi o rinforzi per le unità già esistenti.
- di Redazione Sky TG24

Ucraina, ong: "Dei 50mila detenuti al fronte, rimasti solo 10mila"

Dei 50mila detenuti russi reclutati dal gruppo di mercenari Wagner per partecipare alla guerra in Ucraina, solo 10mila sono ancora con le truppe: è quanto sostiene un gruppo di attivisti russi per i diritti civili. "Gli altri sono stati uccisi, feriti, dispersi, hanno disertato
o si sono arresi, anche alla Russia con le armi in mano", ha sostenuto l'organizzazione non governativa "Rus Sidyashchaia ("Russia dietro le sbarre") sul suo canale Telegram. I
prigionieri venivano reclutati principalmente dall'unità mercenaria Wagner.

- di Redazione Sky TG24

007 Gb: conflitto in una situazione di stallo

Lo scrive l'intelligence nel consueto report su Twitter. Tuttavia, esiste una possibilità realistica di avanzamenti locali russi intorno a Bakhmut.
- di Redazione Sky TG24

Media GB: per Usa militari russi e Wagner morti sono 188mila

Secondo le stime degli Usa, il numero delle vittime russe potrebbe aver raggiunto quota 188.000 dall'inizio dell'invasione dell'Ucraina: il dato è stato rivelato dal Sun in occasione del vertice di Ramstein in Germania. Il quotidiano ha attribuito le cifre a "fonti della Difesa", dopo che il generale statunitense Mark Milley ha affermato che la Russia ha subito "un'enorme quantità di vittime, ben oltre 100.000". Si ritiene che il numero di vittime includa sia le forze russe che il gruppo di mercenari Wagner. Oggi l'esercito di Kiev ha reso noto che i soldati russi morti sono 120.160, di cui 860 rimasti uccisi ieri.
- di Redazione Sky TG24

In un video il ferimento di una giornalista russa a Soledar

La giornalista russa 19enne Anastasia Yelsukova è rimasta ferita da alcune schegge mentre stava girando un video a Soledar, nel Donetsk. Lo hanno reso noto i media russi.I redattori di Readovka hanno pubblicato un video dell'incidente avvenuto due giorni fa.  Alla giovane reporter sono stati prestati i primi soccorsi sul posto e successivamente è stata trasferita in una clinica a Mosca. Elsukova stava raccontando le azioni militari del battaglione Wagner quando è stata colpita, subito soccorsa dai paramilitare del battaglione di mercenari. Nelle immagini si vede la giornalista che racconta, poi all'improvviso il colpo e le urla.
- di Redazione Sky TG24

Ucraina, intervento chirurgico per estrarre una granata inesplosa dal petto di un soldato

L'operazione, unica nel suo genere, ha coinvolto anche gli artificieri che hanno avuto il compito di assicurarsi che l'operazione fosse condotta in sicurezza per il personale sanitario. La vice ministra della Difesa ucraina, Hanna Maliar: "Penso che questo caso finirà nei libri di testo di medicina". LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Kiev: pesanti scontri nell'est, russi respinti con molte perdite

Pesanti scontri sono in corso a Bakhmut e a Avdiivka, nell'Ucraina orientale, tra le forze armate di Kiev e quelle di Mosca. Lo rende noto lo Stato Maggiore dell'esercito ucraino spiegando che ''gli aggressori russi sono stati respinti con notevoli perdite''. I militari ucraini aggiungono che, nell'ambito degli sforzi per catturare interamente la regione di Donetsk, l'esercito russo ha attaccato ''senza badare alle proprie perdite''.
- di Redazione Sky TG24

Melnyk, spero Berlino decida ok Leopard in settimana

"Speriamo che l'inventario avviato dal ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius sia veloce e che la decisione sui Leopard sia presa ancora entro questa settimana". È quello che ha detto il vice ministro degli Esteri ucraino, Andrij Melnyk, in un'intervista all'emittente tedesca Ntv. "La Germania è un Paese sovrano. Decide per sé. E non riusciamo a capire questo continuo richiamo all'intesa con gli americani", ha aggiunto. Melnyk ha lavorato come ambasciatore ucraino a Berlino fino a qualche mese fa ed noto per i toni molto aspri usati nei confronti dei politici tedeschi, con attacchi a Scholz e al Presidente della Repubblica Frank-Walter Steinmeier.
- di Redazione Sky TG24