Guerra Ucraina Russia, news. Filorussi: vinti referendum. Kiev: annessioni criminali

©Ansa

Le autorità pro Putin nelle regioni di Zaporizhzhia e Kherson annunciano la vittoria del 'sì' nel voto per decidere l'annessione a Mosca.  Al consiglio di sicurezza Onu, il presidente ucraino Zelensky attacca "Ogni annessione è un crimine". Poi si congratula via Twitter con Giorgia Meloni. Lei replica: "Conta sul nostro leale sostegno".  Intanto ancora giallo sulle falle dei gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico. Danimarca: "Atto deliberato, perdite dureranno 7 giorni". L'Ue: "Se volute, pronti a forte reazione"

1 nuovo post
Le autorità filo-russe delle regioni di Kherson, Zaporizhzhia e Donetsk hanno annunciato la vittoria del 'sì' al referendum sull'unione dei due territori ucraini a Mosca. Secondo le autorità locali, il 95% dei giudizi sarebbe favorevole. Al consiglio di sicurezza dell'Onu Zelensky attacca: "Costretti a votare sotto la minaccia delle armi, ogni annessione è criminale". Poi fa le congratulazioni via Twitter a Giorgia Meloni. La replica della leader di Fratelli d'Italia: "Conta sul nostro leale sostegno". Intanto si infittisce il vortice di accuse, sospetti e polemiche internazionali intorno al mistero delle tre falle nei gasdotti Nord Stream 1 e 2 che hanno provocato sensibili cali di pressione, oltre a fuoriuscite di materiale nel Mar Baltico. La Danimarca: "Atto deliberato, le perdite dureranno almeno una settimana. Anche per Kiev si tratta di "un attacco russo e un'aggressione contro l'Ue. La presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen rassicura: "Nessun impatto sulle forniture". Ma avverte: "Se lo stop è voluto, la reazione dell'Unione sarà forte". Nella regione russa del Daghestan, proseguono le proteste contro Putin con arresti e scontri tra manifestanti e polizia. Gli Usa: "Pronti ad accogliere chi fugge da Mosca per chiedere asilo". 

Gli approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

Zelensky: "Difenderemo nostro popolo in regioni occupate"

L'Ucraina "agirà per difendere il suo popolo" nelle quattro regioni occupate da Mosca, che hanno votato nei "referendum", approvando con maggioranze schiaccianti l'annessione alla Russia. Lo ha detto in un video postato sui social network il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "Agiremo per proteggere il nostro popolo nelle regioni di Kherson, Zaporizhzhia, nel Donbass, nelle zone occupate di Kharkiv e in Crimea", ha dichiarato dopo che le autorità filorusse hanno rivendicato i risultati.. "È chiaro e comprensibile che a queste condizioni Kiev non può negoziare con la Russia".
- di Redazione Sky TG24

Shoigu: "Siamo in guerra contro l’Occidente, potremmo usare la triade nucleare russa"

Il ministro della Difesa russa inasprisce i toni e per la prima volta abbandona pubblicamente la definizione di “operazione speciale” contro l’Ucraina per parlare di una “vera guerra contro la Nato e l’Occidente”. Aggiungendo che "tutti i tipi di armi, compresa la triade nucleare, possono adempiere ai loro compiti”. COSA HA DETTO
- di Redazione Sky TG24

Russia a Onu: "Referendum condotti in modo trasparente"


"Il giorno della vittoria è un giorno che queste persone possono celebrare, non devono celebrare i fascisti". Lo ha detto l'ambasciatore russo all'Onu, Vassily Nebenzia ,alla riunione del Consiglio di Sicurezza sull'Ucraina commentando i referendum nei territori occupati, che "sono stati condotti in maniera trasparente".  "Il regime di Kiev è stato focalizzato sulla distruzione della gente di questi territori con il sostegno di Ue e Usa, e non ha mai rispettato gli accordi di Minsk", ha aggiunto. 

- di Redazione Sky TG24

Le armi nucleari della Russia: da quelle strategiche alle tattiche, sono quasi 6mila

Secondo una stima della Federation of American Scientists Mosca avrebbe a disposizioni più testate di qualsiasi altro Paese al mondo e di tutte le riserve Nato messe insieme. Putin si è detto pronto a usare “tutti i mezzi militari a nostra disposizione per difendere il Paese e il popolo”. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Da stupri a esecuzioni: inchiesta Onu conferma crimini di guerra

Bombardamenti sulle aree residenziali, torture, bambini stuprati: sono solo alcune delle terrificanti accuse mosse dagli esperti Onu alla Russia, che è finita sotto accusa a Ginevra, davanti al Consiglio dei diritti umani. LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO.  
- di Redazione Sky TG24

Meloni a Zelensky: conta su nostro leale sostegno

- di stefano.santini

Zelensky: non c'è più nulla da discutere con Putin

"La Russia disprezza già la Carta delle Nazioni Unite. La Russia infrange già tutte le regole di questo mondo. Quindi è solo questione di tempo prima che distrugga quest'ultima istituzione internazionale che può ancora agire. L'esortazione è di agire ora. Il riconoscimento da parte della Russia dei referendum fasulli come presumibilmente normali, l'attuazione del cosiddetto "scenario della Crimea" e un altro tentativo di annettere il territorio dell'Ucraina significano che non c'è nulla di cui parlare con questo presidente della Russia. Ora c'è bisogno di un segnale chiaro da ogni paese del mondo". Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Telegram
credit: Ansa
- di stefano.santini

Energia, lo studio: da inizio guerra l’Ue ha versato alla Russia 85 miliardi di euro

Dall'inizio dell'invasione in Ucraina, l'Unione europea è stata il principale importatore di combustibili fossili russi. A fare i calcoli è il Centre for Research on Energy and Clean Air (Crea), secondo cui i guadagni complessivi di Mosca dalle esportazioni di petrolio, gas e carbone hanno raggiunto i 158 miliardi di euro da febbraio ad agosto, rispetto ai 100 miliardi di euro che, secondo le stime, il conflitto è costato al Cremlino. IL REPORT
- di Redazione Sky TG24

Von der Leyen: se interruzione gasdotto Nord Stream deliberata risposta sarà forte  

- di stefano.santini

Filorussi: vittoria referendum nel Donetsk, Lugansk, Kherson

Le autorità filorusse delle regioni di Lugansk, Donetsk e Kherson hanno annunciato la vittoria nei referendum di annessione alla Russia. Lo riporta la Tass precisando che in base ai risultati preliminari dello spoglio, nel Lugansk il 'sì' ha vinto con il 98,52%, nel Donetsk con il 94,75%. Nell'area di Kherson, dove i conteggi sono stati ultimati,  l'87,05% dei votanti ha detto 'sì' all'annessione
- di stefano.santini

Dalla Francia alla Germania, ecco come i Paesi tagliano il consumo di energia

I Paesi Ue hanno approvato il taglio della domanda di gas del 15% per il prossimo inverno, a causa del costo altissimo della materia prima e delle tensioni geopolitiche con Mosca. Intanto i "big" dell’Unione si stanno muovendo. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Medvedev: "Risultati referendum chiari, bentornati in Russia"

"I referendum si sono conclusi. I risultati sono chiari. Bentornati a casa, in Russia!". Lo ha scritto su Telegram il vice presidente del Consiglio di sicurezza della Federazione, Dmitry Medvedev, riferendosi ai referendum sull'annessione alla Russia che si sono tenuti nel Donbass e nelle regioni di Zaporizhzhia e Kherson e che sono stati bollati come una "farsa" da Kiev e dalla comunità internazionale.
I referendum nella regione di Zaporizhzhia - Credit Ansa
- di Redazione Sky TG24

Rigassificatori: che cosa sono, come funzionano e quanti sono in Italia

Tema ricorrente in questa campagna elettorale, si tratta di impianti deputati alla ricezione del gas liquido da Paesi non collegati e alla trasformazione in stato gassoso. Possono trovarsi sulla costa oppure in mare aperto, spesso come vere e proprie isole artificiali. Nel nostro Paese sono attualmente tre gli impianti presenti e quello di Piombino sarebbe il quarto. IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Costi energia in aumento: a rischio 575 miliardi cibo Made in Italy

L'esplosione dei prezzi energetici sta facendo registrare enormi rincari nella filiera agroalimentare. Con la produzione nazionale in difficoltà Coldiretti lancia l’allarme: “Intervenire subito”. LE STIME
- di Redazione Sky TG24

Zelensky su referendum: "Ogni annessione è un crimine"

Durante i referendum nei territori occupati "la gente è stata obbligata a votare mentre veniva minacciata con le armi e i risultati sono stati preparati con grande anticipo. Ogni annessione è un crimine". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parlando in video alla riunione del Consiglio di Sicurezza sull'Ucraina (a cui la Russia si è opposta). "L'annessione mette Putin da solo di fronte a tutta l'umanità. Credo nella vostra abilità di agire", ha aggiunto. 
- di Redazione Sky TG24

Filorussi rivendicano vittoria referendum a Zaporizhzhia

Le autorità filo-russe nella regione di Zaporizhzhia, nell'Ucraina meridionale, hanno annunciato la vittoria del 'sì' nel referendum sull'annessione alla Russia, un voto denunciato come illegittimo da Kiev e dai Paesi occidentali. La sedicente commissione elettorale della regione ha affermato che il 93,11% degli elettori ha votato per l'ingresso nei territori di Mosca, precisando però che si tratta per il momento di risultati preliminari. 
- di Redazione Sky TG24

Onu: "Referendum Ucraina illegali per diritto internazionale"

I referendum russi "si sono svolti durante un conflitto armato attivo, in aree sotto il controllo di Mosca, al di fuori del quadro giuridico e costituzionale dell'Ucraina. Non possono essere definiti un'espressione genuina della volontà popolare". Lo ha detto il capo degli Affari Politici dell'Onu, Rosemary Di Carlo, alla riunione del Consiglio di Sicurezza parlando del voto per l'annessione a Mosca che si sta tenendo nel Donbass, a Zaporizhzhia e Kherson.. "Azioni unilaterali volte a conferire una patina di legittimità al tentativo di acquisizione con la forza da parte di uno Stato del territorio di un altro Stato non possono essere considerate legali ai sensi del diritto internazionale", ha aggiunto. 
- di Redazione Sky TG24

Gas, quali sono le alternative per scaldare casa spendendo meno?

Legna e pellet implicano consumi minori, ma anche il prezzo di queste materie, nell'ultimo anno, è salito. Ci sono poi alcuni tipi di caldaie che potrebbero essere vantaggiosi, se ben installati e mantenuti. Ecco le possibili soluzioni per questo inverno. L'APPROFONDINENTO
- di Redazione Sky TG24