Afghanistan, a Kabul madri lanciano figli oltre il filo spinato dell'aeroporto

Corsa contro il tempo per evacuare migliaia di persone a rischio tra diplomatici e collaboratori. Nello scalo della capitale da domenica sono morte 12 persone nella calca. Biden si difende: il caos era inevitabile. G7 dei ministri degli Esteri: "Talebani garantiscano sicurezza e diritti". Draghi al lavoro su un G20 straordinario

1 nuovo post
Dopo i tentativi di rassicurazione scatta la repressione dei talebani, che sedano nel sangue qualsiasi forma di ribellione. Nella giornata di oggi l’esercito islamico ha sparato sulla folla nella città afgana di Asadabad (est) durante un raduno di persone che sventolava la bandiera nazionale. (LO SPECIALE - I VIDEO). E sono scena di disperazione quelle davanti all'aeroporto di Kabul: la gente si ammassa allo scalo della capitale sperando di poter salire su un volo, i talebani bloccano l'ingresso e organizzano check point sulle strade. Da domenica a oggi sono morte 12 persone nella calca. A questo, si aggiunge il dramma delle madri che, per mettere i propri figli in salvo, lancia i bambini oltre il filo spinato dell’aeroporto della capitale. "Siamo davanti a una grave crisi umanitaria", dice ai nostri microfoni il console italiano rimasto a Kabul per seguire le operazioni di rimpatrio di connazionali e collaboratori afghani (LE SUE PAROLE)

Diplomazie al lavoro

"Garantire la sicurezza di chi vuole lasciare Kabul". A lanciare l'appello è il G7 esteri che si rivolge ai talebani mentre le foto delle madri disperate che passano i loro figli sopra il filo spinato ai soldati stranieri pur di metterli in salvo fanno il giro del mondo. I ministri degli Esteri chiedono il rispetto dei diritti umani, inclusi quelli "delle donne, dei bambini e delle minoranze".
L'Italia lavora a un G20 straordinario a settembre. Per Draghi è la "sede naturale del dialogo sul futuro" del Paese. Borrell: "Russia e Cina non possono sostenere i talebani con noi che restiamo da parte". Pechino: da Kabul segnali incoraggianti, ma c'è il rischio di guerra civile. Mosca fa evacuare parte del personale diplomatico.
 

Gli approfondimenti:

​​Per ricevere le notizie di Sky TG24:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del Tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

​​Per ricevere le notizie di Sky TG24:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del Tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, il dramma degli sfollati interni: il reportage di Sky TG24 da Kabul

Dopo la caduta della capitale in mano ai talebani, tanti afghani cercano di lasciare il Paese. Ma tanti sono anche gli sfollati interni, abbandonati a loro stessi. Francesca Mannocchi ha raccolto alcune testimonianze da un campo in cui vivono donne, uomini e bambini scappati dalle loro terre sicuri di trovare la salvezza a Kabul: non immaginavano che da lì a poco anche la città sarebbe stata presa. GUARDA IL VIDEO
- di Redazione Sky TG24

Chi è Baradar, il nuovo leader dei talebani in Afghanistan

Nelle ultime ore si discute su chi sarà alla guida del nuovo Emirato islamico tra i capi del movimento. Un alto funzionario ha rivelato che molto probabilmente non lo diventerà Haibatullah Akhundzada, capo supremo dei talebani. Più facile che la carica venga assunta da uno dei suoi tre vice: Mawlavi Yaqoob, Sirajuddin Haqqani e Abdul Ghani Baradar. Quest'ultimo sembra favorito. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, il console Claudi a Sky TG24: “È una grave crisi umanitaria”

Il diplomatico, in collegamento via Skype dall’aeroporto di Kabul, spiega che la Farnesina ha messo “a disposizione ogni risorsa possibile. La macchina dell’ambasciata non si è mai fermata. Abbiamo assicurato una presenza costante all’aeroporto militare e stiamo continuando a organizzare voli di evacuazione. L’obiettivo principale è quello di non lasciare indietro nessuno. GUARDA IL VIDEO
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, talebani al potere: le conseguenze e gli scenari futuri secondo gli esperti

Il ritorno dopo 20 anni del movimento - basato su un'interpretazione radicale della legge islamica - delinea nuovi scenari nella geopolitica mondiale, a partire dal tema dei profughi fino ad aspetti politici ed economici che coinvolgono Paesi come la Cina, la Russia, la Turchia e l’Iran. Al centro la figura del Mullah Abdul Ghani Baradar, ma anche le divisioni interne ai talebani e l’incognita della presenza di elementi qaedisti e di Isis al loro fianco. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Sharia, cos’è e cosa prevede la legge islamica a cui si ispirano i talebani

Nei Paesi islamici esistono diverse interpretazioni del Corano, il libro con le rivelazioni di Allah a Maometto, e della Sunna, l’insieme degli atti e dei detti di Maometto. Le milizie che hanno conquistato l’Afghanistan si ispirano a una forma radicale dei precetti religiosi che vanno a stabilire anche principi penali e scale di accettabilità nelle azioni quotidiane. Dibattuta la situazione della posizione femminile. I talebani tornati al potere: “Donne studieranno e saranno al governo, nel rispetto della Shari'a". IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan. secondo aereo spagnolo in partenza da Dubai 

Un aereo militare spagnolo lascerà Dubai durante la notte per dirigersi all'aeroporto di Kabul, da dove rimpatrierà spagnoli e collaboratori afghani. Lo ha annunciato giovedì sera il ministero degli Esteri spagnolo. "Un aereo A400M partirà questa notte da Dubai per Kabul dove prenderà un secondo gruppo di persone che la Spagna sta evacuando dall'Afghanistan", ha detto il ministero, specificando che l'aereo decollerà da Dubai "verso le 3:00 ora spagnola". In serata, il ministero ha riferito che un quarto aereo era partito da Saragozza, nel nord-est della Spagna, per Dubai per partecipare alle stesse operazioni di rimpatrio. Un primo aereo spagnolo aveva riportato in Spagna, all'alba, una cinquantina di afghani e cinque spagnoli, atterrando alla base militare di Torrejón de Ardoz (a nord-est di Madrid). 
- di Redazione Sky TG24

Chi sono, quale storia hanno e cosa vogliono i leader talebani: cronistoria

Il movimento nacque nel 1994 nella città di Kandahar. Fu fondato dal mullah Mohammed Omar, morto nel 2013. Furono al potere, come Emirato Islamico dell'Afghanistan, dal 1996 al 2001, quando le truppe Usa si insediarono nel Paese dopo gli attentati dell'11 settembre dello stesso anno. Portatori di un'interpretazione radicale della legge islamica, secondo fonti americane potrebbero contare su 60mila uomini armati attivi e 10mila foreign fighters. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan: Sky TG24 a Jalalabad, dove fu uccisa la giornalista Malala Maiwand

Nel reportage di Francesca Mannocchi le testimonianze dei parenti della 26enne uccisa lo scorso dicembre. I talebani negli ultimi mesi, durante la loro riconquista del Paese, hanno colpito spesso le donne e i media. GUARDA IL VIDEO
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, calciatore Nazionale giovani morto cadendo da volo che ha evacuato 640 civili

Il ragazzo aveva tentato di salire sul Boeing C-17 statunitense diretto alla base di Al Udeid in Qatar. L'Aviazione Usa fa sapere che sono stati trovati altri deceduti nel vano di una ruota del mezzo. L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan nel caos: gente in strada a Kabul, ancora ressa all'aeroporto

La calca nello scalo internazionale Hamid Karzai ha provocato 12 vittime da domenica. Migliaia di persone continuano a provare ad accedere all'aeroporto sperando di poter salire su un volo. Un alto ufficiale afghano ha raccontato di alcune madri che hanno lanciato i loro figli oltre il filo spinato che delimita l'area. Già atterrati oltre 200 afghani a Fiumicino. Intanto i talebani hanno bloccato l'ingresso e organizzato check point sulle strade di accesso. LA GALLERY
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, pilota militare Praga: arduo volare da Kabul

"Ho compiuto alcuni voli non tradizionali ma questo è stato arduo e dannatamente lungo": così un pilota militare della Repubblica ceca, appena tornato dall'Afghanistan con a bordo 62 persone tra connazionali e collaboratori afghani con i familiari, ha raccontato le difficoltà incontrate per lasciare l'aeroporto di Kabul. Un decollo "a proprio rischio", praticamente senza controllo del traffico aereo e rifornimento, ha riferito il pilota, identificato dal ministero della Difesa solo come "Maggiore M
M", da un ventennio nell'aeronautica. 
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, Usa: 6mila persone pronte a imbarcarsi a Kabul

Ci sono 6.000 persone all'aeroporto di Kabul che hanno completato le procedure burocratiche e "presto saliranno a bordo degli aerei". Lo ha dichiarato durante un briefing il portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price, annunciando che stasera è prevista la partenza di 20 aerei. Le autorità statunitensi sono "consapevoli della congestione intorno all'aeroporto" e stanno "lavorando a stretto contatto con il Dipartimento della Difesa per facilitare un accesso sicuro e ordinato" allo scalo, ha aggiunto Price, precisando che la priorità di imbarco sarà data ai cittadini statunitensi
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, Guardian: 'No evacuazione per 125 guardie ambasciata Gb' 

Oltre 100 guardie dell'ambasciata britannica a Kabul non verranno evacuate a causa di un 'cavillo', essere stati assunti da una società di contractor. Lo rivela il Guardian. Alla squadra, 125 unità, è stato comunicato ufficialmente che non c'è più lavoro, non è più necessario vigilare la sede diplomatica, nonostante alcune delle guardie abbiano protetto l'ambasciata per oltre un decennio. Alla richiesta di evacuazione è stata data luce verde solo per 21 traduttori, mentre GardaWorld, la società che ha assunto i 125, afferma di avere le mani legate, senza il via libera del Foreign Office. Diversa la situazione per le guardie afghane dell'ambasciata Usa: anche loro sotto contratto della GardaWorld sono stati tutti evacuati, sottolinea il Guardian.
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan. Erdogan: sediamoci al tavolo con i talebani

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha aperto al dialogo con il governo dei talebani, tornati al potere in Afghanistan. "I nostri sforzi sono innanzitutto diretti alla stabilità e sicurezza dell'Afghanistan. Se sarà necessario, quando i talebani avranno nominato un governo potremmo avere degli incontri e in caso stabilire un'agenda comune". La Turchia è presente in Afganistan dal 2002 e collabora al mantenimento della sicurezza dell'aeroporto insieme ad altri Paesi Nato dal 2015. 
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, ucciso da Talebani parente giornalista Deutsche Welle

Un parente di un giornalista che lavora per Deutsche Welle è stato ucciso dai Talebani in Afghanistan. Lo ha riferito l'emittente tedesca, secondo cui i Talebani sono andati casa per casa nell'Afghanistan occidentale alla ricerca del giornalista, che ora lavora in Germania. Un secondo membro della famiglia è rimasto gravemente ferito nell'attacco, mentre altri parenti dell'uomo sono riusciti a fuggire all'ultimo secondo e sono in fuga.
 
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan, Di Maio a Guterres: priorità evacuazione umanitaria

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha avuto un colloquio telefonico con il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, incentrato sulla situazione in Afghanistan. Lo ha riferito una nota della Farnesina. Il capo della diplomazia ha indicato come l'immediata priorita' italiana sia il completamento delle operazioni di rimpatrio dei cittadini italiani e di evacuazione umanitaria dei collaboratori afghani, dei loro famigliari e di altre persone vulnerabili. Il titolare della Farnesina ha poi confermato il sostegno agli sforzi delle Nazioni Unite nel Paese per il mantenimento della pace e sicurezza e per fornire assistenza umanitaria, auspicando che possa essere consentito l'accesso immediato, sicuro e senza ostacoli alle agenzie Onu e ad altri attori umanitari.
- di Redazione Sky TG24

Afghanistan: Stati generali delle donne 'ora Caschi rosa' 

"Gli Stati Generali delle Donne, con l'Alleanza delle Donne, vista l'emergenza in atto in Afghanistan e nell'ambito delle azioni proposte dal progetto Città delle Donne, si sono mobilitati con urgenza proponendo l'iniziativa "Caschi Rosa" e facendo appello a tutte le istituzioni italiane con due obiettivi: far giungere la richiesta di protezione attiva all'Onu, in Afghanistan, con l'operazione "Caschi Rosa"; attivare in Italia un sistema di concreta accoglienza per le giovani donne provenienti dall'Afghanistan che, in collaborazione con Enti e Istituzioni preposte all'attivazione di corridoi umanitari, permetta loro di concludere percorsi di formazione e istruzione presso le nostre scuole, Università, Centri di Formazione". A chiedere un intervento "rapido e unitario" è Isa Maggi, presidente nazionale dell'associazione "Stati Generali delle donne". Già molti sono i Sindaci e Sindache che hanno volontariamente avanzato proposte di accoglienza a donne e bambini, informa la nota di Maggi.
- di Redazione Sky TG24

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24