Elezioni e governo, le news di oggi. Martedì il consiglio federale della Lega

Il vertice del partito per fare il punto sui nomi per i ministeri. Strappo di Bossi che fonda la corrente del Nord. Il coordinatore di Forza Italia Tajani a Sky TG24: "Tecnici siano casi non la regola, nessuna frizione con Meloni e Salvini". Calenda: "Alle regionali di Lombardia e Lazio il sistema elettorale non prevede ballottaggio, ne terremo conto per le eventuali alleanze"

1 nuovo post
Mentre Giorgia Meloni continua a lavorare alla futura squadra del governo, nella Lega le acque restano agitate: martedì è in agenda un altro Consiglio Federale "per condividere e poi scegliere i nomi più adatti" per un possibile esecutivo. Il coordinatore di Forza Italia Tajani, parlando a Sky TG24, sottolinea: "Tecnici siano casi non la regola". Nel frattempo, Carlo Calenda guardando alle Regionali dice: "Mi incontrerò con Renzi e parleremo anche delle regionali definendo una linea per il Lazio e la Lombardia", e sottolinea che "il sistema elettorale è quello che, non prevede ballottaggio e ne terremo conto per le eventuali alleanze". Nel Pd Stefano Bonaccini, riflettendo sul suo partito, spiega: "Anche la classe dirigente va rinnovata nella sostanza, non per slogan". Sull'emergenza energetica, il ministro della Transizione Roberto Cingolani ha detto che nelle prossime 48 ore l'Italia manderà una sua proposta per ridurre il prezzo del gas e l'obiettivo comune è quello di arrivare al prossimo vertice dei capi di Stato e di governo europei di Praga il 6 e 7 ottobre con "una decina di linee concordate".
 

Gli approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Tajani a Sky TG24: “Siamo per un governo politico. Tecnici siano dei casi, non la regola”

Il coordinatore di Forza Italia: “Prematuro fare ora i nomi dei ministri, sono importanti i contenuti e i criteri per un governo di alto profilo”. Poi nega frizioni con Meloni e Salvini. Sul caro bollette: “Il tetto al prezzo del gas è la strada. Serve unità in Europa”. Sul Pnrr: “Ok modifiche, ma che non stravolgano”. L'INTERVISTA COMPLETA
- di Redazione Sky TG24

Elezioni, diminuiscono le donne in Parlamento: è il primo calo in 20 anni

La percentuale di donne alla Camera e al Senato, spiega la docente Flaminia Saccà, sarà intorno al 31%, mentre nella scorsa legislatura era al 35%. Numeri più alti per il Terzo Polo, segue il M5S, poi il centrosinistra e il centrodestra. Alle urne sono andati più elettori e meno elettrici: "In quasi 9 comuni su 10 (87,18%) l'affluenza maschile è maggiore di quella femminile", dice Davide Del Monte di onData. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Pensioni, cosa potrebbe cambiare con Giorgia Meloni al governo

Dall’introduzione di “un meccanismo di solidarietà intergenerazionale” alla flessibilità in uscita fino al ricalcolo delle “pensioni d’oro”: ecco cosa propone nel suo programma Fratelli d'Italia. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Meloni, prima uscita pubblica a Milano: “L'Italia deve tornare a difendere suo interesse"

Prima uscita pubblica post elettorale per la leader di FdI, intervenuta al Villaggio Coldiretti. "Se saremo chiamati a governare, daremo risposte efficaci e immediate ai principali problemi", ha detto. Sul caro energia: “Siamo in contatto con il governo uscente, impegnato in una trattativa complessa a livello europeo. Bisogna capire come possiamo intervenire sui costi di questo autunno”. Sul gas: il tema non è come compensare la speculazione ma come fermarla. In mattinata incontro con Berlusconi: “Unità di intenti”. L'ARTICOLO COMPLETO
- di Redazione Sky TG24

Bossi dà vita a Comitato Nord, prima corrente interna alla Lega

Il Senatur ha deciso di dare vita a una formazione 'nordista'.  Si tratta di un "passaggio vitale", spiega il fondatore del Carroccio, "per riconquistare elettori". Le adesioni partono da Lombardia e Veneto. Intanto esce una nota del partito di Salvini in cui si spiega che "questa legislatura sarà quella che attuerà l'autonomia".
- di Redazione Sky TG24

Superbonus, con nuovo governo ipotesi riordino tra prima e seconda casa

La maxideduzione al 110% potrebbe lasciare spazio a una più contenuta al 60-70%, garantita però a lungo termine, o potrebbe essere diversificata in base al reddito del beneficiario o al tipo di immobile oggetto dei lavori, più alta in caso di prima casa (non di lusso), più bassa per la seconda. Sarebbero queste, secondo quanto riferiscono fonti interne al partito, alcune delle opzioni su cui Fratelli d'Italia sta ragionando. Cosa cambierebbe
- di Redazione Sky TG24

Renzi, se Meloni farà cose giuste saremo con lei

Siamo già al 'Giorgia stai serena'? No no, non è ancora partita... Ho scherzato quando ho detto che ogni due anni faccio cadere un governo...". Lo dice Matteo Renzi a Controcorrente su Rete 4. Meloni si muove sul solco di Draghi? "La giudicheremo dai fatti. Però ricordo che non ha votato a favore del Pnrr e essere patrioti e pensare agli interessi dell'Italia vuol dire prendere quei soldi". Ma "se Meloni farà cose giuste saremo con Meloni, se sbaglia saremo contro. Se sono bravi andranno avanti, altrimenti falliranno", ha concluso il leader di Iv.

- di Maurizio Odor

Renzi: interesse Paese è che Meloni inizi a lavorare

"Ora è importante che il prima possibile ci sia il governo, io sarò all'apposizione e vediamo che cosa Meloni riuscirà a fare. Io dico che Meloni cambierà idea su molte cose sull'Europa, ma è bene che Meloni inizi presto a lavorare". Lo ha detto Matteo Renzi a Carta Bianca su Rete 4. "Oggi l'interesse del Paese è che Meloni inizi a lavorare. In Europa la situazione e' bella complicata: c'è un clima internazionale devastante con il rischio di una guerra nucleare, abbiamo il caro energia e l'inflazione, quindi è giusto che il governo Meloni parta", ha aggiunto.
- di Redazione Sky Tg24

Il Pd, il congresso e la danza frenetica dei candidati

Nuova puntata de "La Guida" di Massimo Leoni. Dopo le elezioni, per aiutarci a capire cosa succede adesso. L'ANALISI
- di Redazione Sky TG24

Cdm, le nomine in extremis del governo Draghi: chi sono i sei ˈpromossiˈ

Tra le novità emerse dall’ultimo Consiglio dei ministri anche l’assegnazione di mezza dozzina di posti nelle più alte sfere della pubblica amministrazione, ad opera dei ministri Guerini e Di Maio. Una mossa che promette di sollevare polemiche, essendo arrivata da un esecutivo dimissionario, all'ultimo minuto e dopo il chiaro risultato delle elezioni.

- di Redazione Sky TG24

Governo, Renzi: Meloni si accorgerà che Ue non è Instagram

Credo che la Meloni si accorgerà presto che il Consiglio europeo non è Instagram, che Bruxelles non è Atreju e che quindi dovrà fare le cose in modo molto diverso da come le ha fatte in campagna elettorale. Che decida di farlo con i tecnici o con i politici è un problema loro". Lo ha affermato Matteo Renzi, leader di Italia Viva, parlando a margine di una iniziativa postelettorale a Firenze. "Vedremo - ha proseguito Renzi - che governo verrà fuori. Io da italiano spero che sia il governo migliore del mondo, conoscendoli non credo che sarà così. Noi faremo opposizione molto seria, molto civile, molto rigorosa, e si vedranno due opposizioni. Una populista, alla Giuseppe Conte, e l'opposizione nostra, rigorosa e riformista. Quelli che stanno nel mezzo di queste due opposizioni decideranno se stare con noi o con Conte, ma è un problema loro". 
- di Maurizio Odor

Iv: Renzi; noi siamo il futuro, nostro spazio crescerà alle europee

Noi abbiamo preso 15% a Firenze, il futuro è davanti a noi. Alle europee lo spazio politico per noi crescerà. C'è molta amarezza per il governo Meloni, ma adesso tocca a loro. Noi siamo il futuro". Lo ha detto Matteo Renzi a margine di una iniziativa a Firenze.
- di Maurizio Odor

Renzi: avanti con Azione ma anche altre esperienze

"Da qui al prossimo anno e mezzo si va avanti insieme, non solo con Azione, perché non basta: perché quel simbolo sia il più votato alle europee bisogna andare a prendere altre esperienze, che stanno solo aspettando". Così Matteo Renzi, leader di Italia Viva, durante il suo intervento ad una serata di ringraziamento agli elettori toscani. "Ci saranno divisioni profonde a destra, dove i nodi verranno al pettine; e c'è un pezzo di sinistra che quando arriverà alle strette non vorrà stare con Conte e Casalino".
- di Maurizio Odor

Dopo il voto, i problemi interni ed esterni del governo nascente

Le difficoltà del futuro governo Meloni analizzate nella uova puntata de "La Guida" di Massimo Leoni. Dopo le elezioni, per aiutarci a capire cosa succede adesso.
- di Redazione Sky TG24

Renzi: Meloni non è problema, temo non sia soluzione 

"La Meloni non è il problema, ho paura che non sia la soluzione". Lo ha detto Matteo Renzi, leader di Italia Viva, intervenendo a una iniziativa postelettorale a Firenze. "Se continui a dire cose sovraniste, cara Giorgia - ha aggiunto -, la pacchia è finita per noi. Ora facciamo un passo tutti insieme verso gli stati uniti d'Europa; fai davvero, cara Giorgia, l'interesse dell'Italia: se si tira su muro ora, si rimane schiacciati. Il vero interesse dell'Italia è chiedere un'Europa più forte". Dopo il voto, i problemi interni ed esterni del governo nascente
- di Redazione Sky TG24

La lista dei parlamentari eletti alla Camera e al Senato

Dopo le elezioni prende forma il nuovo Parlamento. Su 400, sono 235 i seggi conquistati dal centrodestra a Montecitorio, mentre la coalizione di centrosinistra avrà 80 seggi, il M5S 51, il Terzo Polo 21. A Palazzo Madama, sono 115 i candidati del centrodestra eletti, 41 quelli del centrosinistra, 28 del M5S, 9 di Azione-Italia Viva. TUTTI I NUMERI E I NOMI
- di Redazione Sky TG24

Da Di Maio a Paragone: i flop di candidati e partiti alle urne. FOTO

La mappa del voto delinea il quadro di vincitori e sconfitti. Il ministro degli Esteri battuto nel collegio di Napoli Fuorigrotta rimarrà fuori dal prossimo Parlamento. Non raggiungono la soglia di sbarramento molte altre forze politiche: da Italexit a Italia sovrana e popolare. Esclusi anche De Magistris, Adinolfi, Sara Cunial. Performance deludenti anche per Toti e Brugnaro in Liguria e Veneto.
- di Redazione Sky TG24