Quali erano le promesse di Giorgia Meloni in campagna elettorale? Il programma di FdI

Politica
©IPA/Fotogramma

Il documento presentato dalla leader di Fratelli d'Italia prima delle elezioni è intitolato “Pronti a risollevare l’Italia” ed è composto da 25 punti: molti gli argomenti toccati, dalla riforma del fisco al sostegno alla natalità fino all’aggiornamento del Pnrr. Ecco i temi principali

Le promesse che Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha fatto agli italiani in campagna elettorale sono contenute nel programma del partito, presentato lo scorso agosto. Il “piano di volo” s’intitola “Pronti a risollevare l’Italia” ed è composto da 25 punti che affrontano temi come il fisco, la natalità e l’aggiornamento del Pnrr (ELEZIONI: GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE - TUTTI I VIDEO).

Il “piano di volo” di Fratelli d’Italia

leggi anche

Elezioni: affluenza definitiva al 63,91%, mai così bassa. I DATI

"In un piano di volo si individua una meta, si traccia la rotta e si prepara la partenza. È così che  prende forma ogni viaggio. Proprio come un programma di governo”, si legge nella premessa del programma di Fdi - intitolato "Pronti a risollevare l'Italia - che propone "il piano di volo" con cui “Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni intendono affrontare il viaggio che il movimento dei patrioti e dei conservatori italiani compirà una volta al governo della Nazione". In un passaggio si legge che “la storia da cui prende le mosse questo viaggio è raccontata dall'identità culturale e dall’impegno patriottico che hanno sempre caratterizzato le battaglie di Fratelli d'Italia per riscattare l'Italia da anni di malgoverno della sinistra. Oggi come ieri, siamo determinati a non arrenderci al declino  economico, sociale, culturale e politico della Nazione”.

I 25 punti del programma di Fratelli d’Italia

vedi anche

Elezioni, Idee per l’Italia: le domande di Sky TG24 a Giorgia Meloni

Nel programma di Fratelli d’Italia sono elencati 25 punti: "Sostegno alla natalità e alla famiglia”; "efficiente utilizzo di risorse Pnrr e fondi europei"; "fisco più equo e difesa del potere d’acquisto degli italiani"; "sostenere il sistema imprenditoriale italiano"; "made in Italy e orgoglio italiano”; "Sostenere la dignità del lavoro"; "Largo ai giovani"; "Rilanciare la scuola, l'università e la ricerca”; "Per un vero Stato sociale che non dimentichi nessuno"; "Il diritto a una vecchiaia serena"; "Una sanità al servizio della persona"; "A difesa della libertà e della dignità di ognuno"; "Cultura e bellezza, il nostro Rinascimento"; "Il turismo e la nostra crescita felice"; "Agroalimentare pilastro del sistema Italia"; "A difesa dell'ambiente e della natura"; "Energia pulita, sicura e a costi sostenibili"; "Ripartire da investimenti e infrastrutture; Trasporti per un'Italia più veloce, più collegata, più smart"; "Sud opportunità di crescita per l'Italia"; "Fermare l'immigrazione illegale e restituire sicurezza ai cittadini"; Una giustizia giusta e celere, per cittadini e imprese"; "Diamo  Credito a famiglie e imprese"; "Presidenzialismo, stabilità di governo e Stato efficiente"; “Italia protagonista in Europa e nel mondo”.

“No tasse sui primi 100mila euro per acquisto prima casa”

vedi anche

Quando avremo un nuovo governo? Cosa succede adesso

Il primo punto del programma di Fratelli  d'Italia è il sostegno alla natalità e alla famiglia, tra le  ricette "la progressiva introduzione del quoziente familiare, cioè di un sistema di tassazione che tenga conto del numero dei componenti del nucleo familiare". Ed ancora: "L'aumento degli  importi per l'assegno unico e universale: fino a 300 euro al mese per il primo anno di ogni figlio, fino a 260 euro dal secondo anno di vita fino ai 18 anni e mantenimento dell'attuale assegno fino a 21 anni". Tra le proposte avanzate dal partito della Meloni anche quelle riguardanti sulla casa. Occorre - si legge nel documento - "destinare maggiori risorse al Fondo di garanzia per l'acquisto della prima casa per le giovani coppie di lavoratori precari. No a nuove tasse sulla prima casa e zero tasse sui primi 100mila euro per l'acquisto della prima casa. La dimora della famiglia deve essere un bene non aggredibile: impignorabilità della prima casa, salvo i casi di mancato pagamento del mutuo ipotecario, e a patto di essere in regola con gli obblighi condominiali. Tutela della proprietà privata e sgombero immediato delle occupazioni senza titolo".

“Serve un mirato aggiornamento del Pnrr”

leggi anche

Rinegoziare il Pnrr: cosa c’è scritto nel programma del centrodestra

L'obiettivo di Fdi è arrivare ad un "mirato aggiornamento del Pnrr alla luce della crisi scaturita dal conflitto in Ucraina e dall'aumento dei prezzi delle materie prime, rimodulando le risorse interamente italiane del "Fondo complementare" e, per le risorse europee, proponendo alla Commissione di operare modifiche specifiche nei limiti di quanto stabilito dall'art.21 del Regolamento europeo sul Next Generation Eu". "L'obiettivo è destinare maggiori risorse all'approvvigionamento e alla sicurezza energetici, liberare l'Italia e l'Europa dalla dipendenza dal gas russo, e mettere al riparo la popolazione e il tessuto produttivo da razionamenti e  aumenti dei prezzi", si legge nel programma di Fdi al secondo punto riguardante l'uso dei fondi del Pnrr. "L'Italia - si legge - ha una collocazione geografica che le permette di convogliare le ingenti fonti di approvvigionamento energetico primarie che vengono dal Nord Africa e dall'est del Mediterraneo, diventando un vero e proprio hub strategico: è interesse di tutta l’Unione diversificare il più possibile le linee di approvvigionamento per affrancarsi dalla dipendenza russa. Anche per questo motivo il Pnrr va ricalibrato alla luce dei nuovi scenari geopolitici".

“Saldo e stralcio cartelle fino 3mila euro”

leggi anche

Elezioni, il programma del centrodestra di FdI, Lega e Fi: i 15 punti

Fratelli d'Italia propone poi un patto fiscale per il Paese. È quanto si legge nel programma visionato dall'Agi. "Ridurre la pressione fiscale su imprese e famiglie attraverso una riforma all'insegna dell'equità: riforma dell'Irpef con progressiva introduzione del quoziente familiare; estensione della flat tax per le partite Iva fino a 100mila euro di fatturato; introduzione della flat tax sull'incremento di reddito rispetto alle annualità precedenti, con la prospettiva di un ulteriore ampliamento per famiglie e imprese; progressiva eliminazione dell'Irap e razionalizzazione dei micro-tributi. Basta - si sottolinea in un passaggio - con  la miope politica dei bonus, da sostituire con misure stabili e durature". Inoltre: "Garantire un fisco equo e non vessatorio partendo da un accordo Fisco-contribuente per il pregresso". Per le cartelle in essere si spiega: "'Saldo e stralcio' fino a 3mila euro per le persone in difficoltà e, per importi superiori, pagamento dell'intera imposta maggiorata del 5% in sostituzione di sanzioni e interessi, e rateizzazione automatica in 10 anni. Per le situazioni che precedono la cartella esattoriale, la "Tregua fiscale" con la formula del 5+5: imposta definita attraverso una interlocuzione con l'Amministrazione finanziaria, sanzione forfettaria al 5% e rateizzazione automatica in 5 anni".

Politica: I più letti