Covid, ultime news. Bollettino: 17.030 casi e 74 morti, tasso di positività 2,9%

Processati 588.445. In aumento le terapie intensive (+10, 708) e i ricoveri ordinari (+87, 5.385). I dati del monitoraggio settimanale dell'Iss: lieve calo dell'indice Rt a 1.20, mentre sale l'incidenza dei casi ogni 100mila abitanti (ora a 155). Da lunedì super green pass per ristoranti e attività ricreative e green pass sui mezzi pubblici. Il sottosegretario Costa: "Ad oggi l'obbligo vaccinale non è all'ordine del giorno". Il coordinatore del Cts Locatelli a Sky TG24: "Quarta dose possibilità concreta"

1 nuovo post
Secondo gli ultimi dati del ministero della Salute, sono 17.030 i nuovi contagi su 588.445 tamponi processati in 24 ore. I morti sono 74. Il tasso di positività è al 2,9%. Salgono terapie intensive (+10, 708 in totale) e i ricoveri (+87, in totale 5.385). (BOLLETTINO - GRAFICHE - MAPPE)
I dati del monitoraggio settimanale dell'Iss: l'incidenza settimanale a livello nazionale continua ad aumentare: 155 per 100mila abitanti (26/11/2021-02/12/2021) rispetto a 125 per 100mila abitanti della settimana precedente. Nel periodo 10 novembre - 23 novembre 2021, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato invece pari a 1,20 (range 1,12 - 1,28), al di sopra della soglia epidemica ma in diminuzione rispetto a 1,23 della settimana precedente. In aumento i ricoveri ordinari e in terapia intensiva. Allarme posti letto in Valle d'Aosta, Lombardia vicina alla zona gialla. Locatelli a Sky TG24: "In Italia 7 milioni di persone hanno ricevuto la terza dose". Sottosegretario Costa: "Obbligo vaccinale non è all'ordine del giorno".

Le ultime notizie:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

- di Costanza Ruggeri

Il liveblog termina qui. Segui tutti gli aggiornamenti sul nuovo liveblog

- di Steno Giulianelli

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Steno Giulianelli

Mappe Ecdc: tutta Europa in rosso, giallo rimane solo in Italia e Spagna

Piemonte, Toscana, Umbria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna, insieme alla regione spagnola dell’Estremadura, sono gli unici territori europei ancora classificati a rischio di diffusione coronavirus non elevato. Friuli-Venezia Giulia e Bolzano rosso scuro, come gran parte del Continente. L’incidenza di contagio più alto si registra in Germania, Est-Europa, Grecia, Irlanda e Benelux. 
- di Steno Giulianelli

Rapporto Censis: con Covid aumenta povertà, 5,8% degli italiani convinto Terra sia piatta

L'ultimo rapporto dell’Istituto evidenzia che nel 2020 erano due milioni le famiglie in difficoltà e che l’irrazionalità ha infiltrato il tessuto sociale. Ancora poche le donne che lavorano, mentre tra i giovani cresce il senso di disorientamento e disagio esistenziale
- di Steno Giulianelli

Covid, in Gb altri 75 casi Omicron, anche senza link a viaggi

Nel Regno Unito sono stati individuati altri 75 casi positivi al Coronavirus con la variante Omicron: lo rendono noto le autorita' sanitarie. Il numero totale dei casi Omicron, si legge sul sito del Guardian, sale cosi' a 104. Jenny Harries, della Health Security Agency, ha spiegato che "continuiamo a monitorare i dati e a rintracciare coloro che hanno avuto contatti con le persone in cui e' stata trovata la variante". "Abbiamo iniziato a registrare casi con la variante senza un link a un viaggio e questo significa che abbiamo una piccola diffusione di Omicron nella popolazione", ha proseguito Harries sottolineando che "e' fondamentale che chiunque abbia i sintomi del Covid si metta in isolamento e faccia un tampone molecolare immediatamente". 
- di Steno Giulianelli

Covid, in Fvg superati 4000 morti da inizio pandemia

Dall'inizio della pandemia da Covid 19 in Friuli Venezia Giulia sono state registrate oltre 4 mila vittime. E' quanto emerge dal report diffuso oggi dalla Regione. I decessi ammontano complessivamente a 4.008, con la seguente suddivisione territoriale: 925 a Trieste, 2.047 a Udine, 716 a Pordenone e 320 a Gorizia. Oggi sono state registrate 12 vittime. Il dato totale - precisa la Regione - e' stato ridotto di una unita' "in seguito a una verifica sui sistemi informativi". I totalmente guariti sono 121.514, i clinicamente guariti 205, le persone in isolamento 7.315
- di Steno Giulianelli

Di Maio: pronti ad ogni misura per non chiudere l'Italia

"Noi in questo momento possiamo permetterci il lusso di non discutere ancora di obbligo vaccinale solo perche' abbiamo l'87% della popolazione (target, ndr) che e' vaccinata. Lo dobbiamo agli italiani, e dobbiamo continuare a lavorare affinche' quella parte rimanente la si possa convincere a vaccinarsi. Tutte le misure che la comunita' scientifica proporra' per evitare la chiusura del Paese, noi le dobbiamo adottare". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, parlando con i giornalisti a margine dei Med Dialogues.
 
- di Steno Giulianelli

Covid, in Francia 50mila casi in 24h, oltre 2.000 in rianimazione

Continua a peggiorare la situazione epidemiologica in Francia: nelle ultime 24 ore il Paese ha registrato 49.858 nuovi casi di Covid, un numero superiore rispetto a quello rilevato giovedi' (48.416). Il tasso di incidenza e' pari a 366,8 e i pazienti nei reparti di terapia intensiva hanno superato quota 2.000. Sono 12 i casi positivi con la variante Omicron trovati finora, rendono noto le autorita' sanitarie. 
- di Steno Giulianelli

Fmi apre a revisione ribasso crescita mondo, pesa Omicron

Omicron potrebbe rallentare la crescita mondiale e spingere il Fmi a rivedere al ribasso le sue stime di crescita per l'economia. Lo afferma il direttore generale del Fmi, Kristalina Georgieva, secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg. Intervenendo a un incontro organizzato da Reuters, Georgieva mette in evidenza come la variante "puo' molto rapidamente intaccare la fiducia. Vedremo probabilmente una revisione al ribasso delle nostre stime di crescita di ottobre".
 
- di Steno Giulianelli

Green pass, Piantedosi firma piano per Roma: controllori e forze ordine per verifiche su Tpl

Saranno le forze dell'ordine ma anche i controllori delle aziende della mobilità, in quanto incaricati di pubblico servizio, a eseguire le verifiche sul possesso del green pass per gli utenti che usufruiranno del trasporto pubblico locale nella Capitale. È quanto prevede il piano firmato dal prefetto di Roma Matteo Piantedosi per i controlli che scatteranno dal 6 dicembre, previsti dall'ultimo decreto approvato dal governo con le misure anti-Covid. Le verifiche saranno eseguite prevalentemente a terra e in uscita per non paralizzare la circolazione ma anche a bordo e in entrata.-
- di Steno Giulianelli

Covid, in Brasile 10.627 casi e 221 morti in ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore il Brasile ha registrato 221 morti di Covid e 10.627 nuovi casi: lo ha riferito il ministero della Salute del Paese. Il numero totale delle vittime dall'inizio della pandemia e' pari a 615.400.
 
- di Steno Giulianelli

Conte: su Arcuri mai avuto dubbi

"Sulla gestione del commissario Arcuri non ho mai avuto dubbi. Se ci sono inchieste, sono giuste le verifiche giudiziarie e auguro ad Arcuri di uscire dalle
inchieste a testa alta: ne sarei felice per le energie spese in un periodo difficilissimo". Lo ha detto il presidente M5s Giuseppe Conte a Live In su Sky TG24.
- di Redazione Sky TG24

Green pass: anche controllori per verifiche bus e metro Roma

Nella Capitale anche i controllori di Atac e Cotral parteciperanno ai controlli del Green pass di passeggeri di metro e bus che scatteranno da lunedì. E' quanto previsto nel 'Piano per Roma' firmato dal prefetto Matteo Piantedosi. Secondo quanto si apprende, in quanto incaricati di pubblico servizio potranno controllare il certificato verde e in situazioni che ritengono necessarie potranno raccordarsi con le forze dell'ordine. I controlli delle forze dell'ordine saranno prevalentemente in uscita, ma ci saranno anche in entrata.
- di Redazione Sky TG24

Russia,75mila morti a ottobre, record mensile da inizio

La Russia ha registrato a ottobre il record mensile di morti di Covid da quando è scoppiata la pandemia: sono stati quasi 75 mila, per l'esattezza 74.893. Lo ha reso noto l'agenzia delle statistiche, Rosstat. Sempre secondo Rosstat, il numero totale di vittime nel Paese è superiore a 520 mila. Secondo il governo russo, che utilizza parametri diversi, sono invece 278.857. Il Paese è gravemente colpito dal virus e solo il 39,9% dei 144 milioni di abitanti è completamente vaccinato a oggi, secondo il sito Gogov. La diffidenza nei confronti del vaccino e della autorità sanitarie rimane forte.
- di Redazione Sky TG24

Alto Adige recepisce Super Green pass

La Provincia autonoma di Bolzano recepisce la normativa statale per il Super Green pass, che entrerà in vigore come nel resto del territorio nazionale il 6 dicembre. In serata il governatore Arno Kompatscher ha firmato l'ordinanza numero 37.
- di Redazione Sky TG24

Primario Niguarda Milano: aumentano ricoveri intensiva, 80% non vaccinati

"Il numero di ricoverati in terapia intensiva in Lombardia sta aumentando, parliamo di 7-10 pazienti al giorno". Lo afferma Roberto Fumagalli, direttore della terapia intensiva dell'ospedale Niguarda di Milano, contattato dall'Adnkronos. "Contestualmente - sottolinea - stanno per essere attivati tutti gli hub ai quali si faceva riferimento nella delibera regionale, circa 18. Ciascuno ha a disposizione circa 8 posti letto. Abbiamo ancora posti letto disponibili, non molti, per altri eventuali pazienti". Tutti gli ospedali lombardi, rimarca il primario "stanno aprendo letti per pazienti di degenza ordinaria Covid". A impensierire Fumagalli è anche la nuova variante Omicron "Preoccupazione c'è - afferma - i numeri aumentano e lo vediamo, ma l'impressione è che l'aumento sia un po' più graduale rispetto alle altre volte e che gli ospedali riescono a organizzarsi e aprire posti letto dedicati, questa è la cosa importante". L'identikit del ricoverato vaccinato  oggi, sottolinea Fumagalli, è quello di una persona "anziana e in genere con più comorbilità" mentre il vaccinato che finisce in terapia intensiva è "giovane e meno comorbilità" mentre il tasso di mortalità dei ricoverati si è ridotto rispetto alla prima ondata: "eravamo al 42% ora al 34% - rimarca il primario - mentre il numero di soggetti non vaccinati è dell'80% e del 20% i vaccinati senza booster. Al Niguarda nessuno dei ricoverati finora aveva fatto la terza dose". 
Quanto all'ipotesi di un lockdown per i non vaccinati come soluzione per alleggerire il peso sugli ospedali, Fumagalli osserva: "Potrebbe essere una soluzione ma penso che forse bisognerebbe continuare con l'opera di convinzione che viene favorita dall'obbligo del green pass e dalle nuove regole del governo". Per il primario arrivare a un lockdown così categorico "non so" se sarebbe la cosa giusta, "preferirei si convincessero le persone, non vorrei interrompere il canale di comunicazione con loro ma far capire quanto stanno rischiando". Già adesso, conclude, "vediamo che qualche no vax va in giro a dire che forse si è sbagliato, magari non deve farlo in modo clamoroso e con questa esposizione mediatica ma se il no vax pentito riesce a trasmettere lo stesso messaggio agli altri, anche in maniera privata, ecco, credo che sarebbe utile".
- di Redazione Sky TG24

Covid, negativi 118 passeggeri volo Roma-Alghero

Sono risultati tutti negativi, al momento, i tamponi effettuati l'1 e il 2 dicembre su 118 passeggeri del volo Roma - Alghero che erano stati messi in isolamento fiduciario in seguito al rilevamento di un tampone con esito positivo per sospetta variante Omicron di un passeggero che proveniva dal Sudafrica. Lo comunica l'Ats Sardegna.  
- di Steno Giulianelli

Covid, in Francia quasi 50mila nuovi casi

Sono 49.858 i nuovi casi di contagio da Coronavirus registrati oggi in Francia, pari a 38.887 al giorno in media negli ultimi 7 giorni. A riportare i dati è Santé Publique France. I nuovi ricoveri sono stati 1.153, quelli in terapia intensiva 81. I pazienti in rianimazione sono in totale 2.058. Una settimana fa, 9.181 persone erano ricoverate in ospedale, 1.563 in rianimazione. 
- di Steno Giulianelli

Covid, in Sicilia 836 nuovi casi e 5 morti, positività al 3,2%

In Sicilia salvino a 836 i nuovi positivi al Covid (erano 662 ieri) e 5 morti che fanno salire i casi totali a 326.462 e i decessi a 7.223. Gli attuali positivi sono 12.822, +262; i guariti 306.417, +569. E' la provincia di Messina quella con piu' nuovi casi, 193; seguita da quelle di Catania, 182, e di Palermo, 177. Sono 311 i ricoverati con sintomi, 45 in terapia intensiva, uno del giorno; 26.359 i tamponi effettuati. L'indice di positivita' sale al 3,2%.
 
- di Steno Giulianelli

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24