Covid, news di oggi. Schillaci: “Situazione in ospedali e intensive sotto controllo”

"Si dovrebbe iniziare a parlare di Covid 23 anziché di Covid 19, per far capire a tutti che ormai la malattia è profondamente diversa da quella originaria. La forma attuale è meno aggressiva e sappiamo curare meglio" ha dichiarato il ministro della Sanità. Nella settimana fra il 25 novembre e il primo dicembre, rispetto alla precedente, i ricoveri con sintomi sono aumentati dell'11,1% e i ricoveri nelle terapie intensive sono aumentati del 28% 

1 nuovo post
"Negli ultimi tre anni si è parlato solo di Covid, perché il virus ha sconvolto il mondo. Oggi però l'epidemia è cambiata. Si dovrebbe iniziare a parlare di Covid 23 anziché di Covid 19, per far capire a tutti che ormai la malattia è profondamente diversa da quella originaria. La forma attuale è meno aggressiva e sappiamo curare meglio". Lo ha dichiarato il ministro della Sanità, Orazio Schillaci, che ha aggiunto: " La situazione negli ospedali e nelle terapie intensive è sotto controllo". Nella settimana fra il 25 novembre e il primo dicembre, rispetto alla precedente, i ricoveri con sintomi sono aumentati dell'11,1% (845 in più, da 7.613 a 8.458) e i ricoveri nelle terapie intensive sono aumentati del 28% (70 in più, da 250 a 320). Lo indica la Fondazione Gimbe nel suo monitoraggio indipendente. 

Gli ultimi approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Costanza Ruggeri
- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Long Covid, i sintomi possono cambiare nel tempo

Secondo un nuovo studio condotto dagli scienziati dell'University College di Londra, il long Covid potrebbe presentarsi con sintomi diversi nei ragazzi e nei bambini a distanza di un certo periodo dall’infezione. LO STUDIO
- di Redazione Sky TG24

Influenza australiana, quali sono i sintomi, quanto dura e quando sarà il picco?

Gli italiani a casa con febbre, raffreddore e altri sintomi sono tantissimi: secondo il virologo Pregliasco “il picco è previsto a Natale, quando ci saranno 250mila casi al giorno”. Ad essere più colpiti sembrano essere i giovani lavoratori, ma per tutti la soluzione è solo una: fare il vaccino antinfluenzale. LE FAQ
- di Redazione Sky TG24

Covid Cina, stop test negativo per uffici e supermercati in alcune città: ecco quali

A Pechino, Shanghai, Hangzhou, Urumqi, Wuhan, Shandong e Zhengzhou le misure sono state allentate. Il Covid si sta indebolendo, e potrebbe essere declassato da malattia di categoria A, a malattia di categoria C. LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Medici, Fnomceo: in 100mila in fuga da Ssn nei prossimi 5 anni

"Per la politica, i medici sono invisibili". È la denuncia avanzata dalla nuova campagna "invisibili" lanciata oggi dalla Federazione nazionale degli Ordini dei medici, in affissione e con uno spot che varrà diffuso sui social media e proiettato nelle sale cinematografiche. LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Covid, in Italia ancora troppi morti: come si potrebbero ridurre i numeri

Gli anziani sono i più colpiti dalla pandemia da Covid-19. L'Italia fa registrare ancora un alto tasso di decessi alla settimana, come ridurre questi numeri? L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Covid, uno spray nasale potrebbe ridurre i giorni di positività

Secondo uno studio prospettico controllato open-label, uno spray nasale a base di soluzione salina sarebbe in grado di ridurre di 2 giorni la positività al tampone. La ricerca è stata condotta da Luca Cegolon dell'Università di Trieste, e da Giuseppe Mastrangelo dell'Università di Padova. LO STUDIO
- di Redazione Sky TG24

Influenza, è boom di contagi tra i più piccoli: quali sono i sintomi e le cure

I dati del monitoraggio InfluNet dell'Istituto Superiore di Sanità segnalano un'incidenza del virus pari a 40,8 casi ogni mille persone in età al di sotto dei cinque anni. La forte circolazione è dovuta a più cause, come l'arrivo di nuove forme influenzali e sistemi immunitari indeboliti dalle limitazioni dovute al Covid-19. La sintomatologia è più o meno la stessa che per gli adulti: febbre, tosse, malessere generale. Si consiglia di stare a riposo e di mantenersi idratati. IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Covid, un anno di Omicron: è la variante più longeva

È trascorso oltre un anno dal 26 novembre del 2021, giorno in cui l'Organizzazione mondiale della sanità aveva annunciato la scoperta di questa nuova variante. Ecco come si è evoluta nel tempo. LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Covid e influenza, come riconoscerli: sintomi, differenze e punti in comune

Se febbre, mal di testa, disturbi respiratori e dolori muscolari accomunano le due infezioni, nausea e vomito potrebbero invece far capire che si tratta di coronavirus. Anche l’incubazione è diversa: più breve per l’influenza e più lunga per il Covid. Le autorità sanitarie spingono per le vaccinazioni contro entrambe, soprattutto per i più fragili. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Covid, come riconoscere i sintomi delle nuove varianti Cerberus e Gryphon

Le più recenti mutazioni del virus tendono a manifestarsi "soprattutto nelle alte vie respiratorie, causando sintomi simili a quelli dell’influenza, come raffreddore, tosse stizzosa e mal di gola”. Lo ha confermato il virologo Fabrizio Pregliasco. IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Covid, scoperto il meccanismo del virus per evadere il sistema immunitario

Un nuovo studio italiano ha svelato il meccanismo che permette al Covid di raggirare il sistema immunitario. La ricerca, frutto di una collaborazione tra l'Università di Siena e il Biotecnopolo di Siena, è stata pubblicata sulla rivista scientifica 'The Journal of Experimental Medicine'. LA RICERCA
- di Redazione Sky TG24

Influenza, Ciccozzi: "Mascherina sui mezzi pubblici se i casi aumentano"

"È normale che ci sia, sono oltre 2 anni che non la vediamo", ha affermato Massimo Ciccozzi, responsabile dell'Unità di Statistica medica ed epidemiologia molecolare della Facoltà di Medicina e chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma. LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Farmacie, non solo farmaci: in oltre 1 su 3 screening e vaccini

Sono alcuni dei dati emersi dal Rapporto annuale sulla farmacia, presentato oggi a Roma e curato da Cittadinanzattiva in collaborazione con Federfarma. LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Vaccini, Cereda (Regione Lombardia): 'Devono essere sempre accessibili in ospedale'

"Vogliamo fare in modo che, in ospedale, il vaccino diventi sempre più uno strumento del professionista clinico proprio come lo è un antibiotico. Il vaccino deve essere uno strumento sempre presente e accessibile. Dobbiamo facilitare i percorsi di vaccinazione. Innanzitutto, bisogna prendere maggiore coscienza della realtà iniziando a capire quanti sono i pazienti fragili, chi li ha in cura e quanti sono vaccinati”. Così Danilo Cereda, dirigente dell’unità organizzativa Prevenzione della direzione generale Welfare di regione Lombardia, in occasione dell’incontro “Percorsi vaccinali per i soggetti fragili: nuove prospettive per la Regione Lombardia”, promosso da Aristea, con il supporto non condizionante di GlaxoSmithKline, presso l’Asst Fatebenefratelli Sacco.
 
- di Redazione Sky TG24

Covid, Ema: ok vaccini adattati a varianti anche per prime dosi

L'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali, ritiene che i vaccini bivalenti mRna adattati mirati al ceppo originale e alle sottovarianti Omicron BA.4-5 di Sars-CoV-2 possano essere utilizzati per la vaccinazione primaria. Attualmente erano autorizzati solo come richiamo. Per giungere a questa conclusione, la task force d'emergenza dell'Ema ha esaminato studi e dati di laboratorio (non clinici) sulla risposta immunitaria a seguito di infezione naturale con Omicron BA.4-5 in persone non vaccinate che non erano state precedentemente infettate da Sars-Cov-2. "I dati suggeriscono che la vaccinazione primaria con questi vaccini bivalenti adattati dovrebbe dare origine a un'ampia risposta immunitaria nelle persone che non sono state ancora esposte o vaccinate contro Sars-Cov-2", si legge in una nota dell'Agenzia.
 
- di Redazione Sky TG24

Vaccini, in Lombardia quasi 1 milione di anti Covid nelle farmacie

Sono quasi un milione (917.365) le dosi di vaccino anti Covid che sono state somministrate ad oggi nelle farmacie lombarde. Oltre 280.000 somministrazioni sono state eseguite tra ottobre e novembre, con picchi superiori a 7.000 vaccini in un solo giorno. Nell'ultimo bimestre, come spiegano dalla Federazione degli Ordini dei farmacisti della Lombardia, è aumentato il numero delle farmacie che hanno aderito alla campagna di immunizzazione, con 80 nuovi presidi, portando a 704 il numero delle farmacie che partecipano attivamente alla campagna vaccinale Covid. "Ringrazio tutti i farmacisti per l'impegno che continuano a dedicare alla vaccinazione anti-Covid - così come alla campagna antinfluenzale - e invito i cittadini, soprattutto i fragili e chi ha più di sessant'anni, a vaccinarsi con la quarta dose", ha commentato Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti della Lombardia e presidente dei farmacisti italiani (Fofi).
- di Redazione Sky TG24

Covid, Sebastiani (Cnr),casi in stasi ma ricoveri accelerano 

Mentre i casi positivi al virus SarsCoV2 sono in una fase di stasi, i ricoveri per Covid-19 nelle terapie intensive accelerano e quelli nei reparti ordinari sono in crescita lineare, così come i decessi. E' quanto emerge dall'analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell'istituto per le Applicazioni del Calcolo 'M.Picone', del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), "basata sui dati aggiornati al primo dicembre, ultimo giorno in cui il governo li ha resi pubblici". L'analisi indica che "dopo la frenata della crescita, la percentuale dei positivi ai test molecolari a livello nazionale è in fase di stasi, con un valore medio al primo dicembre pari a circa il 13.5%" e che, intanto, "la percentuale di occupazione dei reparti ordinari continua a crescere in modo lineare da circa il 10 novembre, con un valore medio al primo dicembre pari a circa il 13.3% e un tasso medio di aumento giornaliero pari a circa lo 0.2% al giorno. A partire dal 26 novembre circa - prosegue Sebastiani -si osserva un'improvvisa accelerazione della percentuale di occupazione delle terapie intensive, dal 2,7% al 3.5%, con un tasso medio di aumento giornaliero pari a circa lo 0.1%. I decessi sono in crescita lineare, con un valore medio al primo dicembre pari a 95 morti al giorno. Si continua a segnalare che le percentuali suddette sono calcolate a partire dalle capienze dei reparti, che Agenas non ha piu' aggiornato dopo l'insediamento del nuovo Governo".

- di Redazione Sky TG24