Covid, news di oggi. Bollettino: 22.265 casi e 43 morti. Tasso positività al 14,6%

Secondo i dati del Ministero, il tasso di positività è in aumento rispetto al 13,9% di ieri. Via libera del ministero ai vaccini somministrati su richiesta a chi ha sopra i 12 anni. A fine mese via l'obbligo di mascherina anche su bus, metro e treni, dentro ospedali, ambulatori medici e Rsa

1 nuovo post
L'ultimo report del ministero della Salute registra 22.265 casi e 43 decessi. Con 152.421 tamponi processati, il tasso di positività sale al 14,6%. Sono 126 le persone in terapia intensiva (-8), 3.293 i ricoverati (-20 rispetto a ieri). IL BOLLETTINO COMPLETO Via libera ai vaccini bivalenti, aggiornati alle varianti Omicron, saranno somministrati su richiesta a chi ha sopra i 12 anni. A fine mese via l'obbligo di mascherina quasi ovunque. Non sarà più necessario, per esempio, indossare le mascherine su bus, metro e treni, ma anche dentro ospedali, ambulatori medici e Rsa. La seconda scadenza arriverà invece il 31 ottobre quando cesseranno i protocolli di sicurezza sui luoghi di lavoro. Secondo il monitoraggio settimanale cresce l'incidenza a 215, Rt stabile a 0,91.

Gli ultimi approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)e
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Questo liveblog finisce qui. Per tutti gli aggiornamenti segui il nuovo live di domenica 25 settembre

- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Cislaghi, casi +20% a settimana, valutare durata aumento

La circolazione del virus Sars-CoV-2 "sta aumentando con i casi che sembra stiano crescendo quasi del 20% a settimana. Non è un aumento per fortuna molto aggressivo, nella seconda metà di giugno era al 60%, ma tutto dipenderà dalla durata della salita dei contagi". L'obiettivo è che il ritmo di crescita non aumenti e che la durata sia limitata ma "molto comunque dipenderà dalla responsabilità di tutti noi".   Così Cesare Cislaghi, già presidente della Società italiana di epidemiologia sottolineando che dai dati numerici "sembrerebbe che l'epidemia non stia cambiando". Ricoveri e decessi per i positivi al Covid-19, infatti, rileva l'esperto, "sono in proporzione costante rispetto ai contagi". Tra i positivi, spiega Cislaghi, "i ricoverati sono una percentuale molto stabile che varia appena tra il 7 ed il 9 per mille e nelle ultime settimane non è mai scesa sotto all'8 per mille. Anche il tasso di mortalità dei prevalenti (indice da non confondere con la letalità) è anch'esso molto stabile e semmai in crescita e attualmente ogni 100.000 positivi prevalenti ne muoiono in un giorno dai 10 ai 12". Di conseguenza, afferma, anche una crescita lenta di casi, se costante, può portare a forte impatto. "Quindi - conclude l'esperto - dobbiamo preoccuparci se i contagi crescono e da parte di tutti dovrebbe esserci la responsabilità per limitare le occasioni di contagio". 
- di Redazione Sky TG24

Iss, "incidenza a 7 giorni in aumento nei più giovani"

Risulta in aumento, rispetto alla settimana precedente, il tasso di incidenza in tutte le fasce d'età comprese tra 0 e 19 anni, benché i dati riferiti all'ultima settimana siano da considerare in via di consolidamento. Lo rileva l'Istituto superiore di sanità (Iss) nel suo Report esteso che accompagna il monitoraggio settimanale.   Più nel dettaglio, emerge che il tasso di incidenza a 7 giorni è in aumento nelle fasce d'età più giovani (0-9 e 10-19 anni) "anche per effetto dell'inizio dell'anno scolastico", scrive l'Iss. Nel focus età scolare contenuto nel Report, la percentuale dei casi segnalati rispetto al resto della popolazione è di 11,1%. In particolare, nell'ultima settimana, il 28% dei casi in età scolare è stato diagnosticato nei bambini sotto i 5 anni, il 35% nella fascia d'età 5-11 anni, il 37% nella fascia 12-19 anni. In totale, dall'inizio dell'epidemia, i casi di Covid-19 diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata nella popolazione 0-19 anni sono stati 4.545.944, di cui 23.149 ospedalizzati, 518 ricoverati in terapia intensiva e 72 deceduti.   
- di Redazione Sky TG24

La percezione del "tempo lento" durante la pandemia è reale: lo studio

Lo studio è stato portato avanti dall'Università di Manitoba, in Canada, e vi hanno preso parte 439 persone che hanno risposto alle domande e hanno svolto compiti comportamentali. "Più i partecipanti si sentivano isolati - ha spiegato l'autore della ricerca Fuat Balci - più il tempo passato e gli eventi futuri sembravano essere lontani".
- di Redazione Sky TG24

Il bollettino del 24 settembre: 22.265 nuovi casi, i morti sono 43

I tamponi sono 152.421 (ieri 151.607), compresi i test rapidi. La percentuale di positivi è al 14,6% (ieri era al 13,9%). Le persone in terapia intensiva sono 126 (-8 rispetto a ieri), quelle nei reparti ordinari 3.293 (-20). I decessi totali arrivano a 176.867. Il numero dei positivi dall'inizio della pandemia, compresi morti e guariti, sale a 22.284.812. I guariti sono 21.684.946. TUTTI I DATI
- di Redazione Sky TG24

Secondo uno studio il Covid aumenta il rischio di Alzheimer negli anziani

Un aumento maggiore riscontrato negli over 85 (+89%), e nelle donne (+82%). Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease. (LA RICERCA)
- di Redazione Sky TG24

I soggetti infetti non vaccinati dopo un anno non avrebbero più anticorpi

Un dato rilevato in particolar modo nei fumatori e negli over 60. A contribuire al livello di protezione anche l’età e la presenza di malattie mentali. (IL PUNTO)
- di Redazione Sky TG24

Università, ecco tutti gli atenei dove la mascherina resta ancora obbligatoria

Vige l’obbligo a Roma, Parma e Cosenza. Tra raccomandazioni, divieti e prenotazioni, ecco la situazione negli atenei italiani. (COSA SAPERE)
- di Redazione Sky TG24

Il Covid può danneggiare il cervello, miglioramento dopo 9 mesi. Lo studio italiano

Ad indicarlo sono i risultati di una ricerca condotta da un team di medici della Medicina nucleare e della Neurologia dell'ospedale Santo Stefano di Prato.
- di Redazione Sky TG24

Studio italiano certifica Centaurus meno pericolosa di Omicron

Pubblicato sulla prestigiosa rivista ‘Journal of Medical Virology’, l’analisi ha richiesto 1500 ore di calcolo computazionale. Lo studio è a firma italiana. (LO STUDIO)
- di Redazione Sky TG24

Onu: Covid “Ha riportato il mondo indietro di cinque anni”

Secondo l’ultimo rapporto stilato, il declino riguarderebbe più del 90% dei Paesi del Pianeta. La guerra in Ucraina potrebbe peggiorare le cose. (L'APPROFONDIMENTO)
- di Redazione Sky TG24

Uomini e donne, la risposta ai farmaci è diversa. Cosa dice lo studio italiano

Uomini e donne sono indubbiamente diversi sotto tanti aspetti. Che si parli del modo di ammalarsi, guarire, vaccinarsi o manifestare la medesima malattia, nell'ambito delle cure appartenere a un sesso, o all’altro, fa la differenza. È quello che è stato evidenziato al congresso della Società Internazionale di Medicina di Genere, tenutosi per la prima volta in Italia, a Padova, dove a far il punto sono stati 60 interventi e 100 studi.
- di Redazione Sky TG24

In arrivo la mascherina col sensore che rileva il contagio. Lo studio

Alcuni studiosi della Shanghai Tongji University, in un articolo pubblicato sulla rivista Matter, hanno presentato la prima mascherina capace di rilevare se nell’aria circostante sono presenti agenti patogeni come il virus Sars-Cov-2 o quello dell’influenza. Vediamo i dettagli.
- di Redazione Sky TG24

Covid e influenza, come sarà la campagna vaccinale del prossimo inverno

L’avvicinarsi della stagione fredda rischia di colpire gli italiani sia sul fronte del Sars-Cov-2 che su quello del virus stagionale che, dopo due anni di discesa, è previsto in netta risalita con 6 milioni di casi attesi. Per questo è importante che anziani e più fragili si immunizzino per tempo, possibilmente con entrambi i farmaci.
- di Redazione Sky TG24

Disturbi neurologici post Covid, 40 milioni di nuovi casi nel mondo. Lo studio

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine, condotto da esperti della Washington University School of Medicine a St. Louis, chi contrae il Covid rischia diverse complicanze neurologiche a un anno dall’infezione. Tra queste ritroviamo ictus, problemi cognitivi e di memoria, depressione, ansia, emicrania e disturbi del movimento. Vediamo nei dettagli la ricerca.
- di Redazione Sky TG24

In Friuli Venezia Giulia 705 nuovi casi, due decessi

Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 4.101 test e tamponi sono state riscontrate 705 positività al Covid 19. Nel dettaglio, su 1.642 tamponi molecolari sono stati rilevati 151 nuovi contagi. Sono inoltre 2.459 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono emersi 554 casi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono tre, mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 92. Lo rende noto la Direzione centrale salute della Regione Fvg nel bollettino quotidiano. Oggi si registrano due decessi, rispettivamente a Udine e Pordenone. Il numero complessivo delle persone decedute dall'inizio della pandemia è 5.423, con la seguente suddivisione territoriale: 1.361 a Trieste, 2.524 a Udine, 1.041 a Pordenone e 497 a Gorizia. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 487.175 persone. 
- di Redazione Sky TG24

In Piemonte 2.062 casi, positività al 10,8%

Sono 2.062 i nuovi casi di Covid in Piemonte, con un tasso di positività del 10,8%, rispetto ai 19.125 tamponi eseguiti, di cui 18.480 test antigenici. Risulta dai dati dell'aggiornamento quotidiano del 24 settembre della Regione Piemonte sulla situazione epidemiologica. I ricoveri nei reparti ordinari sono 275, rispetto a ieri 32 in più, mentre il numero è stabile a 6 in terapia intensiva. Si è registrato un decesso.
- di Redazione Sky TG24

Il Giappone riaprirà i confini ai turisti stranieri dopo due anni di restrizioni

Come quanto riportato dal sito della BBC, il Giappone riaprirà le proprie frontiere ai turisti stranieri dal prossimo 11 ottobre. Ad annunciarlo il primo ministro Fumio Kishida, che ha annunciato che tale misura prevede anche la rimozione del limite massimo di arrivi giornalieri finora imposto. (LEGGI L'ARTICOLO)
- di Redazione Sky TG24