Coronavirus, le news. Il bollettino del 1 gennaio: 22.211 nuovi casi e 462 morti in 24 ore

Sono 157.524 i tamponi analizzati, per un tasso di positività che sale al 14,1%. Tornano a scendere di due unità i ricoverati in terapia intensiva, di 331 quelli nei reparti Covid. Arriva da un documento delle Regioni la richiesta, ora al vaglio dell'Iss, di apportare alcuni cambiamenti che potrebbero influire sui 21 indicatori per stabilire l'assegnazione delle zone (gialla, arancione, rossa) nell'ambito del monitoraggio della Cabina di regia. Prosegue senza sosta la campagna di vaccinazione. 

1 nuovo post
Secondi i dati diffusi dal ministero della Salute i contagi odierni sono 22.211. Sono decedute 462 persone. Sono stati eseguiti 157.524 tamponi con il tasso di positività che sale al 14,1%. Lieve calo delle terapie intensive (-2), diminuiscono ancora i ricoveri nei reparti ordinari (-331) (IL BOLLETTINO - LE MAPPE - LE GRAFICHE). L'Italia è ancora in zona rossa, e lo sarà fino all'Epifania (a parte la pausa "arancione" del 4 gennaio). Intanto prosegue la campagna vaccinale, che non si è fermata nemmeno a Capodanno. Ma preoccupa l'allarme lanciato da BioNTech: "Servono altre dosi di vaccino, il nostro da solo non basta". Nel discorso di fine anno, il presidente Mattarella ha esortato gli italiani a vaccinarsi: "E' un dovere, io lo farò"GUARDA LA PUNTATA DI OGGI DEI NUMERI DELLA PANDEMIA: 1A PARTE - 2A PARTE
 

Le ultime notizie:

Per ricevere le notizie di Sky TG24:

  • La newsletter sulle notizie più lette notizie (clicca qui
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del Tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24
- di Daniele Troilo

Sci, sindaco Cortina: "18 gennaio è una 'deadline'"

La data di apertura degli impianti di risalita proposta dalla Conferenza delle Regioni al Governo, il 18 gennaio, rappresenta una "deadline oltre la quale è difficile andare". Ne è convinto Giampietro Ghedina, sindaco di Cortina, dove sono stati fatti molti investimenti sulle strutture ricettive e sugli impianti anche in vista delle Olimpiadi e dei Mondiali di sci del 2021, soldi che è difficile recuperare con una stagione segnata dal Covid e gli impianti chiusi. "Le aspettative sono quelle di poter aprire per metà gennaio: "Primo per le difficoltà ad assumere una serie di costi per una stagione ormai praticamente andata che diventerebbe ancora più ristretta e secondo perché bisogna trovare il personale disponibile per quelle date", commenta Ghedina.
- di Daniele Troilo

Vaccino: Argentina, 317 reazioni avverse a farmaco russo Sputnik

Il ministero della Salute argentino ha segnalato 317 casi di reazioni avverse dopo la somministrazione di di 32.013 dosi del vaccino Sputnik V, nei primi due giorni della campagna di vaccinazione nazionale contro il Covid-19 iniziata martedì 29 gennaio. Il 44,2% delle reazioni avverse riportate corrispondono a persone con febbre, mal di testa e/o mialgia, che si sono manifestate da 6 a 8 ore dopo la vaccinazione. Le reazioni durano in media 24 ore. Il primo rapporto delle autorità sanitarie sulla campagna di vaccinazione ha segnalato questi effetti negativi in 18 delle 24 giurisdizioni del Paese. Il 99,3% degli eventi riportati sono stati lievi e moderati, non hanno richiesto il ricovero in ospedale e si sono evoluti con un recupero completo.
- di Daniele Troilo

Brasile: 24.605 nuovi casi, superati i 195mila morti

Il Brasile ha riportato 24.605 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore e 462 nuove morti. Il totale delle vittime ha superato quota 195mila (195.411) mentre i casi confermati sono ora 7.700.578.
- di Daniele Troilo

Capodanno: da noi piazze vuote, a Wuhan la folla. Ecco perché lì hanno potuto festeggiare

Nel nostro Paese (come in tanti altri nel mondo) vie vuote e controlli delle forze dell’ordine per il rispetto delle restrizioni anti-Covid. Nella città cinese epicentro della prima ondata della pandemia, dove da maggio non si registrano nuovi casi, in migliaia hanno celebrato l’inizio del 2021 muniti di mascherine e palloncini. LE FOTO
- di Daniele Troilo

Covid, 3.056 casi in Lombardia. Fontana: ''Battaglia lunga ma usciremo vincitori''

"Ci prepariamo a chiudere questo 2020, un anno complesso, drammatico ma che abbiamo superato non senza difficoltà - scrive il governatore - Il mio primo pensiero è rivolto a chi non c'è più, al vuoto e al dolore che ha lasciato nelle famiglie, nelle comunità lombarde", TUTTE LE NOTIZIE DALLA LOMBARDIA
- di Daniele Troilo

Covid, vaccinazione avanti anche a Capodanno. Ecco quanti italiani lo hanno già ricevuto

Anche il primo giorno dell’anno non si fermano le somministrazioni dei vaccini Pfizer nel nostro Paese. Dopo il V-day dello scorso 27 dicembre sono circa 35.850 coloro che hanno già effettuato la prima inoculazione. LA GALLERY

- di Daniele Troilo

In Francia quasi 20.000 nuovi casi e altri 133 morti

La Francia ha registrato nelle ultime 24 ore 19.348 novi casi di coronavirus, un dato leggermente inferiore alle 19.927 infezioni registrate il giorno prima. In totale i casi accertati dall'inizio della pandemia sono 2.639.772. Registrati anche altri 133 decessi legati alla malattia, per un totale di 64.765 vittime.
- di Daniele Troilo

Veglione di Capodanno in un resort nel Bresciano, "traditi" dalle foto sui social

I video dei partecipanti sono stati diffusi nonostante su ogni tavolo del ristorante la proprietà avesse lasciato un biglietto su cui c'era scritto, ''vista l'attuale situazione'',  di ''non divulgare foto e video sui social". Il direttore del resort ha dichiarato all'ANSA: "Abbiamo organizzato un pranzo che si è protratto a lungo per i nostri ospiti fino a sera e qualcuno, a causa di qualche bicchiere di troppo, ha esagerato. Tornassi indietro non lo organizzerei più". QUI L'ARTICOLO COMPLETO

- di Daniele Troilo

Dopo festa privata 58 contagiati nel Messinese

Una festa privata in un locale di Nicosia (Enna) avrebbe provocato un focolaio Covid tra i partecipanti che provenivano da Capizzi, un paese vicino di quasi tremila abitanti sui Nebrodi, nel Messinese. Il contagio si sarebbe poi esteso ad altre persone. In tutto 58 sono risultate positive. Altre 25 sono in attesa dei risultati del test. Si sta ora cercando di tracciare la rete dei contatti. "La situazione - ha detto il sindaco Leonardo Principato Trosso - è molto critica. Non possiamo permetterci di sottovalutare l'emergenza sanitaria che sta modificando le nostre abitudini di vita".
- di Daniele Troilo

L'andamento del contagio in Italia

Lo stato della diffusione di Covid-19 nel nostro Paese sulla base dei dati del Ministero della Salute e della Protezione Civile. L'aggiornamento

- di Daniele Troilo

Italia in zona rossa fino alla Befana (tranne il 4 gennaio). Dal 7 tornano le fasce

Allo scadere del decreto di Natale, tornerà il regime delle fasce regionali che il governo determinerà dopo le verifiche degli esperti sull'andamento del contagio. La richiesta delle Regioni: cambiare i 21 indicatori per stabilire le zone. QUI PER SAPERNE DI PIU'

- di Daniele Troilo

Lazio, finora vaccinate 11.210 persone

Sono 11.210 le persone finora vaccinate contro il Covid nel Lazio. Lo rende noto la Regione. 
- di Daniele Troilo

Sci, Bonaccini: "Regioni alpine hanno spinto per ripartire 18/01"

Per la riapertura degli impianti sciistici, "erano soprattutto le regioni alpine, quelle che hanno ancora pIù impianti rispetto ai nostri Appennini, a dire che non erano pronte per il 7 gennaio a ripartire. I casi di Covid stanno aumentando in questi giorni, il virus circola ancora, bisogna stare molto attenti agli assembramenti. Abbiamo pensato che il 18 gennaio, come regione, potesse essere una data congrua". Così, intervistato dal Tgr Rai dell'Emilia-Romagna, il presidente della Conferenza delle regioni Stefano Bonaccini.
 
- di Daniele Troilo

Scuola, Bonaccini: "Maggioranza regioni ha voluto rientro a 50%"

Per quanto riguarda il ritorno sui banchi degli studenti delle scuole superiori, "in questa Emilia-Romagna noi eravamo pronti a partire già il 7 gennaio con il 75%. Pero' mi sono fatto carico, come presidente della Conferenza delle regioni, di proporre il 50% di partenza in presenza perché diverse regioni, la maggioranza, chiedeva questo ed è giusto trovare un equilibrio, una moderazione". Così Stefano Bonaccini, presidente dell'Emilia-Romagna, intervenendo al Tgr Rai locale. "Noi mettiamo in strada oltre 500 mezzi in più, siamo ricorsi anche alle aziende private - ha spiegato - poiché la capienza sarà al 50%. Cerchiamo di fare le cose al meglio possibile". 
- di Daniele Troilo

Vaccino, Bonaccini: "Sarebbe utile farlo anche in farmacia"

Somministrare i vaccini anti-Covid nelle farmacie? "Sarebbe una cosa ulteriormente utile, si tratta di affinare un protocollo, vedremo". Così il presidente emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini intervistato dalla Tgr Rai dell'Emilia-Romagna. "Con le farmacie abbiamo fatto ottimi accordi. Siamo la regione - ha ricordato - che fa i tamponi rapidi gratuiti per gli studenti e i familiari grazie proprio all'accordo con le farmacie". 
- di Daniele Troilo

Sileri: "Si esce da pandemia con approvazione anche degli altri vaccini"

"È vero che abbiamo iniziato una nuova fase con l'arrivo del vaccino Pfizer ma dobbiamo attendere l'approvazione degli altri vaccini, non solo quello di Moderna, per poterne uscire". Lo ha affermato il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri in un'intervista a Tgcom24. "Ci aspettano altri mesi duri - ha aggiunto -, abituiamoci all'idea che ci possa essere una ripresa dei contagi di Covid". Quanto alle scuole, queste "devono riaprire perché sono un luogo sicuro". Tornando al capitolo vaccino, Sileri ha detto "mi aspetto una crescita esponenziale delle persone vaccinate. Parlare di obbligo con le dosi che ci sono adesso non ha senso". Il problema ci sarà invece quando pur in presenza di una ampia disponibilità del vaccino si dovesse registrare una quota di persone vaccinate inferiore al 50% delle dosi disponibili, "e allora lì dobbiamo porci il problema che forse serve qualcosa di più, e magari prima te ne accorgi e prima corri ai ripari. Ma al momento parlare di obbligo o non obbligo, francamente con le dosi che abbiamo non serve".
- di Daniele Troilo

Vaccinate quasi 36 mila persone in Italia

Sono 35.850 le persone vaccinate per il coronavirus in Italia, secondo l'ultimo dato disponibile sul portale online del commissario straordinario per l'emergenza. In testa alle regioni più virtuose resta il Friuli-Venezia Giulia con il 16,3% delle dosi disponibili già somministrate (1.948). Seguono la provincia di Bolzano (16,2% con 971 somministrazioni su 5.995 dosi) e il Lazio (15,7% con 7.179 somministrazioni su 45.805 dosi). La fascia di età più vaccinata è quella tra i 50 e i 59 anni (10.341), seguita da 40-49 (8.281) e da 30-39 (6.342). La fase 1 della vaccinazione, che ha preso ufficialmente il via tra il 30 e il 31 dicembre a seconda delle regioni, interessa operatori sanitari e sociosanitari (al momento sono 31.716 vaccinati), personale non sanitario (2.192) e gli ospiti delle Rsa (1.942).
- di Daniele Troilo

Covid, come sarà il 2021 con il vaccino? Il parere degli esperti

Nell'anno nuovo sarà necessario proseguire con il rispetto del distanziamento, le mascherine e l'igiene delle mani. Per un primo allentamento sarà fondamentale una larghissima adesione alla campagna vaccinale per conseguire l'immunità di gregge. LEGGI TUTTO
- di Maurizio Odor

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.