I migliori film di Martin Scorsese

Cinema

Con Robert De Niro e Leonardo DiCaprio come attori feticcio, i film di Martin Scorsese sono veri capolavori. Ecco i più famosi

Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico, Martin Scorsese è un esponente della New Hollywood ed è annoverato tra i più grandi registi della storia del cinema. 

Ispirato alla Nouvelle Vague francese e all’Iperrealismo italiano, il suo cinema ha regalato splendidi capolavori. Ecco alcune tra le sue pellicole più famose, da riscoprire proprio nei giorni in cui le sale cinematografiche trasmettono l’attesissimo “The Irishman” con Al Pacino e Robert De Niro.

“Mean Streets – Domenica in chiesa, lunedì all’inferno” (1973)

Film autobiografico ambientato a Little Italy, “Mean Streets – Domenica in chiesa, lunedì all’inferno” racconta le vicende di Charlie Chappa, nipote di un mafioso e in profondo conflitto tra la sua vita violenta e sregolata e la sua fede.

Martin Scorsese, oltre a dirigere il film, vi recita anche nei panni del killer Jimmy Shorts. E c’è persino sua madre nel cast.

“Taxi Driver” (1976)

Ritenuto uno dei capolavori di Martin Scorsese e del cinema contemporaneo, “Taxi Driver” è un film noir ma anche un giallo psicologico, incentrato sulle vicende di un giustiziere nel periodo post guerra del Vietnam.

Vincitore nel 1976 della Palma d'oro al 29º Festival di Cannes e candidato a quattro Premi Oscar, è interpretato da uno straordinario Robert De Niro, qui nei panni di un ex marine reduce del Vietnam che - soffrendo di insonnia - lavora come tassista notturno. A cambiargli la vita sarà una prostituta 13enne, che salirà sulla sua auto per salvarsi.

“Toro scatenato” (1980)

Tra i migliori film del sodalizio Martin Scorsese - Robert De Niro, “Toro scatenato” si ispira all'autobiografia del pugile Jake LaMotta, “Raging Bull: My Story”. 

Cresciuto nel Bronx e dal carattere duro e paranoico, Jake raggiunge i vertici del pugilato per poi cadere rovinosamente. Per la sua interpretazione, considerata una tra le più intense della storia del cinema, De Niro ha vinto l’Oscar.

“Re per una notte” (1983)

Rupert Pupkin (Robert De Niro) vive ancora con sua madre e sogna di diventare un famoso comico. Accanito fan di Jerry Langford, presentatore dello show “The King of Comedy”, quando riesce a incontrarlo inizia ad assillarlo per ottenere un provino, intromettendosi nella sua vita privata e fino a sequestrarlo: minacciando i produttori di ucciderlo se non gli concedono un’opportunità in tv, riesce ad ottenere la sua serata di gloria. Ne sarà valsa la pena?

“Quei bravi ragazzi” (1990)

Tratto dal romanzo “Il delitto paga bene” di Nicholas Pileggi e ispirato alle vicende del pentito Henry Hill, “Quei bravi ragazzi” ottiene 6 candidature all’Oscar e una statuetta come miglior attore non protagonista (Joe Pesci).

Tra i 100 migliori film statunitensi di tutti i tempi, racconta le vicende di Henry Hill (Ray Liotta), che intraprende la carriera criminale insieme a due compagni/amici: Jimmy Conway (Robert De Niro), killer senza scrupoli, e Tommy DeVito (Joe Pesci). Le loro vite cambiano quando apre l’aeroporto JFK nel Queens, e cominciano a rubare camion e merci dando vita ad un traffico da milioni di dollari ogni anno. Nel 1978, dopo il clamoroso colpo alla Lufthansa (considerata la rapina del secolo, in quanto fruttò ai criminali 6 milioni di dollari senza spargimenti di sangue), l’organizzazione inizia però a vacillare.

“Gangs of New York” (2002)

Tra i migliori film che Martin Scorsese gira con Leonardo DiCaprio, “Gangs of New York” si ispira al trattato del 1928 “The Gangs of New York: An Informal History of the Underworld” sulle gang armate che - nel XIX secolo - abitavano il quartiere newyorchese di Five Points.

Ambientato durante la Guerra Civile Americana, racconta le vicende dell’irlandese Amsterdam Vallon (Leonardo DiCaprio), in cerca di vendetta contro il gangster William Cutting detto "il Macellaio" (Daniel Day-Lewis), assassino di suo padre. Dieci le candidature all’Oscar.

“The Departed – Il bene e il male” (2006)

Remake del film di Andy Lau e Alan Mak “Infernal Affairs”, “The Departed – Il bene e il male” racconta le vicende di una talpa che un boss irlandese sotto inchiesta ha infiltrato nella Polizia di Stato del Massachusetts

Oscar come miglior film e come miglior regista, il personaggio interpretato da Matt Damon è basato sull'agente corrotto dell'FBI John Connolly, mentre il personaggio interpretato da Jack Nicholson rimanda alla figura di James Bulger, un boss della mala irlandese di Boston inserito nella lista dei 10 criminali considerati più pericolosi dall'FBI.

“The Wolf of Wall Street” (2013)

Adattamento dell'omonima autobiografia, “The Wolf of Wall Street” racconta l’ascesa e la caduta di Jordan Belfort, spregiudicato broker di New York che ha qui il volto di Leonardo DiCaprio.

Cinque volte nominato all’Oscar, si concentra sulla vita di eccessi che Jordan conduce.

Spettacolo: Per te