Russia, a Mosca 10mila in piazza contro il blocco di Telegram. FOTO

La manifestazione organizzata dal partito Libertario per protestare contro la decisione del governo di imporre il bando alla famosa app di messaggistica. Fra i manifestanti anche l'oppositore Alexei Navalny. LA GALLERY
  • ©Getty Images
    30 aprile 2017 - Sarebbero almeno 10mila i manifestanti che in queste ore si sono riversati per le strade di Mosca per protestare contro la decisione del governo di bandire l'app di messaggistica Telegram. I dati sono stati diffusi dalla ong “Contatore bianco” che si occupa di riferire numeri realistici sulle manifestazioni in Russia. Secondo la polizia, erano invece 7.500 le persone presenti in viale Sakharov - In Russia parte blocco a Telegram, per il patron "è incostituzionale"
  • ©Getty Images
    L'evento è stato organizzato dal partito Libertario che è riuscito a radunare i manifestanti. Come scritto sul sito web del partito, la manifestazione chiede l'immediato sblocco di Telegram e di tutti gli indirizzi IP di recente inseriti nella blacklist di Roskomnadzor, l'ente preposto al controllo delle telecomunicazioni - Russia, giornalista muore cadendo dal balcone: indagava su mercenari
  • ©Getty Images
    Nella piattaforma di protesta si chiede anche la cancellazione delle leggi "anti-terrorismo" e di tutte le regolamentazioni "anti-internet", la chiusura della stessa Roskomnadzor, il cui capo Aleksandr Zharov dovrebbe, secondo gli organizzatori, essere portato in tribunale e l'abolizione della "lobby anti-internet" - Spia russa avvelenata, Mosca sospetta omissioni nel rapporto Opac
  • ©Getty Images
    Alla manifestazione ha partecipato anche l'oppositore Alexei Navalny (nella foto). Quest'ultimo ha sottolineato che è "necessario battersi per il web libero" in Russia e ha chiesto nuovamente ai moscoviti di scendere in piazza sabato prossimo per protestare contro l'inaugurazione del nuovo mandato presidenziale di Vladimir Putin - Russia, Navalny scende in piazza: fermato e poi rilasciato
  • ©Getty Images
    Tra gli slogan scanditi per le strade della capitale russa i più diffusi hanno ripreso proprio le richieste di Navalny: “Putin ladro” e “Internet libera” - Russia 2018, Navalny non può candidarsi: Corte suprema boccia ricorso
  • ©Getty Images
    Oltre agli slogan, i partecipanti hanno lanciato in aria centinaia di aeroplanini di carta neri, bianchi e blu all'inizio della manifestazione. L'aeroplanino è il simbolo di Telegram - Russia blocca Telegram. La società: "Privacy e diritti non si vendono"
  • ©Getty Images
    La chiusura di Telegram è stata imposta dal Cremlino dato il rifiuto dei responsabili dell'app di adeguarsi alle leggi anti-terrorismo che impongono di consegnare ai servizi segreti le chiavi per decifrare i messaggi degli utenti - Telegram, ultimatum dalla Russia: entro 15 giorni codici o chiusura
  • ©Getty Images
    L'app fondata dal russo Pavel Durov, conta 200 milioni di utenti in tutto il mondo, di cui 13 milioni solo in Russia - Telegram nega alla Russia l'accesso ai messaggi dei suoi utenti
  • ©Getty Images
    Il timore di alcuni esperti di Internet in Russia, come il giornalista indipendente Andrei Soldatov, è che se l'attacco a Telegram, alla fine, sarà condotto con successo - al momento il servizio è ancora disponibile, anche se non in modo regolare - Mosca possa poi scagliarsi contro obiettivi più grandi - Privacy su social network e chat: le nuove regole per i ragazzi