Covid, le notizie di oggi. Documentario Corea del Nord esalta vittoria su pandemia

©Getty

Il filmato, trasmesso dalla KCTV, evidenzia la "grande vittoria della quarantena" attuata nel Paese durante la crisi sanitaria, passa in rassegna tutte le misure di contenimento del regime e le testimonianze dei sopravvissuti alla malattia. In Italia, secondo il monitoraggio della Fondazione Gimbe, nell'ultima settimana continuano a scendere contagi (-38,3%), ricoveri ordinari (-22,1%), terapie intensive (-26,8%) e decessi

1 nuovo post
Ieri sera la televisione di Stato della Corea del Nord ha trasmesso un documentario in cui si esalta la gestione del Paese della pandemia di Covid-19, un "evento senza precedenti" che ha portato alla chiusura totale dei confini del territorio. Il documentario, trasmesso dalla KCTV, evidenzia la "grande vittoria della quarantena" attuata nel Paese durante la crisi sanitaria, passa in rassegna tutte le misure di contenimento del regime e le testimonianze dei sopravvissuti alla malattia. In Italia, secondo il monitoraggio della Fondazione Gimbe, nell'ultima settimana continuano a scendere contagi (-38,3%), ricoveri ordinari (-22,1%), terapie intensive (-26,8%) e decessi (-14,1%). Copertura al 13% su 3,1 milioni di persone, per la quinta dose vaccino. La sottovariante Omicron XBB.1.5 di Sars-CoV-2 è all'origine di quasi la metà dei nuovi casi degli Stati Uniti. 

Gli ultimi approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Costanza Ruggeri

Questo liveblog finisce qui, continua a seguire gli aggiornamenti con il live di mercoledì 25 gennaio

- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Covid, la battaglia della scienza alle varianti. Tra richiami vaccino e nuovi farmaci

L'evoluzione del virus rende necessario spingere sulle quarte e le quinte dosi (per anziani e fragili), spiega Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto farmacologico Mario Negri. Mentre si cerca di capire se potrebbero esserci rischi legati a multiple somministrazioni vaccinali, proseguono gli studi per mettere a punto nuove medicine, dallo spray nasale all'impiego dell'acido ursodessìossicolico. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Covid, in Italia anche la sottovariante Orthrus: cosa sappiamo e quali sono i sintomi

Si affaccia anche nel nostro Paese la sottovariante che, da quanto riportano alcune analisi, sta correndo più veloce di Kraken: infatti, in Gran Bretagna, è già la seconda tipologia più diffusa, dopo Cerberus. “Sotto controllo i casi più virali e a maggiore trasmissibilità”, dichiarano Iss e Ministero della Salute. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Covid, Rezza: "Andamento positivo e nessuna congestione ospedali"

Il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, commentando i dati settimanali, annuncia un calo sia del tasso di incidenza sia dell'indice Rt, con conseguente abbassamento della percentuale di occupazione dei posti letto negli ospedali. LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Covid, tutte le regole per vaccino, tampone, isolamento e quarantena nel 2023

Abrogato l’obbligo di esibire il certificato di vaccinazione per l’ingresso nelle strutture sanitarie; niente più tampone in caso di sintomi o alla fine del periodo di isolamento dopo il contagio; addio anche al Green Pass, che non sarà più necessario neanche per accedere a ospedali e Rsa; unica misura rimasta è l’obbligo di mascherina negli ospedali. Ecco quali sono le novità nel dettaglio
- di Redazione Sky TG24

Covid, rischio morte e problemi al cuore più alto per 18 mesi dopo l'infezione

Una ricerca condotta presso l'Università di Hong Kong su 160mila persone e pubblicato sulla rivista Cardiovascular Research mostra come i "pazienti Covid avevano una maggiore probabilità di sviluppare numerose patologie cardiovascolari rispetto ai partecipanti non infettati”. LO STUDIO
- di Redazione Sky TG24

Triplendemia dei bambini, cos'è, perché è rischiosa e come difenderli dal contagio

I reparti di pediatria e di pronto soccorso sono pieni di bambini affetti da malattie come Covid, influenza e virus respiratorio sinciziale. A creare disagi è spesso la copertura vaccinale, che nei più piccoli è lacunosa a causa della poca cura dei genitori. “Importante non dimenticare le buone pratiche imparate durante la pandemia di Covid: possono proteggere i più piccoli dalle bronchioliti”, ha dichiarato Simona Zampogna, presidente nazionale della Società Italiana di Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica. IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Covid, esperto Oms: 'Virus ancora instabile, presto per dire se vaccini annuali'

"Attualmente noi stiamo raccomandando di ripetere i richiami vaccinali anti-Covid per le persone che sono a rischio più elevato di malattia grave". "La grande domanda è: quanto spesso dobbiamo ripetere la vaccinazione? E non credo che oggi abbiamo una risposta definitiva. Dipende ovviamente dall'evoluzione del virus, e dalla durata della protezione". Certo "è ipotizzabile che una vaccinazione annuale sarebbe adatta", ma "dobbiamo anche dire che al momento Covid non si è davvero ridotto alla solita stagionalità che vediamo con altri virus respiratori. Il virus è ancora abbastanza instabile. Quindi questa è un po' un anticipazione, del fatto che finiremo in un modello stagionale come quello che abbiamo per esempio per l'influenza". Questa la riflessione dell'esperto dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Joachim Hombach, che durante il punto stampa periodico promosso dall'Oms, ha commentato i contenuti di un documento Fda che prospetta una strategia di vaccinazione annuale per Covid. 
- di Redazione Sky TG24

Vaccino Covid, via libera al richiamo con bivalente per i bambini dai 5 agli 11 anni

Via libera alla somministrazione del farmaco Cominarty di Pfizer contro le varianti Omicron Ba.4 e Ba.5: è raccomandata ai più fragili, ma su richiesta dei genitori potrà essere effettuata anche agli altri bimbi compresi nella fascia d’età. E da qualche setimana Pfizer, nella sua versione originale, è disponibile anche per la fascia d’età 6 mesi-4 anni, così come Moderna per la fascia 6 mesi-5 anni. IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Spagna, Sánchez: presto torneremo a livelli di Pil pre-Covid 

La Spagna tornerà "presto" a registrare "livelli di Pil" come quello dell'ultimo periodo precedente alla pandemia di Covid: è quanto affermato in Parlamento dal premier Pedro Sánchez, in un intervento in cui ha illustrato "le conseguenze sociali ed economiche della guerra in Ucraina". Sánchez non ha specificato in termini precisi quando verrà completata la ripresa economica post-Covid, ma ha sostenuto che il Paese iberico, grazie alla "risposta sociale" del suo governo e al suo distanziamento da "precedenti politiche neo-liberali", ha potuto superare più velocemente l'impatto della pandemia rispetto a quanto fatto ai tempi della crisi finanziaria del 2008. "In due anni siamo tornati a livelli di impiego pre-pandemia", ha detto, "e le disuguaglianze non sono aumentate come allora". "Metteremo tutte le risorse dello Stato necessarie al servizio della maggioranza dei cittadini", ha aggiunto il premier spagnolo in merito alla linea politica che intende seguire per il resto della legislatura in corso (la cui scadenza è prevista per fine 2023).
- di Redazione Sky TG24

La variante Kraken sarà presto dominante in Europa

Secondo la previsione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), la sottovariante di Omicron XBB.1.5 potrebbe prevalere nel Vecchio Continente "nei prossimi uno o due mesi". La gravità dell'infezione non sembra però diversa dalle varianti Omicron già diffuse in precedenza, soprattutto per quanto riguarda le persone in salute e vaccinate. IL PUNTO 
- di Redazione Sky TG24

Covid, l'immunità più forte è quella 'ibrida', vasto studio

L'immunita' cosiddetta 'ibrida' è la piùefficace contro i rischi di contrarre il Covid in maniera grave e finire all'ospedale. Più protetti, dunque, per almeno 12 mesi risultano gli individui che hanno ricevuto la serie piena e raccomandata di vaccinazioni contro il Sars-Cov2, ed hanno pero' anche avuto il Covid: lo conferma uno studio molto vasto dell'università di Calgary in Canada, condotto in collaborazione con l'Organizzazione mondiale della sanità. La ricerca epidemiologica ha rivisto ed analizzato i dati emersi da studi condotti in tutto il mondo ed è pubblicata su 'Lancet Infectious Disease'.
- di Redazione Sky TG24

Covid, rischio diabete e malattie cardiovascolari dopo l'infezione

Emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista 'Plos Medicine', condotto dagli scienziati del King's College di Londra. I rischi sono più elevati specialmente nei tre mesi post infezione da coronavirus. LA RICERCA

- di Redazione Sky TG24

Covid: Usa, Fda propone vaccino annuale bivalente 

Grandi cambiamenti in arrivo negli Usa nel regime per la somministrazione dei vaccini contro il Covid: in una serie di documenti postati online, la Food and drug administration (Fda) ha proposto una vaccinazione annuale contro il Sars-Cov2, invece di vari richiami come è avvenuto sinora. Le vaccinazioni seguirebbero così lo stesso ritmo di quelle per l'influenza. L'immunizzazione sarebbe inoltre bivalente - ancora non si sa quale prodotto o prodotti verrebbero raccomandati - ossia in grado di proteggere sia contro le varianti Omicron, che l'originale ceppo virale del covid. La proposta verrà discussa questo giovedì. Diverse sarebbero però le raccomandazioni per gli anziani, le persone fragili e quelle con sistema immunitario compromesso: per loro gli scienziati della Fda prevederebbero due dosi l'anno.

- di Redazione Sky TG24

Dal Covid al vaiolo delle scimmie al virus di Marburg: le malattie monitorate dall’Oms

Epatiti, colera, ebola: sono diversi i virus che l’Organizzazione mondiale della Sanità monitora costantemente, a causa della loro portata aggressiva nei confronti dell’uomo. Ecco gli ultimi casi registrati dalle autorità sanitarie internazionali. LO STUDIO

- di Redazione Sky TG24

Bild: creatori vaccino Biontech vorrebbero lasciare la Germania 

Biontech - l'azienda tedesca che ha creato con Pfizer uno dei più importanti vaccini contro il Covid - programmerebbe di posizionare a Londra un suo importante centro di ricerca sul cancro. I fondatori Özlem Türeci e Uğur Şahin vorrebbero così evitare la burocrazia tedesca e trovare un ambiente in cui politica ed economia hanno un rapporto migliore. Lo scrive Bild, che invita quindi il governo tedesco a intervenire per evitare che la ricerca dell'azienda fondata dai "nostri eroi contro il Covid" lasci la Germania.
- di Redazione Sky TG24

Covid, effetti anche sulla pelle: macchie, dermatiti ed eruzioni cutanee

Anche un forte prurito può essere la manifestazione del contagio da coronavirus: dermatiti, eczemi e rash cutanei sono sintomi dell’infezione per un quarto dei contagiati, in particolare le donne, e possono manifestarsi anche dopo la guarigione: cosa fare per gestirli al meglio. LO STUDIO

- di Redazione Sky TG24

Covid Marche, da domani richiami anche con vaccino Sanofi

Da domani arriva nei punti vaccinali delle Marche un altro tipo di vaccino anti-Covid rispetto a quelli a mRNA, il VidPrevtyn Beta (Sanofi), a base proteica contenente una versione della proteina spike che si trova sulla superficie della variante Beta del virus Sars-CoV-2 e un adiuvante, una sostanza per aiutare a rafforzare le risposte immunitarie al vaccino. Le modalità di prenotazione restano le stesse utilizzate finora per la campagna vaccinale e sarà possibile farne richiesta al personale sanitario presente. "Si tratta di un vaccino creato e sviluppato completamente in Francia, che potrà essere utilizzato come dose di richiamo in parallelo con altri vaccini e come valida alternativa a quelli già noti a mRNA - ha spiegato l'assessore alla Sanità della
Regione Marche, Filippo Saltmartini -. Secondo i dati della ricerca questo richiamo sarebbe infatti efficace quanto quelli di Pfizer e Moderna". Può essere utilizzato a partire dai 18 anni di età. Attualmente è  autorizzato per essere somministrato una sola volta (non sono ancora autorizzati successivi richiami con lo stesso vaccino), non è autorizzato per il ciclo primario e può essere utilizzato unicamente come dose di richiamo.
- di Redazione Sky TG24