Covid, le ultime news. Fiaso, ricoveri in calo: -18% in sette giorni

©Ansa

Per la sesta settimana consecutiva l'andamento dei ricoveri è in discesa con un calo di -18% negli ultimi 7 giorni. Stabile il dato sulle terapie intensive dove il 30% dei pazienti non risulta vaccinato e ha una età media di 58 anni, rispetto ai 71 anni dei soggetti vaccinati. Lo segnala la rilevazione degli ospedali sentinella aderenti alla rete Fiaso.  Le autorità di Pyongyang hanno ordinato un lockdown di cinque giorni a causa dell'aumento dei casi di una "malattia respiratoria non specificata"

1 nuovo post
Per la sesta settimana consecutiva l'andamento dei ricoveri Covid è in discesa con un calo di -18% negli ultimi sette giorni. Stabile il dato sulle terapie intensive dove il 30% dei pazienti non risulta vaccinato e ha una età media di 58 anni, rispetto ai 71 anni dei soggetti vaccinati. È quanto emerge dalla rilevazione degli ospedali sentinella aderenti alla rete della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso) del 24 gennaio 2023. 
 A Pyongyang le autorità locali hanno ordinato un lockdown di cinque giorni a causa dell'aumento dei casi di una "malattia respiratoria non specificata": lo ha riferito NK News con sede a Seul, citando un avviso del governo, il primo dopo otto mesi, fa notare la testata online.

Gli ultimi approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Covid, tutte le regole per vaccino, tampone, isolamento e quarantena nel 2023

Abrogato l’obbligo di esibire il certificato di vaccinazione per l’ingresso nelle strutture sanitarie; niente più tampone in caso di sintomi o alla fine del periodo di isolamento dopo il contagio; addio anche al Green Pass, che non sarà più necessario neanche per accedere a ospedali e Rsa; unica misura rimasta è l’obbligo di mascherina negli ospedali. Ecco quali sono le novità nel dettaglio
- di Redazione Sky TG24

Covid, la battaglia della scienza alle varianti. Tra richiami vaccino e nuovi farmaci

L'evoluzione del virus rende necessario spingere sulle quarte e le quinte dosi (per anziani e fragili), spiega Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto farmacologico Mario Negri. Mentre si cerca di capire se potrebbero esserci rischi legati a multiple somministrazioni vaccinali, proseguono gli studi per mettere a punto nuove medicine, dallo spray nasale all'impiego dell'acido ursodessìossicolico. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Covid, Rezza: "Andamento positivo e nessuna congestione ospedali"

Il direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, commentando i dati settimanali, annuncia un calo sia del tasso di incidenza sia dell'indice Rt, con conseguente abbassamento della percentuale di occupazione dei posti letto negli ospedali. LEGGI L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Covid, in Italia anche la sottovariante Orthrus: cosa sappiamo e quali sono i sintomi

Si affaccia anche nel nostro Paese la sottovariante che, da quanto riportano alcune analisi, sta correndo più veloce di Kraken: infatti, in Gran Bretagna, è già la seconda tipologia più diffusa, dopo Cerberus. “Sotto controllo i casi più virali e a maggiore trasmissibilità”, dichiarano Iss e Ministero della Salute. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Covid, rischio morte e problemi al cuore più alto per 18 mesi dopo l'infezione

Una ricerca condotta presso l'Università di Hong Kong su 160mila persone e pubblicato sulla rivista Cardiovascular Research mostra come i "pazienti Covid avevano una maggiore probabilità di sviluppare numerose patologie cardiovascolari rispetto ai partecipanti non infettati”. LO STUDIO
- di Redazione Sky TG24

Vaccino Covid, via libera al richiamo con bivalente per i bambini dai 5 agli 11 anni

Via libera alla somministrazione del farmaco Cominarty di Pfizer contro le varianti Omicron Ba.4 e Ba.5: è raccomandata ai più fragili, ma su richiesta dei genitori potrà essere effettuata anche agli altri bimbi compresi nella fascia d’età. E da qualche setimana Pfizer, nella sua versione originale, è disponibile anche per la fascia d’età 6 mesi-4 anni, così come Moderna per la fascia 6 mesi-5 anni. IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Usa: "Cina sia completamente trasparente sul Covid"

"Le autorità di Pechino non sono state chiare sull'attuale situazione del Covid. Chiediamo alla Cina di essere completamente trasparente". Lo ha detto il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americana, John Kirby, in un briefing con la stampa alla Casa Bianca, sottolineando di non essere in grado "di verificare la veridicità" dei dati suoi nuovi decessi per il Covid.
- di Redazione Sky TG24

Triplendemia dei bambini, cos'è, perché è rischiosa e come difenderli dal contagio

I reparti di pediatria e di pronto soccorso sono pieni di bambini affetti da malattie come Covid, influenza e virus respiratorio sinciziale. A creare disagi è spesso la copertura vaccinale, che nei più piccoli è lacunosa a causa della poca cura dei genitori. “Importante non dimenticare le buone pratiche imparate durante la pandemia di Covid: possono proteggere i più piccoli dalle bronchioliti”, ha dichiarato Simona Zampogna, presidente nazionale della Società Italiana di Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica. IL FOCUS
- di Redazione Sky TG24

Usa, Cina sia completamente trasparente sul Covid

"Le autorità di Pechino non sono state chiare sull'attuale situazione del Covid. Chiediamo alla Cina di essere completamente trasparente". Lo ha detto il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americana, John Kirby, in un briefing con la stampa alla Casa Bianca sottolineando di non essere in grado "di verificare la veridicità" dei dati suoi nuovi decessi per il Covid. 
- di Redazione Sky TG24

La variante Kraken sarà presto dominante in Europa

Secondo la previsione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), la sottovariante di Omicron XBB.1.5 potrebbe prevalere nel Vecchio Continente "nei prossimi uno o due mesi". La gravità dell'infezione non sembra però diversa dalle varianti Omicron già diffuse in precedenza, soprattutto per quanto riguarda le persone in salute e vaccinate. IL PUNTO 
- di Redazione Sky TG24

Covid, rischio diabete e malattie cardiovascolari dopo l'infezione

Emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista 'Plos Medicine', condotto dagli scienziati del King's College di Londra. I rischi sono più elevati specialmente nei tre mesi post infezione da coronavirus. LA RICERCA

- di Redazione Sky TG24

A San Diego stop obbligo vaccini per impiegati governo

San Diego è la prima grande città della California a dichiarare la fine dell'emergenza Covid e soprattutto ad eliminare l' obbligo di vaccinazione per gli impiegati del governo locale. Il consiglio della città ha votato il provvedimento in questo senso e lo stop alle immunizzazioni obbligatorie entrerà in vigore a fine febbraio. Il 91% dei lavoratori nelle istituzioni governative di San Diego si è vaccinato, e gli amministratori locali hanno dichiarato che proprio il senso di responsabilità dimostrato da questi cittadini ha portato alla fine dell'emergenza pandemica. 
- di Redazione Sky TG24

Dal Covid al vaiolo delle scimmie al virus di Marburg: le malattie monitorate dall’Oms

Epatiti, colera, ebola: sono diversi i virus che l’Organizzazione mondiale della Sanità monitora costantemente, a causa della loro portata aggressiva nei confronti dell’uomo. Ecco gli ultimi casi registrati dalle autorità sanitarie internazionali. LO STUDIO

- di Redazione Sky TG24

Covid, effetti anche sulla pelle: macchie, dermatiti ed eruzioni cutanee

Anche un forte prurito può essere la manifestazione del contagio da coronavirus: dermatiti, eczemi e rash cutanei sono sintomi dell’infezione per un quarto dei contagiati, in particolare le donne, e possono manifestarsi anche dopo la guarigione: cosa fare per gestirli al meglio. LO STUDIO

- di Redazione Sky TG24

Long Covid, studio rivela che tra i sintomi ci sono anche perdita di capelli e calo libido

Un nuovo studio coordinato dall'Università di Birmingham e pubblicato su Nature Medicine ha indicato 62 sintomi associati a Covid-19 fino a 12 settimane dall'infezione. Tra quelli più frequenti ci sono anosmia (perdita dell'olfatto), mancanza di respiro, dolore toracico e febbre. Ma anche amnesia, aprassia, incontinenza intestinale, disfunzione erettile, allucinazioni, gonfiore degli arti. Individuati anche gruppi demografici e stili di vita che espongono le persone a maggior rischio di sviluppare long Covid. LA RICERCA

- di Redazione Sky TG24

Covid: Cina, picco il 22 dicembre con oltre 7 milioni casi

La Cina ha affermato che le nuove infezioni giornaliere hanno raggiunto un picco di oltre 7 milioni al giorno intorno al 22 dicembre, mentre i decessi negli ospedali hanno toccato il 4 gennaio i massimi quotidiani a 4.273 unità. Lo ha riferito oggi il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), pubblicando sul suo sito gli ultimi aggiornamenti dopo che nel weekend il suo capo epidemiologo Wu Zunyou aveva postato su Weibo, il Twitter in mandarino, che l'80% dell'intera popolazione di 1,4 miliardi di persone era già stata contagiata rendendo remota l'ipotesi di un grande rimbalzo del Covid nei prossimi due o 3 mesi.   
- di Maurizio Odor

Sanità, report Crea: allarme carenza personale, servirebbe investire 30 mld

La sanità pubblica italiana soffre "di una carenza di personale", un problema "per il quale l'Italia dovrebbe investire 30,5 miliardi di euro se volesse allinearsi agli organici di professionisti sanitari dei Paesi europei di riferimento, senza tenere conto del maggiore bisogno derivante dall'età media più alta della popolazione". E' la stima contenuta nel 18esimo Rapporto del Crea Sanità, riconosciuto come centro di ricerca da Eurostat, Istat e ministero della Salute, composto da economisti, epidemiologi, ingegneri biomedici, giuristi e statistici che in larga misura operano presso l'Università Tor Vergata e l'Università telematica San Raffaele di Roma. Il report è stato presentato oggi nella Capitale. Secondo gli esperti, "in Italia, rispetto alle medie Eu, i medici ogni 1.000 abitanti sono sì un po' di più, ma se si considera la popolazione over 75 ne potrebbero mancare circa 30mila e per il riequilibrio se ne dovrebbero assumere almeno 15mila ogni anno per i prossimi 10 anni, mettendo in conto le dinamiche annuali di pensionamento (circa 12mila l'anno, essendo in media più anziani)". 
- di Redazione Sky TG24