Covid, news. Bollettino: 5.335 contagi e 33 decessi. Tasso di positività all'1,1%

I tamponi processati sono 474.778. Aumentano i ricoveri ordinari (+49) e terapie intensive (+2). Iss: "Incidenza e indice Rt in aumento, 18 regioni a rischio moderato". L'Istituto vede un ulteriore aumento dell'indice di trasmissibilità a 1,14: lo spiega l'Iss in una nota con i dati del monitoraggio Iss-Ministero Salute. Salgono da 4 a 18 le Regioni e le province autonome classificate a rischio moderato per la progressione dei casi di Covid

1 nuovo post
In Italia registrati 5.335 nuovi contagi su 474.778 tamponi processati. I decessi sono 33. Aumentano ricoveri ordinari (+49, ora in totale 2.658) e terapie intensive (+2, ora 349). Il tasso di positività è al 1,1% (BOLLETTINO - MAPPE - GRAFICHE).
Supera la soglia epidemica di 1 l'Rt atteso, che vede un ulteriore aumento dell'indice di trasmissibilità a 1,14: lo spiega l'Iss in una nota con i dati del monitoraggio Iss-Ministero Salute. Salgono da 4 a 18 le Regioni e le province autonome classificate a rischio moderato per la progressione dei casi di Covid. Le restanti 3 Regioni e province risultano classificate a rischio basso e sono Basilicata, Sardegna e Valle d'Aosta. 
A Trieste boom di contagi e accessi all'ospedale, il prefetto: "Rischiamo zona gialla".
Guarda la puntata del 29 ottobre de "I numeri della pandemia"

Le ultime notizie:​

Per ricevere le notizie di Sky TG24​

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Costanza Ruggeri
- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24​

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Gli approfondimenti:​

- di Redazione Sky TG24

Covid, torna a crescere il tasso di positività: è all’1,1%

Secondo il bollettino del ministero della Salute del 29 ottobre, la percentuale dei positivi sui tamponi giornalieri effettuati ricomincia a salire (ieri era allo 0,9%). I nuovi casi registrati in 24 ore sono 5.335, rilevati su 474.778 test. In aumento i pazienti ricoverati in terapia intensiva (+2), così come quelli nei reparti ordinari (+49). IL BOLLETTINO DEL 29 OTTOBRE
- di Redazione Sky TG24

Covid, 007 Usa: probabile non sia nato come arma biologica

L'intelligence Usa non è arrivata a conclusioni definitive sull'origine del Covid-19, con le varie agenzie degli 007 che restano divise ma la maggior parte crede "con un basso livello di fiducia che probabilmente non sia stato sviluppato come arma biologica". E' uno dei passaggi del rapporto declassificato dal direttore della National Intelligence, secondo cui i dirigenti cinesi non erano a conoscenza del virus prima dell'epidemia iniziale, avvenuta a Wuhan, con il primo caso verificatosi "non oltre novembre 2019".
- di Redazione Sky TG24

Covid, monitoraggio Iss: incidenza e indice Rt in aumento, 18 regioni a rischio moderato

Nel periodo 6-19 ottobre, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,96, in deciso aumento rispetto alla settimana precedente (era 0,86). L'Rt atteso, in sostanza il dato proiettato alla prossima settimana, vede un ulteriore aumento a 1,14, quindi sopra la soglia epidemica. A livello nazionale l'incidenza arriva a 46 casi di Covid per 100mila abitanti, rispetto ai 34 della scorsa settimana. Solo 3 regioni risultano classificate a rischio basso. Salgono ricoveri ordinari, stabili terapie intensive. IL REPORT ISS COMPLETO
- di Redazione Sky TG24

Covid, mappa Ecdc: 11 zone italiane in verde, 10 in giallo. Est Europa in rosso scuro

Nuovo aggiornamento del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, che classifica i territori sulla base del rischio di diffusione del coronavirus. In Italia, passano in giallo Lazio ed Emilia-Romagna. Peggiora la situazione in altre regioni europee: in rosso scuro la Vallonia in Belgio, il sud dell’Irlanda, la Croazia, la Polonia orientale, la Grecia settentrionale, Bulgaria e Romania. LA MAPPA ECDC COMPLETA
- di Redazione Sky TG24

Covid, ecco i Paesi europei con più decessi durante la quarta ondata

In alcune nazioni dell'Est Europa, ma non solo, è in corso una quarta ondata della pandemia, con conseguente aumento del numero delle vittime e dell'incidenza dei casi: nell'ultima settimana, la Romania ha registrato 154 decessi per milione di abitanti. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Vaccini Covid per i bambini: quali Paesi li stanno facendo e per quali fasce d'età

Dagli Usa alla Cina, passando per l’Europa e Israele: in molti Paesi sono stati approvati i vaccini anche per i giovani, a partire dai 12 anni. E ora si guarda ai più piccoli. Negli Stati Uniti il comitato consultivo della Fda ha raccomandato il prodotto di Pfizer anche nella fascia fra i 5 e gli 11 anni. Per i Paesi europei si attende la decisione dell'Ema.
- di Redazione Sky TG24

Decreto Recovery, dai fondi al turismo all'università: gli investimenti previsti

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al testo. Tra i 42 articoli per dare forma al Piano nazionale di ripresa e resilienza, risorse per strutture alberghiere, misure contro il degrado urbano delle città, controlli antimafia nei cantieri e più fondi per borse di studio e alloggi per gli studenti.
- di Redazione Sky TG24

Vaccini, India: discusso con Ue riconoscimento nostri sieri

Il tema delle certificazioni dei vaccini indiani contro Covid-19 "e' stato discusso in particolare con i rappresentanti dell'Unione europea" e "c'e stata una conversazione sul mutuo riconoscimento dei vaccini. I dettagli di questo tema devono essere discussi in modo bilaterale, l'Ue può solo fornire linee guida" e "credo che alcuni Paesi hanno già risposto alla nostra proposta e stiamo facendo progressi su questo". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri indiano, Harsh Vardhan Shringla, in un briefing con i media dopo l'incontro tra il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente del Consiglio Mario Draghi.  Anche al G20 "abbiamo proposto un mutuo riconoscimento delle certificazioni dei vaccini" e "credo che molti Paesi sono felici dell'idea di facilitare l'accesso ai viaggi", ha aggiunto. 
- di Redazione Sky TG24

Covid, India: discusso con Ue riconoscimento nostri vaccini

 Il tema delle certificazioni dei vaccini indiani contro Covid-19 "è stato discusso in particolare con i rappresentanti dell'Unione europea" e "c'e stata una conversazione sul mutuo riconoscimento dei vaccini. I dettagli di questo tema devono essere discussi in modo bilaterale, l'Ue può solo fornire linee guida" e "credo che alcuni Paesi hanno già risposto alla nostra proposta e stiamo facendo progressi su questo". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri indiano, Harsh Vardhan Shringla, in un briefing con i media dopo l'incontro tra il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente del Consiglio Mario Draghi. Anche al G20 "abbiamo proposto un mutuo riconoscimento delle certificazioni dei vaccini" e "credo che molti Paesi sono felici dell'idea di facilitare l'accesso ai viaggi", ha aggiunto.
- di Redazione Sky TG24

Gli 007 Usa: "Covid non diffuso come arma batteriologica"

Il virus del Covid "non è stato diffuso come arma batteriologica". E' quanto emerge, secondo la Reuters, da un documento desecretato sulle origini della pandemia, redatto dalla direzione della United States Intelligence Community, che racchiude le diciassette agenzie federali di sicurezza.
- di Redazione Sky TG24

Usa, Fda: ok al vaccino Pfizer nei bimbi 5-11 anni

La Food and Drug Administration (Fda) ha autorizzato l'uso di emergenza del vaccino Pfizer-BioNTech per i bambini dai 5 agli 11 anni, con una dose ridotta (un terzo di quella per gli adulti) e due iniezioni a distanza di tre settimane. Una decisione che interessa circa 28 milioni di bambini americani. Se ci sarà il disco verde anche dei Centers for Desease Control and prevention (Cdc), la campagna vaccinale pediatrica potrà iniziare la prossima settimana.

- di Redazione Sky TG24

M5S: "Musumeci spieghi dove sono finiti 100 mln destinati a famiglie siciliane"


"Non si sa dove possano essere finiti, al momento, i 100 milioni di euro destinati alle famiglie siciliane in difficoltà economiche per l’emergenza Covid. La clamorosa scoperta l’abbiamo fatta in commissione Verifica dell’applicazione delle leggi, dove i funzionari in audizione hanno ammesso che i fondi sarebbero stati stornati altrove". Lo dice Giovanni Di Caro, capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Assemblea regionale siciliana, intervenendo a proposito del 'Fondo Sicilia - Sezione specializzata per il sostegno finanziario alle famiglie', costituito presso Irfis-Finsicilia e "decimato dal governo regionale". Il fondo fu attivato in fase di approvazione della Finanziaria 2020 per dare una boccata d’ossigeno durante la crisi pandemica. "Il Governo regionale - spiega Di Caro - ha del tutto disatteso le previsioni della legge che contemplava un'ingente misura di sostegno alle famiglie. L’Ars aveva dato un indirizzo vincolante per il Governo regionale, destinando ben 100 milioni di euro di fondi extra-regionali al sostegno delle famiglie siciliane in difficoltà". "Sappiamo ora che le somme realmente disponibili per questa misura rappresentano circa un ventesimo di quelle previste dalla legge. Un fatto di una straordinaria gravità, per almeno due motivi - sottolinea -. Primo, il governo regionale sottrae alle legittime e primarie esigenze delle nostre famiglie risorse preziose per le primarie esigenze di vita in un momento di difficoltà. Secondo, il governo regionale ha in pratica esautorato il Parlamento dal suo ruolo, forse convinto forse di poter disporre di finanziamenti a proprio piacimento. Lo ‘storno’ di queste risorse verso altre destinazioni delle quali al momento non abbiamo notizia è semplicemente scandaloso. Siamo convinti che quanto accaduto rappresenti una lesione nel rapporto di correttezza istituzionale tra Ars e governo. Con urgenza, chiediamo che il presidente Musumeci si presenti in Aula a motivare queste scelte", conclude Di Caro.

- di Redazione Sky TG24

Green pass, protesta a Foggia, sfilano in 300

"Stop a dittature obblighi e green pass. Rivogliamo le nostre libertà". E' lo striscione esposto da un gruppo di circa 300 manifestanti che in serata, a Foggia, ha sfilato per le vie del centro cittadino protestando contro l'obbligo del certificato verde. "Siamo qui per manifestare i nostri diritti, siamo consapevoli che stiamo vivendo un periodo storico non facile - ha detto un manifestante -. Riteniamo che il green pass non sia uno strumento medico ma un vero e proprio strumento politico-economico. Vogliamo capire dalle  Istituzioni qual è il reale valore scientifico di questo strumento". Il corteo è partito dalla villa comunale ed ha attraversato la zona pedonale e le vie del centro del capoluogo dauno. 
- di Redazione Sky TG24

G20, domani per leader foto con i medici simbolo lotta Covid

I leader del G20 poseranno domani per una foto con i medici, gli infermieri e il personale della Croce Rossa, in rappresentanza di tutti coloro che hanno lottato contro il Covid. Lo si apprende da fonti italiane. Prima dell'apertura dei lavori del summit, alla Nuvola di Fuksas all'Eur, i grandi della terra poseranno per la photo opportunity di rito, ma anche per una seconda istantanea con gli uomini e le donne simbolo della lotta alla pandemia, un tema che è al centro del G20 a presidenza italiana.
- di Redazione Sky TG24

Vaccino-cerotto contro il Covid: buoni risultati dai primi test

Low cost e si conserva a lungo a temperatura ambiente. Testato su modelli animali sembra indurre una forte risposta anticorpale. I risultati sono stati pubblicati su Science Advances. LEGGI QUI
- di Maurizio Odor

Covid. salgono casi in Slovacchia, 80% ricoveri non vaccinato 

In Slovacchia, nelle utlime 24 ore, si sono registrati 4.587 nuovi casi di coronavirus e alle statistiche si sono aggiunti 23 decessi. Nel paese che conta 5 milioni abitanti, dall'inizio della pandemia, sono morte 13.000 persone col Covid-19. La situazione epidemica, da qualche settimana, va peggiorando. Il numero di decessi è in aumento da settembre, dopo un precedente calo di otto mesi. I reparti Covid degli ospedali slovacchi stanno per riempirsi soprattutto nel nord e nell'est del paese, dove la copertura dei vaccini è più bassa. L'80% dei pazienti ricoverati non è coperta dal vaccino e alla ventilazione sono collegati esclusivamente pazienti non vaccinati. Ieri negli ospedali slovacchi si trovavano 1.421 persone con Covid-19 confermato o sospetto, e cioè il numero massimo dallo scorso aprile. La copertura vaccinale raggiunge solo il 42%, quota che fa della Slovacchia uno dei paesi europei con la quota più bassa di popolazione vaccinata.
- di Redazione Sky TG24

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24