Covid, zona gialla “rafforzata” dal 26 aprile: le regole

Salute e Benessere
©Ansa

Si può "guardare al futuro, ma con prudente ottimismo e fiducia". Lo ha spiegato il premier Mario Draghi, preannunciando l’introduzione del colore giallo "rafforzato" per tutte quelle Regioni che avranno un basso indice di contagio da Covid e in cui potranno riaprire anche le attività legati ai settori della ristorazione, dello sport e dello spettacolo, ma solamente all’aperto. Ecco cosa succederà, poi, tra uscite serali, scuola e spostamenti tra Regioni

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, con un colore "rafforzato" valido per tutte quelle Regioni che avranno un basso indice di contagio e in cui potranno riaprire anche le attività legati ai settori della ristorazione, dello sport e dello spettacolo, ma solamente all’aperto. Lo ha confermato il presidente Mario Draghi, che ha delineato i prossimi step verso un ritorno alla normalità, proprio a partire da fine mese. "Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia", ha spiegato il premier.

Le Regioni interessate

approfondimento

Covid, Draghi annuncia le riaperture: cosa cambia dal 26 aprile

Quello che dovrebbe riguardare la gran parte delle Regioni italiane, dunque, sarà un “giallo rafforzato” che applica la norma del decreto in vigore nelle aree dove le misure di contrasto al Covid-19 hanno mostrato di funzionare, come riporta anche un articolo del “Corriere della Sera”. I dati che saranno presi in considerazione per stabilire quali Regioni sono in fascia gialla saranno quelli del monitoraggio del 23 aprile e le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza entreranno in vigore il 26 aprile. Ad oggi, le Regioni che hanno numeri da colore giallo, e che di conseguenza possono ambire, salvo improvvisi peggioramenti, alla cosiddetta zona gialla "rinforzata", con i ristoranti aperti anche la sera e la ripartenza effettiva delle attività legate a sport e spettacolo, sono 16. Si tratta delle Regioni con indice Rt non superiore a 1, con una classificazione complessiva del rischio bassa o moderata e uno scenario di trasmissione 1, ovvero Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia di Trento, Provincia di Bolzano, Toscana, Umbria e Veneto. In zona rossa dovrebbero rimanere Puglia, Val d'Aosta e Sardegna, mentre hanno ancora numeri da “arancione” Calabria e Sicilia.

Tavoli all’aperto, sport e spettacolo

approfondimento

Covid e riaperture, Draghi: precedenza a scuole ed attività all'aperto

Draghi ha dunque confermato che la cabina di regia "anticipa al 26 di questo mese l'introduzione della zona gialla, ma con un cambiamento rispetto al passato, nel senso che si dà precedenza all'attività all'aperto, anche la ristorazione a pranzo a cena e alle scuole tutte, che riaprono completamente in presenza nelle zone gialla e arancione”. In sostanza potranno ricominciare a lavorare quei locali pubblici che hanno i tavoli all’aperto. Inoltre, si potrà svolgere attività sportiva all’aperto, ma sempre mantenendo il distanziamento e lo stesso varrà per gli spettacoli. Al chiuso, tra cinema e teatri, gli spettacoli potrebbero essere consentiti con i limiti di capienza fissati per le sale dai protocolli anti contagio.

Le uscite serali

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato che le limitazioni alle uscite serali dalle 22 in poi resteranno in vigore. Al momento, dunque, non è previsto uno slittamento dell’orario del coprifuoco che rimane lo stesso degli scorsi mesi.

Gli spostamenti tra Regioni

Gli spostamenti saranno consentiti tra Regioni gialle e con un pass tra Regioni di colori diversi. “Saranno consentiti gli spostamenti tra le Regioni gialle e con un certificato si potrà andare anche nelle Regioni arancioni e rosse”, è emerso dalle indicazioni della cabina di regia presieduta da Draghi. In particolare, spiega ancora il “Corriere della Sera”, per passare tra le Regioni che si trovano in fasce di colore diverse, bisognerà avere un certificato che dimostrerà di essere stati sottoposti al vaccino, di avere un tampone effettuato nelle 48 ore precedenti o di aver avuto il Covid ed essere guariti.

La scuola

approfondimento

Fedriga a Sky TG24: “Riaperture il 26/4 è successo proposta Regioni”

Ritorno in classe di tutti gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, quindi anche le superiori, tranne che nelle zone rosse. Dal 26 aprile anche le scuole nelle aree con il livello di rischio più alto tornano a svolgere lezioni in presenza fino alla terza media e alle superiori l'attività si svolgerà almeno al 50% in presenza. Dovrebbero tornare in presenza anche le università.

Palestre, piscine e spiagge

Per quanto riguarda le palestre, invece, le riaperture dovrebbero coincidere con il mese di giugno, mentre per le piscine l’indicazione è quella che riguarda metà maggio. Dalla cabina di regia, infatti, è stata prevista una ripresa scaglionata sulla base delle indicazioni relative al rischio di contagio per le varie attività. Ma tutti questi aspetti verranno poi chiariti con il decreto di maggio. Sempre dal 15 maggio, infine, riaprono anche le spiagge.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.