Covid-19, l’allarme di Unicef: “Il vaccino agli insegnanti per riaprire le scuole”

Salute e Benessere

“La pandemia di Covid-19 ha devastato l'istruzione per i bambini in tutto il mondo. Vaccinare gli insegnanti è un passo fondamentale per rimetterla in carreggiata”. Così Henrietta Fiore, presidente del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, ha commentato l’appello diffuso attraverso un comunicato

“I governi devono dare la priorità agli insegnanti nel ricevere il vaccino contro il Covid-19, una volta aver vaccinato il personale sanitario in prima linea e le popolazioni ad alto rischio. Questo contribuirà a proteggere gli insegnanti dal virus, consentirà loro di insegnare in presenza e, in definitiva, permetterà di mantenere aperte le scuole”. E’ questo l’appello, riassunto in un post su Twitter, che l’Unicef ha lanciato, rafforzato poi dalle parole di Henrietta Fore, presidente del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia: “La pandemia di Covid-19 ha devastato l'istruzione per i bambini in tutto il mondo. Vaccinare gli insegnanti è un passo fondamentale per rimetterla in carreggiata”.

Il ritorno alla normalità dell'educazione scolastica

approfondimento

Scuola e Dad, 1 su 3 fa lezione in pigiama

Secondo l’Unicef, dunque, gli insegnanti dovrebbero essere fra i primi ad avere diritto alla vaccinazione contro il Covid-19, in quanto figure essenziali per il ritorno alla normalità dell'educazione scolastica. Nel comunicato diffuso sul proprio sito, l’Unicef spiega che all’apice della pandemia, alla fine di aprile 2020, “la chiusura delle scuole a livello nazionale ha interrotto l'apprendimento di quasi il 90% degli studenti in tutto il mondo”. Quel numero, da lì in poi, è diminuito, “ma è continuata a diffondersi un'ipotesi non supportata che la chiusura delle scuole possa rallentare la diffusione della malattia, nonostante la crescente evidenza che le scuole non siano un motore principale della trasmissione della comunità”, si legge ancora nel comunicato. “Di conseguenza, poiché i casi sono tanti in molti Paesi in tutto il mondo, le comunità stanno nuovamente chiudendo le scuole. A partire dal primo dicembre, le aule sono chiuse per quasi 1 allievo su 5 in tutto il mondo, un dato che riguarda 320 milioni di bambini”, spiega l’Unicef.

Salvaguardare il futuro della prossima generazione

In virtù di questo, l’Unicef sottolinea che “mentre le decisioni sull'assegnazione dei vaccini alla fine spetta ai governi, le conseguenze di un'istruzione prolungata, mancata o ridotta, possono essere pesanti, soprattutto per i più emarginati”, spiegano gli esperti del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia. “Più a lungo i bambini rimangono fuori dalla scuola, meno è probabile che tornino e più è difficile per i loro genitori riprendere il lavoro. Si tratta di decisioni difficili che costringono a compromessi difficili. Ma ciò che non dovrebbe essere difficile è la decisione di fare tutto quanto in nostro potere per salvaguardare il futuro della prossima generazione", conclude il comunicato.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.