Governo, Draghi ottiene la fiducia alla Camera con 535 sì, 56 no e 5 astenuti

Il neo presidente del Consiglio blinda anche Montecitorio. Oltre a Fratelli d'Italia anche 16 pentastellati votano contro, 12 gli assenti. Il leghista Vinci passa a Fdi. Nella replica dopo la discussione generale, il premier ha parlato di lotta alla corruzione e alle mafie, di sostegno alle pmi e al turismo e di durata ragionevole dei processi. Al Senato i sì sono stati 262

1 nuovo post
Il governo incassa la fiducia anche alla Camera. I sì sono 535 ma arrivano anche 16 no e 4 astensioni dal M5s. Altri 12 deputati sempre del Movimento non hanno partecipato al voto. Numeri che assicurano comunque una maggioranza bulgara al premier Mario Draghi ma che non gli consentono di registrare il record: i voti favorevoli a Monti nel 2011 furono 556. Combattere la corruzione e le mafie garantendo un processo "giusto e di durata ragionevole" nel rispetto della Costituzione. Senza "legalità e sicurezza" non c'è futuro, che rappresenta invece la cifra del "suo sguardo" e che il premier spera ispiri il "lavoro comune". L'ossatura del programma di governo, Draghi l'ha illustrata già al Senato (IL DISCORSO INTEGRALE - LE PAROLE CHIAVE - LE REAZIONI) . E così, in vista del voto di fiducia alla Camera dove i no sono stati in tutto 56, sceglie una replica breve: tredici minuti in tutto in cui chiarisce solo qualche passaggio, dalle piccole e medie imprese alla giustizia (il più applaudito) ma anche alle carceri. Gli istituti penitenziari "sono sovraffollati", osserva, e non bisogna trascurare la "paura" del contagio. I numeri su cui può contare anche alla Camera sono più che robusti e neanche il caos 5S è capace di metterli a rischio. Il dissenso dentro il Movimento è diventato però ufficiale e la scissione spesso evocata è ormai una realtà. Sono in tutto sedici i 5s a votare contro l'esecutivo dell'ex presidente della Bce (12 risultano assenti e 4 si astengono). 

Le ultime notizie:

Per ricevere le notizie di Sky TG24:

  • La newsletter sulle notizie più lette notizie (clicca qui
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del Tg (clicca qui)
- di Costanza Ruggeri
- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24:

  • La newsletter sulle notizie più lette notizie (clicca qui
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del Tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Come cambia il piano vaccini anti Covid con Draghi: più hub e 300mila volontari

Vaccinazioni nelle caserme e nei palazzetti, spariscono le "primule" e aumenterà il personale dedicato alle somministrazioni, con l'obiettivo di mezzo milione di dosi al giorno a partire da aprile. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Il 19 febbraio vertice probiviri M5s: su tavolo espulsione dissidenti

Domani, a quanto si apprende, si riunirà il Comitato dei Probiviri del M5S: sul tavolo la decisione sulle espulsioni di chi, al Senato e, plausibilmente anche alla Camera, ha votato contro la fiducia a Mario Draghi.

- di Redazione Sky TG24

Il discorso di Draghi, tra emozione e citazioni

Il Presidente del Consiglio lancia la guerra al virus per risorgere come nel Dopoguerra. Con un occhio al lavoro di Conte e molte novità per il futuro. L’incognita della durata, le faglie politiche sotto la maggioranza. L'ANALISI
- di Redazione Sky TG24

Milleproroghe, accordo maggioranza su nodo prescrizione

La maggioranza che sostiene il governo Draghi ha raggiunto un accordo sul nodo della prescrizione. Lo riferiscono fonti parlamentari, confermate anche da fonti governative. Dunque, viene spiegato, non saranno messi in votazione in commissione Affari costituzionali e Bilancio della Camera, che avvieranno i voti domani per terminare l'esame entro sabato, gli emendamenti di Iv, Azione e FI presentati al decreto milleproroghe che miravano a sospendere la riforma Bonafede. Secondo quanto si apprende, la mediazione sarebbe stata raggiunta su un ordine del giorno che sara' presentato in Aula.
- di Redazione Sky TG24

Bianchi: "La scuola non è stata ferma nonostante l'emergenza. Per Draghi è al primo posto"

Il nuovo ministro dell’Istruzione al convegno di Federmobilità: “Ci sono difficoltà in tutto il Paese, ma in alcune zone marginali ancora di più. Sappiamo che i trasporti sono la connessione necessaria per rimanere insieme". L'ARTICOLO
- di Redazione Sky TG24

Fisco, come funziona il modello danese citato da Draghi nel suo discorso al Senato

Il maggior carico fiscale ricade sul reddito personale e per le aziende sul reddito delle società. La tassazione delle persone fisiche avviene attraverso cinque differenti imposte, di cui una facoltativa: contributo al mercato del lavoro, imposta statale, imposta municipale, oneri sanitari e imposta ecclesiastica (istituita da una legge nel 1997). L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Governo Draghi, i 15 senatori M5s che hanno votato no alla fiducia. Crimi: saranno espulsi

Dall'ex ministra per il Sud Barbara Lezzi al presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra: ecco i "dissidenti" pentastellati che non hanno appoggiato in aula a Palazzo Madama l'esecutivo guidato dall'ex governatore della Bce. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Bonaccini: responsabilità Renzi se Salvini al governo

La "responsabilità è di Renzi se oggi abbiamo Salvini al governo..". Lo ha detto Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna, intervenendo a Piazzapulita, su La7. Alla domanda se abbia mai pensato al voto come opzione, Bonaccini ha replicato che "andare al voto adesso con quello che sta accadendo non è interesse dell'Italia". Quanto al governo Draghi, ovvero se sia un bene per il Paese, "lo diranno le politiche che faranno".
- di Redazione Sky TG24

Crimi: fiducia per far contare voto elettori, ora unità

"Con il proprio voto favorevole, il MoVimento 5 Stelle ha deciso di rispettare quel patto sottoscritto all'inizio della legislatura con gli elettori, che ci hanno conferito un mandato imperativo: far contare il loro voto e lavorare per il solo bene comune. Far contare quel voto significa oggi essere lì dove si scrivono le leggi, i decreti, che producono effetti nella vita di 60 milioni di persone". lo scrive su Fb Vito Crimi. "Oggi la nostra comunità nazionale ha bisogno di unità. Ha bisogno che vengano messi da parte egoismi e protagonismi, e che ci si impegni a costruire insieme l'Italia del futuro", sottolinea.

- di Redazione Sky TG24

Svelato il programma di Mario Draghi: scuola, vaccini, fisco e recovery plan

Il discorso del premier Mario Draghi al Senato e alla Camera ha svelato il programma del suo governo. Che partirà dalle emergenze - vaccinazioni, scuola e lavoro - senza però dimenticare le riforme strutturali. Almeno queste sono le intenzioni. L'ANALISI
- di Redazione Sky TG24

Che cosa si rischia senza la proroga dello stop ai licenziamenti. LE STIME

Il blocco in vigore dal 17 marzo 2020 per arginare gli effetti della pandemia sull’occupazione, prorogato già per tre volte dalle norme emergenziali, è uno dei nodi che l’esecutivo Draghi deve affrontare da subito, visto che scade il 31 marzo. Dall'1 aprile il governo potrebbe dover fronteggiare lo tsunami delle risoluzioni del rapporto di lavoro. Uno scenario da un milione di posti persi secondo molti, anche se fare una stima precisa appare molto complicato. Ecco le ipotesi
- di Redazione Sky TG24

Governo Draghi, in giorno fiducia tre leghisti in dissenso passano a FdI

Sono in tutto tre gli esponenti leghisti hanno lasciato il partito di Matteo Salvini e si sono mossi verso verso Fratelli d'Italia nel giorno della fiducia alla Camera al governo Draghi. Il più inatteso è Gianluca Vinci, leghista di lungo corso, eletto per la prima volta consigliere comunale a Reggio Emilia nel 2009, ex candidato sindaco sempre nella citta' emiliana, e dal 2015 al 2019 segretario regionale del partito. A Montecitorio da marzo 2018, Vinci oggi ha votato contro la fiducia all'esecutivo Draghi e annunciato il suo ingresso nel partito di Giorgia Meloni. In dissenso con la scelta di Salvini di appoggiare l'ex governatore della Banca centrale europea, anche l'eurodeputato calabrese Vincenzo Sofo, fidanzato di Marion Le Pen, e il capogruppo in Consiglio regionale della Basilicata, Tommaso Coviello. Sofo ha lasciato il gruppo dei sovranisti (Id), a Strasburgo, per passare ai Conservatori (Ecr) dove siedono gli esponenti di FdI. 
 
- di Redazione Sky TG24

Salvini: se ci fosse Bertolaso a posto Arcuri sarei più tranquillo

"Se ci fosse un Bertolaso al posto di Arcuri, io da cittadino italiano mi sentirei molto più tranquillo". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a Dritto e rovescio su Rete 4.
- di Redazione Sky TG24

Governo Draghi, Salvini: rispetto Meloni ma io ho fatto scelta più coraggiosa

"Rispetto Giorgia Meloni ma ho scelto l'Italia. Non penso che gli italiani adesso abbiano voglia di polemiche. Sarebbe stato più comodo anche per me intervenire in parlamento e puntare il dito sugli errori degli altri, ma ho messo l'interesse degli italiani davanti a quello del mio partito. Ho fatto una scelta più coraggiosa e più impegnativa". Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a Dritto e rovescio su Rete 4.
- di Redazione Sky TG24

Draghi in Aula a annuncio fiducia, poi lascia Camera

Il premier Mario Draghi ha lasciato la Camera dopo l'annuncio dei risultati del voto di fiducia da parte del presidente della Camera Roberto Fico. Draghi, che si era assentato durante la prima e seconda chiama, è tornato poco prima dell'annuncio della fiducia.
- di Redazione Sky TG24

Governo Draghi, tra 'no' e non voto, dissenso M5s alla Camera a quota 30

Tra voti contrari, astensioni e non partecipazione al voto, il dissenso M5s alla Camera sulla fiducia al governo Draghi tocca quota 30 deputati. In attesa dei tabulati ufficiali, dai conteggi effettuati durante la prima 'chiama' e la seconda, risultano almeno 15-16 i deputati pentastellati che hanno votano no. Sono 4 le astensioni, tra cui quella dell'ex sottosegretario Villarosa. Infine, non hanno partecipato al voto almeno 10-12 deputati 5 stelle. Da non conteggiare però Elisa Scutellà, che e' malata. 
- di Redazione Sky TG24

Di Maio, ora avanti senza liti e senza polemiche

"Senza liti, senza polemiche. Adesso servono risultati per l'Italia". Lo scrive su facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
- di Redazione Sky TG24

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.