Guerra Ucraina Russia, news. Missili Polonia, Nato: no indicazioni attacco deliberato

©Ansa

"La Nato e gli alleati Nato non parte del conflitto in Ucraina. Forniamo il sostegno per il suo diritto di difesa", ha dichiarato Stoltenberg. Duda: "Nessuna prova che sia stato un attacco rivolto a noi". Mosca nega ogni responsabilità e Kiev chiede di avere accesso al luogo colpito in modo da avviare "un'indagine congiunta". Meloni: "Missile in Polonia? Comunque responsabilità russa"

1 nuovo post
"Non vi è alcuna indicazione - ha dichiarato il segretario Stoltenberg - che la Russia stia in alcun modo preparando un'offensiva contro la Nato". E ha aggiunto: "La Nato e gli alleati Nato non parte del conflitto in Ucraina. Forniamo il sostegno per il suo diritto di difesa". Il presidente polacco Duda ha affermato che non vi sono al momento "prove inequivocabili" sulla provenienza dei razzi e che l'indagine è ancora in corso con la collaborazione degli alleati. Il missile che ha provocato due vittime in Polonia, deriva, secondo le indagini preliminari da un "errore tecnico": lo ha detto a Bali il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. A Bali riunione di emergenza del G7 e dei leader della Nato, su richiesta di Biden, dopo che la Polonia si è appellata all'articolo 4 dell'Alleanza atlantica, quello che prevede consultazioni in caso di minaccia ad un Paese membro. Mosca nega ogni responsabilità e accusa Kiev di avere messo in atto una 'provocazione' per favorire una escalation del conflitto. Convocati per oggi anche il consiglio di sicurezza dell'Onu e quello polacco. "L'ipotesi che sulla Polonia sia caduto un missile dell'antiaerea ucraina non cambia la sostanza, la responsabilità di quello che è accaduto per quanto ci riguarda è tutta russa", ha affermato Giorgia Meloni nel corso della conferenza stampa tenuta al termine del G20.

Gli approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

Missili Polonia, Stoltenberg: non sono russi, ma la colpa è di Mosca

"La Russia deve fermare questa guerra insensata. Ieri sera ho parlato con il presidente polacco Andrzej Duda e con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Abbiamo convenuto che dobbiamo rimanere vigili, calmi e strettamente coordinati. Continueremo a consultarci e monitorare la situazione molto da vicino", ha aggiunto il segretario generale della Nato.
- di Redazione Sky TG24

Medvedev: "L'Occidente si avvicina a una guerra mondiale"

L'ex presidente russo su Twitter dopo il caso dei missili caduti in Polonia. Gli fa eco  Dmitry Polyansky, vice rappresentante permanente russo alle Nazioni Unite: "Una classica provocazione, Kiev sogna di provocare uno scontro militare diretto fra la Nato e la Russia per salvare l'Ucraina dall'inevitabile sconfitta”.

- di Redazione Sky TG24

A Kherson scoperta una stanza delle torture russa

Gli investigatori ucraini hanno scoperto una presunta "stanza delle torture" nella città di Kherson, dove dozzine di uomini sarebbero stati detenuti, sottoposti a elettroshock, picchiati e alcuni di loro uccisi. A riferirlo è il Guardian. La polizia ha detto che i soldati russi hanno preso il controllo di un centro di detenzione minorile intorno alla metà di marzo, trasformandolo in un carcere. Tre vicini e due negozianti hanno detto di aver iniziato a sentire urla circa 6 settimane dopo. Testimoni citati dal Guardian hanno detto di aver visto persone portate nella struttura con sacchi in testa, e alcuni corpi portati via.
- di Redazione Sky TG24

Borrell: "Incidente Polonia effetto massicci attacchi russi"

"L'Unione europea esprime la propria incrollabile unità, determinazione e piena solidarietà alla Polonia e al popolo polacco in seguito all'esplosione di un missile avvenuta il 15 novembre nel villaggio polacco di Przewodów, vicino al confine con l'Ucraina, che ha ucciso due cittadini polacchi. Esprimiamo le nostre condoglianze alle famiglie delle vittime in Polonia e Ucraina". Lo dichiara l'Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera Josep Borrell. "L'Ue sostiene pienamente l'indagine in corso in Polonia per accertare i fatti sul campo e resterà in stretto contatto con i nostri partner, compresa la Nato, sui prossimi passi da compiere. Questo tragico incidente è il risultato dell'ennesima massiccia ondata di attacchi missilistici sferrati ieri dalla Russia sulle città ucraine, che hanno preso di mira civili e infrastrutture civili. Questi attacchi sono gravi violazioni del diritto internazionale", sottolinea.
- di Redazione Sky TG24

Onu: "Missile in Polonia ricorda bisogno evitare escalation"

"Negli ultimi giorni gli ucraini sono stati sottoposti a alcuni dei più intensi bombardamenti dall'inizio della guerra. Missili e droni russi sono piovuti su Kiev, Mykolaiv, Chernihiv, Cherkasy, Zhytomyr, Sumy, Kharkiv, Leopoli, Poltava e altrove, distruggendo o danneggiando case e interrompendo gravemente servizi critici. L'impatto di tali attacchi non potrà che peggiorare durante i prossimi mesi invernali". Lo ha detto il capo degli affari politici dell'Onu, Rosemary DiCarlo, durante la riunione del Consiglio di Sicurezza sull'Ucraina. "Al 14 novembre, l'Ufficio dell'Alto Commissario per i Diritti Umani ha registrato 6.557 morti e 10.074 feriti dall'inizio conflitto, e i recenti attacchi si aggiungeranno all'orribile tributo che la guerra ha già richiesto", ha aggiunto. "Finché la guerra continua, i rischi di ricadute potenzialmente catastrofiche rimangono fin troppo reali", ha sottolineato. "L'incidente di ieri in Polonia è uno spaventoso promemoria dell'assoluta necessità di prevenire un'ulteriore escalation".
- di Redazione Sky TG24

Missili in Polonia, Duda: "Probabilmente lancio da Ucraina, incidente sfortunato"

Subito si è pensato che fosse il Cremlino il responsabile, che però ha negato. Diverse fonti, tra cui la Nato e il presidente polacco, indicano ora la possibilità che si sia trattato di un errore e che il missile provenisse dall'esercito di Kiev. Stoltenberg: "La responsabilità è comunque di Putin, guerra va fermata".

- di Redazione Sky TG24

Zelensky chiede dati dei partner su missile in Polonia     

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky chiede l'accesso a "tutti i dati" dai partner sul missile in Polonia. 
- di Steno Giulianelli

Guerra Ucraina, Pentagono: probabilità vittoria Kiev molto bassa

"La Nato e gli alleati Nato non parte del conflitto in Ucraina. Forniamo il sostegno per il suo diritto di difesa", ha dichiarato Stoltenberg. Duda: "Nessuna prova che sia stato un attacco rivolto a noi". Mosca nega ogni responsabilità e Kiev chiede di avere accesso al luogo colpito in modo da avviare "un'indagine congiunta". Meloni: "Missile in Polonia? Comunque responsabilità russa".
- di Redazione Sky TG24

Capo stato maggiore Usa: "Ho cercato di parlare con Mosca, ma senza successo"

Il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, ha tentato di parlare con il suo omologo russo, il generale Valery Gerasimov, ieri, dopo il missile caduto in Polonia, ma i tentativi non hanno avuto successo. Lo ha riferito lo stesso Milley durante una conferenza stampa al Pentagono.
Milley ha quindi parlato con il suo omologo ucraino, quello polacco e altri capi della difesa in Europa, ha aggiunto il capo di stato maggiore Usa. "Il mio staff non è riuscito a mettermi in contatto con il generale Gerasimov", ha spiegato Milley. "Ho parlato con il mio omologo ucraino, il generale Zaluzhny - gli ho parlato diverse volte in effetti - anche con l'omologo polacco e molti altri (capi della difesa) in Europa", ha aggiunto.
- di Redazione Sky TG24

Pentagono: "Inverno finestra per negoziati"

Gli Stati Uniti ritengono che i combattimenti in Ucraina possano rallentare con l'inizio dell'inverno, il che creerà una "finestra" per la risoluzione del conflitto. Lo ha affermato il capo di stato maggiore, Mark Milley. "In inverno possono succedere molte cose, tuttavia, di norma, a causa delle condizioni meteorologiche, le operazioni tattiche rallentano. Se ciò accade, allora potrebbe esserci una
finestra per una soluzione politica o almeno l'inizio dei negoziati". 
- di Redazione Sky TG24

Usa, probabilità vittoria militare Ucraina molto bassa

"La probabilità di una vittoria militare ucraina che cacci via tutti i russi dal Paese, inclusa la Crimea, è molto bassa". Lo ha detto il capo di stato maggiore Usa, Mark Milley, in una conferenza stampa al Pentagono. 
- di Maurizio Odor

Missili caduti in Polonia, le due vittime erano lavoratori di un'azienda italo-polacca

Erano entrambi dipendenti della Agricom, che dagli anni Novanta gestisce 800 ettari di terra di un ex kolchoz coltivati soprattutto a grano e mais. LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO
- di Maurizio Odor

Ungheria: irresponsabili le dichiarazioni di Zelensky

Il governo ungherese ritine che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dia "un cattivo esempio" affermando che il missile che ha ucciso due persone in un villaggio polacco vicino alla frontiera con l'Ucraina sia russo. "In una simile situazione i leader mondiali si esprimono in maniera resoponsabile", ha detto alla stampa Gergely Gulyas, capo gabinetto del primo ministro ungherese Viktor Orban. Ma "il presidente ucraino, accusando subito i russi, ha sbagliato, è un cattivo esempio", ha aggiunto, accogliendo al contrario l'atteggiamento prudente di Polonia e Stati Uniti.
- di Maurizio Odor

Pentagono: la Russia ha fallito tattica e strategia

I russi hanno fallito da un punto di vista strategico e tattico in tutta l'Ucraina". Lo ha detto il capo di stato maggior americano, Mark Milley, in una conferenza stampa alla fine del gruppo di contatto. Per il generale l'arrivo dell'inverno comporterà un naturale calo nelle battaglie sul campo e per questo "potrebbe essere una buona finestra per negoziare la pace".
- di Maurizio Odor

Zelensky alla Cina: non scelga di stare con la Russia

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky fa appello alla Cina affinché "non scelga di stare con la Russia".
- di Maurizio Odor

Pentagono: colpire linee elettriche è crimine di guerra

"Attaccare le linee elettriche dell'Ucraina è un crimine di guerra". Lo hanno detto il capo del Pentagono Lloyd Austin e il capo di stato maggiore congiunto, Mark Milley, in una conferenza stampa alla fine del gruppo di contatto. "I russi continueranno a fare la guerra per tutto l'inverno e noi continueremo a sostenere Kiev", hanno aggiunto.
- di Maurizio Odor

Usa, non accetteremo aggressione Russia come nuova normalità

"Non accetteremo l'attacco imperialistico della Russia come una nuova normalità. Continueremo ad aiutare il popolo ucraino a difendere la sua libertà". Lo ha detto il segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin, in una conferenza stampa dopo la riunione del gruppo di contatto.
- di Maurizio Odor

Zelensky: da alleati segnali che Putin vuole negoziati diretti

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha affermato di aver "ricevuto segnali" dagli alleati dell'Ucraina secondo cui il presidente russo, Vladimir Putin, vorrebbe tenere negoziati diretti con Kiev. "Ho ricevuto segnali che Putin vuole negoziati diretti. Ho proposto un forum pubblico perché la Russia sta conducendo una guerra pubblica", ha detto Zelensky alla tv di Stato, citato dal Guardian. In ogni caso, Zelensky ha riferito che la Russia non ha fatto alcuna offerta di colloqui di pace a Kiev. "Non comunicano con noi", ha aggiunto, citato da Sky News.
- di Maurizio Odor