Attentato Londra, i precedenti con camion e auto in Europa. FOTO

Le modalità degli attacchi al London Bridge e a Borough Market ricordano quelle delle tragiche giornate di Nizza, Berlino, ancora Londra (Westminster) e Stoccolma. Il comune denominatore è l'uso di mezzi di trasporto per travolgere la folla. LA FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    Nella tarda serata del 14 luglio 2016, sulla Promenade des Anglais a Nizza, un camion imbocca la passeggiata pedonale e investe centinaia di persone, in piazza per attendere i fuochi d'artificio che avrebbero chiuso le celebrazioni della festa nazionale francese. La folle corsa dura oltre un chilometro, causando 86 vittime (6 gli italiani) e oltre 300 feriti. È il primo dei più recenti attacchi in Europa in cui sono stati usati come armi dei mezzi di trasporto - Nizza, attentato in camion sul lungomare
  • ©Getty Images
    Il responsabile - ucciso dalla polizia - è un francese con doppia nazionalità tunisina: Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, 31 anni. Era noto alle forze dell'ordine, ma solo per episodi di piccola criminalità. L'Isis rivendica la strage Nizza, Papa Francesco: "Non rispondere all'odio con odio"
  • ©Getty Images
    Berlino, il 19 dicembre 2016 un camion con targa polacca travolge il mercatino natalizio di Breitscheidplatz a Charlottenburg. Restano a terra decine di persone, le vittime saranno 12, i feriti oltre 50. Fra i morti anche una giovane italiana, Fabrizia Di Lorenzo - Berlino, camion contro i mercatini di Natale: morti e feriti
  • ©LaPresse
    L'attentatore, identificato come Anis Amri, tunisino, viene ucciso il 22 dicembre, appena arrivato in Italia, dopo aver aperto il fuoco contro una pattuglia della polizia a Sesto San Giovanni (Milano). Per eseguire l'attentato aveva rapito e ucciso l'autista polacco del camion - Anis Amri, il killer di Berlino ucciso a Milano
  • ©Getty Images
    Nel pomeriggio del 22 marzo 2017 un uomo a bordo di un suv a noleggio imbocca il Westminster Bridge, a Londra, e punta contro i passanti, travolgendone quattro prima di schiantarsi contro i cancelli di Westminster. Sceso dall'auto e giunto nei pressi del Parlamento, accoltella a morte un poliziotto prima di venire abbattuto da due agenti - Attentato a Westminster, la dinamica dell'attacco
  • ©Getty Images
    Il bilancio finale è di sei morti, compresa una donna, deceduta qualche settimana dopo in ospedale, e l'attentatore stesso. Il suo nome era Khalid Masood, aveva 52 anni ed era nativo del Kent. Si era convertito all'Islam e radicalizzato solo in età avanzata - Attentato a Westminster, il messaggio della regina Elisabetta
  • ©Getty Images
    Il 7 aprile 2017 il camion di un birrificio, rubato durante una consegna, entra in una zona pedonale di Stoccolma e travolge diverse persone prima di schiantarsi e prendere fuoco. Le vittime sono cinque, fra cui una bambina di 11 anni - Stoccolma, camion contro la folla: 5 morti, un arresto
  • Il principale sospettato, arrestato poco dopo dalla polizia svedese, è un richiedente asilo uzbeko, Rakhmat Akilov. In un blitz successivo sono state poi arrestate altre tre persone vicine al presunto colpevole - Attentato di Stoccolma, altri tre arresti
  • È invece un furgone l'arma utilizzata dagli attentatori del London Bridge. Nella tarda serata del 3 giugno 2017 un van bianco travolge diverse persone, poi i terroristi scendono dal mezzo e attaccano la folla con dei coltelli - Attacco a Londra, passanti travolti e accoltellati: 7 morti
  • I terroristi colpiscono anche nella zona di Borough Market, dove vengono a contatto con la polizia, che li uccide. Nella giornata di domenica 4 giugno le operazioni di Scotland Yard portano in cella almeno 12 persone, arrestate a Barking, a est di Londra - Attacco a Londra, le testimonianze della notte