Taxi, anche in Spagna proteste contro Uber. FOTO

I tassisti del Paese iberico hanno manifestato per chiedere alle autorità locali e nazionali di porre un freno alle "concessioni indiscriminate" accordate ai veicoli con conducente e ad Uber. E la categoria si sta organizzando anche a livello europeo. LA FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    Da Madrid a Barcellona, anche in Spagna i tassisti protestano per difendere i loro diritti contro quelle che considerano "concessioni indiscriminate", che mettono a repentaglio il loro lavoro. L’obiettivo della manifestazione, hanno fatto sapere gli organizzatori, è chiedere alle amministrazioni locali, ma anche al governo centrale, una normativa che regolamenti un mercato in evoluzione - Stop alle berline nere di Uber in Italia. Giudici: concorrenza sleale
  • ©Getty Images
    Il corteo più numeroso si è tenuto a Madrid, dove alcuni tassisti hanno sfilato con magliette e sciarpe "anti-pirateria". Aziende come Uber e Cabify (un sistema di noleggio con conducente molto diffuso in Sudamerica e Spagna) vengono infatti considerate dai proprietari dei taxi dei "corsari del mercato" - Taxi, la riforma del governo non ferma lo sciopero
  • ©Getty Images
    In molte città la protesta ha causato disagi alla cittadinanza. Numerosi cortei, infatti, si sono svolti in strade centrali congestionando il traffico locale - Taxi, sospesa la protesta. Sindacati approvano accordo col governo
  • ©Getty Images
    La categoria si sta organizzando anche a livello sovranazionale, con la nascita a Bruxelles dell’European Taxi Alliance (Tea), un’associazione che riunisce i lavoratori di alcuni Paesi europei e avrà l’obiettivo di difendere gli interessi del settore presso le istituzioni comunitarie - Taxi, ancora proteste: sciopero spontaneo "a oltranza" in alcune città
  • ©Getty Images
    La Tea, fanno sapere gli ideatori dell’associazione, nasce per "parlare con una voce unica alle istituzioni europee, per sostenere gli interessi della categoria dei taxi e in particolare per difenderla dalla concorrenza portata al settore da nuovi attori come Uber" - Uber dovrà fornire informazioni a Google sull'acquisizione di Otto
  • ©Getty Images
    Tra i soci fondatori della Tea, oltre agli spagnoli di Fedetaxi, ci sono anche anche l'italiana Unione dei Radiotaxi d'Italia (Uri) e la portoghese Antral. Le tre associazioni di categoria insieme contano più di 100mila membri - Protesta taxi, tensione a Milano. Delrio: "Serve regolamentazione"
  • ©Getty Images
    Il vicepresidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, che ha ospitato l'iniziativa di presentazione della nuova associazione, ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di standard europei per mettere i nostri Paesi nella posizione di avere regole comuni" - Taxi, governo si impegna a decreto su Ncc
  • ©LaPresse
    Tra le prime proposte che avanzerà la Tea alla Commissione Europea ci sarà l’introduzione di uno statuto comune per tutti i tassisti in Europa - Lettera di Uber ai tassisti: "Dialoghiamo"
  • ©LaPresse
    Un corteo molto numeroso di protesta si è tenuto anche nella città di Santander, nel nord della Spagna, dove i tassisti non si sono fatti fermare dalla pioggia - Uber, il Tribunale di Roma accoglie la richiesta di sospensiva
  • ©LaPresse
    Il 26 aprile, oltre che in Spagna, i tassisti hanno protestato contro Uber anche in Romania, dove circa 200 macchine hanno bloccano il centro di Bucarest per una rumorosa protesta davanti alla sede del governo - Nuove regole per i trasporti con conducente, Uber chiude in Danimarca