Twitter lancia in Italia il test di “Fleet”: i post scompaiono dopo 24 ore

Tecnologia

Il social network nato un'idea di Jack Dorsey nel 2006 ha scelto il nostro Paese per i primi test legati a questa nuova funzionalità. Gli utenti italiani la potranno sfruttare nelle versioni aggiornate delle applicazioni per iOS e Android che verranno rilasciate nei prossimi giorni

Twitter ha scelto l’Italia come uno tra i primi Paesi al mondo in cui testare “Fleet”, una nuova funzione della piattaforma di microblogging in cui i post pubblicati scompaiono dopo 24 ore. “Si tratta di un nuovo modo per creare conversazioni prendendo spunto da pensieri passeggeri e momentanei che sarà disponibile per tutti gli utenti della piattaforma”, spiegano da Twitter. La funzione sarà disponibile per tutti gli utenti italiani nelle versioni aggiornate delle applicazioni per iOS e Android che verranno rilasciate nei prossimi giorni.

Più controllo

approfondimento

Coronavirus, Twitter consente lo smart working per sempre

In sostanza, dunque, “Fleet” sarà un nuovo formato per le conversazioni su Twitter che permette agli utenti di condividere i propri pensieri “con più disinvoltura e con ​più controllo”​, dato che all’interno di questa nuova modalità i post vengono eliminati in automatico, nel giro di 24 ore e non c’è la possibilità di retwittarli, mettere “like” oppure di rispondere pubblicamente. “Twitter è ciò che sta accadendo nel mondo e quello di cui le persone parlano in questo momento esatto. Ma per alcuni, iniziare una conversazione potrebbe essere più difficile perché i tweet sono pubblici, permanenti e mostrano il numero di retweet e “mi piace”, fanno sapere dal social network, nato da un’idea di Jack Dorsey nel 2006.

 La scelta dell’Italia

Ma perché l’Italia è stata scelta per la fase di test di questa nuova modalità? A spiegarlo è Mo Aladham​, ​Product Manager di Twitter: “Gli italiani sono propensi a interagire e seguire su Twitter i propri connazionali, creando sulla piattaforma una grande comunità e dando frutto a volte a conversazioni estremamente interessanti e coinvolgenti. Siamo perciò curiosi di scoprire come useranno i Fleet, perché nelle nostre ricerche preliminari abbiamo rilevato che le persone si sentono più invogliate a condividere i propri pensieri con questa funzione, proprio perché consente di farlo in maniera temporanea”. E fin dall’inizio dei primi test legati a questa modalità​, il social network ha riscontrato che gli utenti si sono sentiti maggiormente a loro agio nel condividere i propri pensieri e che le persone che postavano in maniera sporadica, con “Fleet” adesso sono più propensi ad esporre i propri pensieri sul web.

Come funzionano i “Fleet”

Twitter spiega che per creare un “Fleet”​ basta semplicemente ​toccare la propria immagine profilo​ in cima al feed.  Proprio come i canonici tweet essi sono contenuti testuali ​a cui si possono ​aggiungere​ anche foto,​ video o immagini Gif​. Invece per rispondere ad un “Fleet”​, occorre ​toccarlo ​per poi inviare un messaggio in ​direct o ancora ​inviare una reazione​ con ​un’emoji ​per poi proseguire la conversazione in privato. Gli utenti possono visualizzare i “Fleet” pubblicati dai profili che seguono in cima al proprio feed o visitando direttamente il profilo di chi li pubblica.

Tecnologia: I più letti