Tour de France 2022: Wout van Aert vince la ventesima tappa, Lacapelle Marival-Rocamadour

Sport
©Ansa

Il belga si è aggiudicato la cronometro di 40,7 km, penultima tappa della Grande Boucle. Jonas Vingegaard, compagno di squadra della Jumbo Visma e maglia gialla, si è classificato al secondo posto davanti al grande rivale Tadej Pogacar. Quinto posto per l'italiano Filippo Ganna. Abbracci e lacrime tra Vingegaard e van Aert dopo il traguardo

ascolta articolo

Il ciclista belga Wout van Aert (Jumbo Visma) ha vinto la cronometro di 40,7 km tra Lacapelle Marival e Rocamadour, ventesima e penultima tappa del Tour de France 2022. Jonas Vingegaard, suo compagno di squadra della Jumbo Visma e maglia gialla, si è classificato al secondo posto davanti al grande rivale Tadej Pogacar: il danese si è così assicurato la passerella trionfale domani a Parigi. Quinto posto per l'italiano Filippo Ganna, a lungo al comando della classifica provvisoria. Tagliato il traguardo, Vingegaard è corso ad abbracciare van Aert ed entrambi si sono sciolti in lacrime per la grande impresa compiuta (TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE).

Il percorso

leggi anche

Tour de France 2022, Vingegaard vince la tappa Lourdes-Hautacam

La tappa del 23 luglio, la penultima della Grande Boucle, è stata una crono individuale di poco più di 40 km di lunghezza. Una distanza non breve per una crono. Presenti due strappi nel finale: la cote de Mages (1,6 km al 4,7%) e la cote de l’Hospitalet (1,5 km al 7,8%), terminata a 300 metri dal traguardo. Partenza e arrivo in due piccoli paesi, luoghi inediti nella storia del Tour.

Le tappe precedenti

vedi anche

Tour de France, Laporte vince la tappa Castelnau Magnoac-Cahors

La tappa iniziale, la crono individuale a Copenhagen, è stata vinta dal belga Yves Lampaert, prima maglia gialla del Tour 2022. Quella successiva, sempre in Danimarca, ha visto il successo dell’olandese Jakobsen e in testa alla classifica è salito il fenomeno belga Wout Van Aert. Terza e ultima frazione in terra danese a Groenewegen, con Van Aert ancora in giallo. Al rientro in Francia, il leader della generale ha fatto un numero incredibile andando a vincere in solitaria a Calais. La quinta tappa, con la mitica foresta di Arenberg, è stata a tratti epica: tra pavè, cadute e polvere ha vinto Simon Clarke. Van Aert ha perso il primato al termine della sesta tappa, vinta da Tadej Pogacar, nuovo padrone della classifica. Il campione sloveno si è ripetuto anche il giorno dopo, imponendosi nell’arrivo in salita a La Planche des Belles Filles e rinforzando il suo vantaggio sugli inseguitori. Nell'ottava tappa ha trionfato Van Aert mentre Pogacar ha conservato la maglia gialla, mantenendola sia nella nona tappa, vinta da Bob Jungels, sia nella decima tappa, dove ha trionfato Magnus Cort Nielsen. Nell'undicesima tappa primo per distacco Jonas Vingegaard, che è riuscito a soffiare la testa della classifica al ciclista sloveno. La dodicesima tappa ha visto il trionfo di Thomas Pidcock, con Vingegaard ancora maglia gialla. Nella tredicesima ha invece vinto il danese Mads Pedersen, mentre il connazionale Vingegaard ha conservato la maglia gialla. Vingegaard ha mantenuto la testa della classifica generale anche dopo la quattordicesima tappa, vinta da Michael Matthews (con l’italiano Alberto Bettiol secondo). La quindicesima tappa è stata conquistata in volata dal 24enne belga della Alpecin Jasper Philipsen. La sedicesima tappa è stata vinta dal canadese Houle. Ad aggiudicarsi la diciassettesima tappa è stato in volata Tadej Pogacar, con Jonas Vingegaard arrivato secondo e ancora in maglia gialla. La tappa numero 18, con l'arrivo in quota ad Hautacam, ha visto il successo della maglia gialla Jonas Vingegaard che ha così consolidato il suo primato in classifica. La 19esima tappa è andata al francese Christophe Laporte, mentre la maglia gialla è rimasta sulle spalle di Vingegaard.

Il Tour de France 2022

leggi anche

Tour de France, dalle tappe ai favoriti: cosa c’è da sapere

L’edizione numero 109 della corsa a tappe di ciclismo più famosa al mondo è partita l’1 luglio con una crono individuale a Copenhagen. In tutto sono 21 le tappe e come sempre la Grande Boucle si chiuderà con la passerella finale sugli Champs-Élysées di Parigi, il 24 luglio. In mezzo tante montagne, con i Pirenei che sono stati affrontati nell’ultima settimana di gara. La penultima frazione, quella di oggi, è stata la crono di 40 chilometri che si è conclusa a Rocamadour.

Sport: I più letti