Elezioni Regione Lazio, il confronto tra i candidati alla presidenza sui rifiuti

Politica
©Ansa

Su Sky TG24 è andato in onda il “Confronto” tra i tre principali candidati alla poltrona di governatore: Alessio D'Amato del centrosinistra, Francesco Rocca del centrodestra, Donatella Bianchi del Movimento Cinque Stelle e Polo Progressista. Ecco cos’hanno risposto alla domanda su qual è il loro piano contro la spazzatura e su cosa pensano del termovalorizzatore

ascolta articolo

Il 12 e il 13 febbraio, dalle 7 alle 23 domenica e dalle 7 alle 15 lunedì, in Lombardia e Lazio si vota per eleggere il nuovo governatore. Per aiutare i cittadini laziali a scegliere chi votare, su Sky TG24 è andato in onda il “Confronto” tra i tre principali candidati alla presidenza della Regione: Alessio D'Amato del centrosinistra, Francesco Rocca del centrodestra, Donatella Bianchi del Movimento Cinque Stelle e Polo Progressista. Ha moderato Fabio Vitale. Tanti i temi trattati: dalla sanità ai rifiuti, dal Giubileo alla sicurezza stradale. Concentriamoci sui rifiuti (GUARDA IL CONFRONTO: PRIMA PARTE - SECONDA PARTE).

La domanda sui rifiuti

La domanda sui rifiuti nel Lazio è stata la seconda del “Confronto”. “La regione è 18esima per la raccolta differenziata (rapporto Ispra) e le foto di Roma con i bidoni straripanti di spazzatura fanno da anni il giro del mondo. Qual è il vostro piano? Il termovalorizzatore è una soluzione?”, ha chiesto Fabio Vitale (IL CONFRONTO - TROVA PRESIDENTE - COSA SAPERE SUL VOTO).

I candidati alle Regionali nel Lazio

vedi anche

Elezioni Regionali Lazio: confronto tra D'Amato, Rocca, Bianchi. VIDEO

La risposta di Bianchi sui rifiuti

“Si confonde la raccolta con lo smaltimento – ha risposto Bianchi –. Si racconta ai cittadini che il termovalorizzatore sarà la soluzione al problema della raccolta differenziata che non funziona in città. Bisogna partire da quella, con un programma serio e una serie di investimenti, cercando di capire che oggi la tecnologia ci offre soluzioni alternative, impiantistica innovativa molto meno inquinante. Il punto è avviare quell’economia circolare virtuosa che ci porterà a trasformare i rifiuti in un’occasione anche di guadagno e riduzione delle tasse per i cittadini”.

Donatella Bianchi, conduttrice di Line Blu, posa per i fotografi durante la presentazione della prossima stagione del Day-Time della Rai, Roma, 30 agosto 2022. ANSA/ANGELO CARCONI

vedi anche

Elezioni regionali Lazio, chi è Donatella Bianchi, candidata del M5s

La risposta di D’Amato sui rifiuti

Poi ha preso la parola D’Amato: “Va chiuso il ciclo dei rifiuti. Per chiuderlo occorrono gli impianti. Oggi la situazione vede un riempimento delle discariche che è la cosa peggiore che si può fare, con questi rifiuti che girano per tutta Italia. Bisogna aiutare il sindaco di Roma a chiudere il ciclo e ad aumentare i livelli di raccolta differenziata: le due cose non sono in antitesi tra loro, tant’è che in questi ultimi tre anni sono raddoppiati i comuni nel Lazio che hanno raggiunto anche dei livelli di differenziata molto importanti. Ma a Roma bisogna chiudere il ciclo”.

Alessio D'Amato, assessore alla salute della regione Lazio, durante la conferenza stampa sui casi positivi al coronavirus nel comune di Fiumicino, Fiumicino 29 febbraio 2020. ANSA/FABIO FRUSTACI

vedi anche

Elezioni regionali Lazio, chi è Alessio D'Amato il candidato del Csx

La risposta di Rocca sui rifiuti

Infine, è arrivato il turno di Rocca. “Per chiudere un ciclo bisogna aprirlo – ha detto –. Il problema è che questo ciclo non si è mai aperto. Hanno approvato il piano rifiuti solo pochi mesi fa, il Pd ha avuto dieci anni per fare un piano rifiuti e dare una risposta. Invece hanno fatto questo gioco di auto-commissariarsi per ingannare i cittadini. In realtà il termocombustore serve, è essenziale. Però bisogna educare e lavorare perché la differenziata diventi una risorsa”.

Francesco Rocca, President, International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies (IFRC), during the Rome Med 2022, Mediterranean Dialogues conference in Rome, Italy, 02 December 2022. The eighth edition of the MED - Rome Mediterranean Dialogues will focus on energy and food security in reference to the impact of the pandemic and war in Ukraine on the region. The annual high-level initiative, organized by the Italian Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation and ISPI (Italian Institute for International Political Studies) in Rome, aims at addressing issues at the regional and international level.
ANSA/FABIO FRUSTACI

vedi anche

Elezioni regionali Lazio, chi è Francesco Rocca il candidato del Cdx

Politica: I più letti