Live in Bari, Tymoshenko: "Putin vuole ricostruire l'Urss, non si fermerà"

Mondo

Durante l'evento targato Sky TG24 anche un panel dedicato alla guerra in Ucraina. L'ex premier di Kiev: "Centinaia di giornalisti stanno documentando crimini di guerra". Ringrazia l'Italia e l'Occidente per l'aiuto ricevuto, ma avverte: "Abbiamo bisogno di supporto militare". Intervenuta anche la leader di +Europa Emma Bonino, che ha confermato: "L'Europa sta discutendo dell'embargo sul gas". L'ex presidente polacco Walesa: "Putin dovrebbe stare in tribunale"

ascolta articolo

“Putin ha chiesto che la Nato torni ai confini del 1997, lui non si fermerà: vuole ricostruire l’Urss”. Anche l’ex premier ucraina Yulia Tymoshenko è intervenuta in diretta durante la prima giornata del Live In di Sky TG24 a Bari. Nel panel dedicato alla guerra, Tymoshenko ha voluto ringraziare “il popolo italiano e il governo, che sostengono le sanzioni. I valori fondamentali e la vita umana sono più importanti delle componenti economiche, e noi lo apprezziamo moltissimo”. Fondamentali gli aiuti militari al Paese sotto assedio. “L’Ucraina non ha l’esercito più forte del mondo, e da sola non può sconfiggere questo male”, ha detto Tymoshenko, che definisce “eroi” i soldati ucraini. “Per vincere”, però, “abbiamo bisogno di una lista di armi per l’Ucraina: sono necessarie, vorremmo che i paesi occidentali permettessero al nostro esercito di difendere il mondo libero. Tutti i paesi del mondo libero devono avere una voce unita e approvare sanzioni durissime: se ci saranno queste due componenti, l’Ucraina vincerà molto presto. Altrimenti questa guerra può finire con lo sterminio del nostro popolo, non possiamo permettere che accada”. A parlare del conflitto, anche la leader di +Europa Emma Bonino e Lech Walesa, ex presidente della Polonia (LIVE IN BARI, LA DIRETTA -  IL PROGRAMMA E GLI OSPITI - IL TEATRO KURSAAL, PALCOSCENICO DEL LIVE IN - L'INTERVISTA AL SINDACO DI KIEV).

Tymoshenko: “Le truppe russe non sono allenate, hanno armi obsolete”

vedi anche

Guerini: "Pretendere chiarezza su Bucha e individuare i responsabili"

Tymoshenko ha definito il presidente russo Vladimir Putin “imprevedibile”. Da qui, le incertezze sul futuro della guerra, perché il capo del Cremlino “può fare qualsiasi cosa”. Tuttavia, l’ex primo ministro ucraino parla delle truppe russe come di un esercito in difficoltà. “Non sono allenate, non hanno cibo, non sono motivati. I loro mezzi militari sono obsoleti, la Nato ha armi molto più moderne. La Russia può denigrare l’Ucraina perché non si aspettava l’invasione. Possono terrorizzare il nostro Paese, ma non possono fare la Terza guerra mondiale”, ha detto Tymoshenko.

Tymoshenko: “In Ucraina genocidio crudele”

leggi anche

Metsola (Ue): "Se cade l'Ucraina, verranno attaccati altri Paesi"

Quello che sta succedendo in Ucraina – “ragazze stuprate davanti ai genitori” e “bambini che vengono uccisi” – è documentato da “centinaia di giornalisti da tutto il mondo” arrivati in Ucraina. Con i propri occhi “vedono cosa accade e trasmettono questi crimini di guerra in tutto il mondo”, ha detto Tymoshenko. In Ucraina è “in corso un genocidio crudele”, conclude l’ex premier: “non si può guardare rimanendo indifferenti”.

Bonino: "Possibile embargo sul gas russo"

leggi anche

Vicepremier Kiev a Sky TG24: "Russi bruciano corpi civili ucraini"

La leader di +Europa Emma Bonino è intervenuta a Live In concentrandosi sulle sanzioni occidentali contro la Russia. Bene la risposta europea. È “la prima volta che i Paesi Ue hanno mostrato una grande capacità di coesione”, dice Bonino, che non nasconde però preoccupazione per il futuro: “il problema è quanto durerà”. Le possibilità di arrivare a un embargo all’import di gas russo, sottolinea Bonino, sono concrete. “Dobbiamo preparare la nostra opinione pubblica ai costi collaterali che arriveranno per noi. Siamo in primavera, sarebbe doloroso per le imprese energivore che ne pagherebbero le conseguenze”.

Walesa: “Putin deve rispondere di quello che sta facendo"

vedi anche

Live in Bari, Letta: "Pensare ad 'assegno-energia' per ceto medio"

Anche l'ex presidente polacco Lech Walesa, come Tymoshenko, esprime chiaramente le sue opinioni su Vladimir Putin. "Deve rispondere di quello che sta facendo, con un bandito dovrebbe parlare un tribunale e non i politici”, ha detto Walesa.

Mondo: I più letti