Guerra Russia Ucraina, le previsioni Usa: ondata di profughi in arrivo

Mondo

Lo scenario per Kiev sarebbe molto simile a quello siriano. “Ci saranno migliaia di morti da una parte e dall’altra”, ha detto ieri alla Cnn la vice ministra Wendy Sherman

ascolta articolo

Le previsioni sono catastrofiche. Non solo per i morti, ma anche per l’ondata di profughi che potrebbero arrivare in Europa. Uno scenario simile a quello della Siria (GLI AGGIORNAMENTI SULLA GUERRA IN UCRAINA IN DIRETTA - PUTIN, DAL KGB ALL'ATTACCO IN UCRAINA)

Le previsioni americane

approfondimento

Attacco russo all'Ucraina, Biden: catastrofica guerra premeditata

Mentre la vice ministra Wendy Sherman - in un’intervista alla Cnn  - dice di vedere avvicinarsi un massacro con migliaia di morti da una parte e dall’altra, l’ambasciatrice americana all’Onu, Linda Thomas-Greenfeld, in un’intervista al Corriere della Sera parla di una spaventosa ondata di profughi con 5 milioni di persone che resteranno senza casa. Il segretario alla Difesa, Llyod Austin, da Varsavia, è invece più cauto: “Saranno centinaia di migliaia in fuga” sottolinea.

Chi è pronto ad accoglierli

approfondimento

Guerra Russia Ucraina, persone in fuga da Kiev: code di auto. VIDEO

Il Paese più esposto è la Polonia, che condivide con l’Ucraina un lungo tratto di confine. Coinvolti in prima linea assieme alla Polonia anche Slovacchia, Ungheria e Romania.

L’ Europa chiede piani di emergenza per accogliere sfollati

approfondimento

Guerra Russia-Ucraina: crollano le Borse, volano gas, petrolio e grano

Mentre Bruxelles si concentra sulle sanzioni da applicare alla Russia e sui possibili effetti legati all’economia con i rincari di gas, petrolio, grano e altre materie prime, la commissaria europea per l’immigrazione, Ylva Johansson, ha sollecitato i governi a concentrarsi sui piani di emergenza per accogliere gli sfollati in cerca di riparo. Le associazioni umanitarie sono già in allarme perché i Paesi più esposti sono già in difficoltà. L’Ungheria guidata da Viktor Orbán non ha una politica molto distante dall’accoglienza così come la Polonia. La Romania è uno Stato già in grande difficoltà, mentre la Slovacchia non ha le strutture adeguate per ricevere masse di profughi. Saranno, come spesso accade, i grandi Paesi ad intervenire: a partire dalla Germania, poi Francia e Italia. Senza considerare gli Usa chiamati inevitabilmente a fare la loro parte davanti ad un’emergenza umanitaria

Mondo: I più letti