Coronavirus nel mondo: le ultime news Paese per Paese

Mondo
©LaPresse

Il bilancio globale dei morti provocati dal Covid19 ha superato la soglia dei 460.000: questi gli ultimi dati rilasciati dalla Johns Hopkins University. In totale sono 8.663.135 i contagiati, mentre le persone guarite sono 4.245.777

Oltre 460 mila morti in tutto il mondo, più di 8,6 milioni i contagiati dall'inizio della pandemia, superata la soglia dei 4 milioni e 200mila guariti dal Coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE) in tutti i Paesi coinvolti. Sono gli ultimi dati resi disponibili dalla Johns Hopkins University. 

Usa, nuovo balzo contagi

approfondimento

Coronavirus, la diffusione globale in una mappa animata

Gli Stati Uniti, stando ai dati della Johns Hopkins, hanno registrato altre 705 morti per coronavirus in 24 ore. È il nono giorno consecutivo che il bilancio giornaliero scende al di sotto i mille decessi, anche se gli Stati Uniti rimangono il paese più colpito dalla pandemia con un totale di oltre 119.000 morti per coronavirus e 2,2 milioni di contagi accertati sul territorio americano. Il Paese ha subito un rimbalzo del coronavirus in circa 20 dei suoi Stati. L'epidemia si è spostata da New York e dal nord-est del Paese a una vasta fascia che attraversa il sud e l'ovest.  I timori di una ripresa dei contagi sono anche legati alle manifestazioni antirazziste dopo la morte di George Floyd (CHI ERAIL DOCUMENTARIO SKY) che hanno scosso il Paese per settimane e alla ripresa dei comizi elettorali di Donald Trump, uno dei quali è in programma per oggi in Oklahoma.

 

Germania, oltre 1.000 contagi in industria della carne

vedi anche

Coronavirus Germania, oltre mille dipendenti industria carne positivi

In Germania i test effettuati nel nuovo focolaio nell'industria della carne tedesca Toennies, nel Land del Nordreno-Vestfalia, hanno portato alla scoperta di 1.029 casi tra i dipendenti (FOTO). Lo ha reso noto il Consiglio della circoscrizione di Guterloh. L'esplosione dell'infezione aveva già portato alla chiusura delle scuole e degli asili infantili nei giorni scorsi.

Francia, da lunedì riaprono cinema e stadi

La Francia riaprirà cinema e stadi da lunedì 22 giugno, ma il pubblico alle partite sarà ammesso solo dall'11 luglio, con un massimo di cinquemila spettatori per volta. Lo ha annunciato il governo francese nella notte, sottolineando che "il miglioramento della situazione sanitaria" legata alla pandemia di Covid-19 consente "di sollevare alcune interdizioni a condizione che ciascuno mantenga un atteggiamento di vigilanza". Sempre da lunedì riprenderanno le attività tutti gli sport di squadra, anche quelli non agonistici con la sola eccezione delle discipline da contatto.

Cina, a Pechino salgono a 205 i nuovi casi

approfondimento

Oms: “Il virus è ancora letale, record di casi giornalieri”

L'11 giugno si è sviluppato un focolaio al mercato all'ingrosso di generi alimentari Xinfadi, nel distretto sud-occidentale di Fengtai. Nella capitale sono 22 i nuovi casi accertati, per un totale di 205 dall'11 giugno, mentre in totale in Cina si contano 27 nuovi positivi al Covid19. Secondo l'ultimo aggiornamento della Commissione Nazionale per la Sanità, risultano anche quattro casi di contagio provenienti dall'estero e uno sviluppato localmente nella provincia dello Hebei, limitrofa a Pechino, mentre i nuovi casi asintomatici, conteggiati a parte rispetto al totale, sono sette.

Brasile, superato il milione di contagi

Il Paese sudamericano ha superato nelle ultime 24 ore il milione di contagi da coronavirus, accompagnati da quasi 49.000 morti, mentre la pandemia continua ad espandersi in tutta l'America latina, dove i contagiati sono saliti a 1.945.206 (+73.234) e i morti a 90.701 (+1.878). In una sola giornata sono stati registrati 54.771 nuovi casi, per un totale di 1.032.913. In linea con i giorni precedenti, invece, il bilancio dei morti che sono 48.954 (+1.206).  Al secondo e terzo posto di questa triste classifica ci sono il Perù (247.925 casi) ed il Cile (231.393 casi).

Australia, tornano restrizioni nello Stato di Victoria

Dopo la scoperta di 25 nuovi casi ieri lo Stato australiano di Victoria ha ripristinato in parte le misure anti-coronavirus.  Venerdì "il numero di nuovi casi ha raggiunto il livello più alto in oltre due mesi - ha detto il premier dello Stato, Daniel Andrews -. So che questo non è ciò che la gente vuole sentire, ma purtroppo questa è la nostra realtà". Secondo le autorità l'aumento dei casi è dovuto ad un focolaio legato ad una riunione di famiglia. Lo Stato, ha commentato Andrews, è ad un "crocevia critico".  Secondo le nuove restrizioni, che entreranno in vigore domenica 21 giugno, ogni famiglia potrà avere un massimo di cinque visitatori alla volta e il numero di persone che potranno riunirsi all'aperto verrà ridotto da 20 a 10. Inoltre, un piano che prevedeva di aumentare già da domani da 20 a 50 il numero massimo di persone nei ristoranti, nei bar, nei musei, nelle biblioteche e nei luoghi di culto è stato rinviato al 12 luglio.

Ecuador, il Papa dona due respiratori

Secondo i dati forniti dal ministero della Salute ecuadoregno, nel Paese i casi positivi di Covid-19 sono 47.322, mentre le vittime ammontano a 3.929. Per contrastare la pandemia da coronavirus, è intervenuto anche Papa Francesco, che ha voluto donare due respiratori al Paese. L'annuncio - si legge sul sito della Conferenza episcopale dell'Ecuador - arriva dall'Ambasciata ecuadoregna presso la Santa Sede: "L'ambasciatore dell'Ecuador in Vaticano, Josè Luis Alvarez Palacio ha informato la Nunziatura Apostolica che i dispositivi hanno già lasciato il Vaticano e arriveranno nel Paese nei prossimi giorni". Quella per l'Ecuador è solo una delle tante donazioni del Pontefice in questi tempi di pandemia. Già il 23 aprile, giorno del suo onomastico, il Papa ha fatto pervenire due ventilatori polmonari e numerosi dispositivi di protezione individuale agli ospedali della diocesi di Lecce; altri cinque respiratori sono stati destinati alla città di Suceava, in Romania, e altri tre a Madrid, in Spagna, Paese in cui già a marzo erano giunti altri respiratori donati dal Papa.

India, record di contagi per il terzo giorno di fila

Continua la tendenza all'aumento dei contagi giornalieri da coronavirus in India: per il terzo giorno consecutivo, il numero dei nuovi casi verificati nel Paese da 1,3 miliardi di abitanti è in crescita, pari oggi a 14.516. Il totale ha così superato i 395mila, con quasi 13mila decessi ufficialmente riconducibili al Covid-19 (375 nelle ultime 24 ore). I dati sono stati forniti dal ministero della Salute secondo quanto riporta la stampa internazionale. Nell'ultima settimana sono stati identificati 86mila nuovi casi. I test effettuati dall'inizio della pandemia sono 6,6 milioni, di cui 189.869 nella sola giornata di ieri.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.