Coronavirus, la diffusione globale in una mappa animata

Mondo

Raffaele Mastrolonardo

In un tempo relativamente breve il virus si è diffuso al di fuori della Cina raggiungendo Paesi di quasi tutti i continenti. Una visualizzazione animata e una serie di grafici sul contagio

SPECIALE CORONAVIRUS

 

Il 30 gennaio scorso l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato il nuovo coronavirus “emergenza globale”.

Il virus, ribattezzato SARS-CoV-2, è comparso all’inizio di gennaio in Cina e si è diffuso velocemente anche al di fuori dell’area di origine, come mostra una mappa animata realizzata da SKY TG24 che segue l’espansione della pandemia nel mondo.

 

 

La mappa è aggiornata al 19 maggio 2020

 

La visualizzazione rivela che, a partire dai primi casi confermati segnalati a inizio gennaio nella città di Wuhan, in Cina, nel giro di un paio di settimane l’epidemia di Covid-19, come è stata chiamata la sindrome a cui il virus dà luogo, si era già estesa in altri Paesi dell’Asia orientale per poi propagarsi nei giorni successivi anche nell’emisfero occidentale del globo, in Oceania e in seguito anche negli altri continenti. 

 

Nel frattempo, anche il numero di casi confermati nel mondo ha continuato a salire in maniera costante con un’impennata a partire dalla metà di marzo.

Se non visualizzi il grafico clicca qui

 

Il virus si diffonde con velocità e tempi differenti in Paesi diversi. Per capire a che punto si trova l’epidemia in ciascuno stato e il ritmo con cui si sta propagando, può essere utile scegliere per tutti lo stesso punto di partenza (per esempio il raggiungimento dei 100 casi) e poi, a partire dal quel giorno, tracciare l’evoluzione dei casi confermati. E’ quello che mostra il grafico seguente.

Se non visualizzi il grafico clicca qui

 

Con il crescere del contagio crescono anche i decessi legati al nuovo coronavirus, come mostra la visualizzazione qui sotto.

Se non visualizzi il grafico clicca qui

I dati

I dati utilizzati nella mappa animata derivano tre fonti. La prima è il quotidiano Financial Times per quanto riguarda i primi giorni di diffusione del virus. La seconda sono i dataset utilizzati per la mappa sulla diffusione di Covid-19 approntata dal Center for Systems Science and Engineering (CSSE) della Johns Hopkins University per i dati a partire dal 23 gennaio 2020. Infine, per quanto riguarda i tempi di diffusione del virus nei vari Paesi si sono utilizzati i dati dello European Center for disease prevention and control.

 

(Ultimo aggiornamento: mercoledì 20 maggio 2020, ore 15:00)

Mondo: I più letti