Covid, le notizie. XI: "Preoccupato per contagi in Cina, ma la luce è davanti a noi". LIVE

©Ansa

Il presidente cinese ha affermato che la lotta contro il Covid-19 è entrata in una nuova fase, dopo il cambio di strategia di dicembre, e ha chiesto di continuare a perseverare di fronte a tale sfida. In Italia calano i ricoveri, -19% negli ultimi 7 giorni secondo la rilevazione Fiaso. Significativo calo nelle terapie intensive: -44%. Il 20% di questi pazienti risulta non vaccinato e l’80% vaccinato da oltre 6 mesi. L’età media dei non vaccinati in rianimazione è di 66 anni

1 nuovo post
Il presidente cinese Xi Jinping ha affermato che la lotta contro il Covid-19 è entrata in una nuova fase, dopo il cambio di strategia di dicembre, e ha chiesto di continuare a perseverare di fronte a questa sfida. Parlando alla nazione in occasione dell'imminente Capodanno lunare, Xi ha sottolineato che l'epidemia di coronavirus è stata "feroce", ma ha invitato a non gettare la spugna. "L'alba è davanti a noi", ha assicurato, esprimendo al contempo preoccupazione per la diffusione del virus nelle aree rurali ed esortando le autorità locali ad adottare precauzioni estreme, oltre che a migliorare l'assistenza medica ai cittadini.
In Italia calano ancora i ricoveri: -19% negli ultimi sette giorni. È la quinta settimana con il segno negativo (-9% una settimana fa), che riguarda sia i ricoveri ordinari (-17%) che le terapie intensive (-44,4%). È quanto emerge dalla rilevazione degli ospedali sentinella aderenti alla rete della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere del 17 gennaio. Scende al 39% la percentuale dei pazienti ricoverati per Covid, con insufficienza respiratoria o polmonite. È il primo calo - evidenzia Fiaso - dopo tre settimane di crescita. Si tratta ancora di pazienti al 76% vaccinati da più di sei mesi, con una età media di 74 anni e nella gran parte affetti da altre patologie. Si registra un significativo calo nelle terapie intensive: -44%. Il 20% di questi pazienti risulta ancora non vaccinato e l’80% vaccinato da oltre 6 mesi. L’età media dei non vaccinati in rianimazione è di 66 anni.  

Gli ultimi approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Costanza Ruggeri

Questo liveblog termina qui. Per tutti gli aggiornamenti segui il nuovo live di giovedì 19 gennaio

- di Redazione Sky TG24
   center no-repeat #999999;cursor:pointer;top:-1px; border-radius: 0px 0px 2px 2px;">↵

Cina, presidente: "Covid preoccupante, ma luce davanti a noi (VIDEO)

- di Redazione Sky TG24

Covid, la Cina accelera la produzione di medicinali. Si studia l'azione dell’acido Udca

Secondo i dati del Ministero dell'Industria e dell'Information Technology di Pechino, si producono maggiormente farmaci come ibuprofene e paracetamolo che hanno raggiunto quota 190 milioni di pastiglie al giorno: si tratta di cinque volte la quantità prodotta all'inizio di dicembre. C’è inoltre grande attenzione sull'acido ursodesossicolico – Udca – già usato per trattare i calcoli della bile. 
- di Redazione Sky TG24

Vaccinati con infezione pregressa sono meno contagiosi degli altri: lo studio

Lo dimostra un'analisi condotta su 111.687 residenti delle carceri statunitensi. L'immunità ibrida, quella garantita dall'azione combinata del contagio e della somministrazione dei vaccini, abbasserebbe del 40% la capacità di trasmissione verso le altre persone rispetto alla norma. 
- di Redazione Sky TG24

Vaccino Covid-19, quinta dose: quando farla e a chi è consigliata

La somministrazione del terzo richiamo è raccomandata agli over 80, agli ospiti delle strutture residenziali per anziani e ai fragili over 60. Ma chiunque abbia compiuto il sessantesimo anno d’età la può richiedere: ecco tutto quello che c’è da sapere. 
- di Redazione Sky TG24

Quali sono i sintomi che caratterizzano le nuove varianti Gryphon e Cerberus

Entrambe fanno parte della grande famiglia di Omicron 5. Mal di testa, mal di gola, stanchezza e dolori muscolari sono le manifestazioni più comuni delle due infezioni, alla pari di altre forme di coronavirus e dell'influenza. Meglio sottoporsi sempre a tampone per capire se si è contratto il Covid-19 e non un'altra infezione simile. 
- di Redazione Sky TG24

Cina, eliminata quarantena per stranieri. Ripristinati collegamenti con Hong Kong

Il Paese ha messo fine a tre anni di isolamento, nonostante l'ondata di nuovi casi delle ultime settimane. Secondo l'amministrazione di Hong Kong, circa 60mila residenti dell'isola si recheranno ogni giorno nella Cina continentale. I DETTAGLI 
- di Redazione Sky TG24

Covid, la battaglia della scienza alle varianti. Tra richiami vaccino e nuovi farmaci

L'evoluzione del virus rende necessario spingere sulle quarte e le quinte dosi (per anziani e fragili), spiega Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto farmacologico Mario Negri. Mentre si cerca di capire se potrebbero esserci rischi legati a multiple somministrazioni vaccinali, proseguono gli studi per mettere a punto nuove medicine, dallo spray nasale all'impiego dell'acido ursodessìossicolico. L'APPROFONDIMENTO
- di Redazione Sky TG24

Tamponi Covid, a processo sanitari per "rifiuti infettivi"

Quattro sanitari di Arezzo, che nel 2020 furono impegnati nella prima convulsa fase dell'emergenza Covid in un punto tamponi 'drive', sono stati mandati a processo su richiesta del pm Laura Taddei per abbandono di rifiuti pericolosi e potenzialmente infettivi. Sono il responsabile del servizio drive-through 'Baldaccio', allestito nei pressi del centro storico, e tre operatori sociosanitari sanitari (Oss) accusati di aver abbandonato, senza peraltro che vi sia la certezza che siano stati loro, alcuni guanti e qualche scatola per tamponi vuota sull'asfalto durante il trasloco della postazione.  I fatti risalgono al 2020, nella seconda ondata della pandemia, quando il numero dei tamponi era elevatissimo. Nelle operazioni di smontaggio del punto drive, rimasero sull'asfalto alcuni residui dell'attività svolta ovvero guanti, mascherine e scatole da tampone vuote. Un cittadino segnalò il fatto e da lì c'è stata l'apertura di un fascicolo d'indagine da parte del pm Laura Taddei, che ora sfocia in un processo. Secondo gli avvocati difensori, nell'impossibilità di trovare i responsabili materiali dell'abbandono dei rifiuti, la procura ha messo nel mirino il responsabile del servizio, che è imputato di omessa sorveglianza, e i tre Oss presi tra tutti perché erano quelli dell'ultimo turno prima dello smantellamento della postazione che dal parcheggio Baldaccio fu trasferita e rimodulata in altri due più adeguati e comodi punti tamponi in periferia.      
 
- di Redazione Sky TG24

Epidemia di Covid tra le star di Hollywood dopo i Golden Globes

Epdemia di Covid tra star dopo la cerimonia dei Golden Globes. La serata di baci, abbracci, interviste e fotografie a distanza ravvicinata al Beverly Hilton hotel è costata a molti divi di Hollywood un tampone positivo al Covid 19.  Come si è visto in diretta televisiva e come mostrano le fotografie della cerimonia, quasi nessuno indossava la mascherina e le distanze di sicurezza non sono state rispettate. Per di più, a quanto scrive il Washington Post, non è chiaro se l'organizzazione richiedesse un tampone negativo per partecipare. Anche l'Hollywood Reporter considera "inconsistenti" le misure di sicurezza messe in campo per evitare la diffusione del Covid. Le conseguenze si sono viste pochi giorni dopo. Tra i volti famosi ad aver contratto il virus, ci sono Collin Farrell, Brendan Gleeson, Jamie Lee Curtis e Michelle Pfeiffer. Quest'ultima, per esempio, si è accorta di essere positiva perché era attesa domenica 15 gennaio sul palco dei Critics Choice Award, la cui organizzazione esigeva un test negativo per partecipare. Obbligata a dare forfait, si è scusata con un post su Instagram: "Mi dispiace davvero di non poter essere stasera ai Critics Choice Award. Sì: Covid!". La foto con cui l'attrice giustificava la propria assenza era quella del collega Jeff Bridges, nelle cui mani avrebbe dovuto consegnare il premio alla carriera.  Anche Jamie Lee Curtis ha espresso il suo rammarico su Instagram, postando una foto di tre tamponi casalinghi positivi: "Purtroppo, questa capo cheerleader non parteciperà alle feste del fine settimana per tifare per i suoi amici e colleghi. Questa è la vita'. Le foto successive celebrano i suoi co-protagonisti in Everything Everywhere All at Once, che hanno portato a casa cinque premi, tra cui quello per il miglior film.   Anche altri che hanno partecipato ai Globes il 10 gennaio non si sono presentati pochi giorni dopo all'evento organizzato dai critici cinematografici a causa del coronavirus. Secondo l'Hollywood Reporter, che cita un portavoce di Colin Farrell, sia lui che la star di 'Gli spiriti dell'isola' Brendan Gleeson hanno contratto il virus e non sono potuti andare. Erano stati nominati rispettivamente come miglior attore e miglior attore non protagonista, ma non hanno vinto.   
 
- di Redazione Sky TG24

Dalla tosse ai dolori muscolari: i sintomi della nuova variante Kraken

L’Oms l’ha definita la sottovariante più trasmissibile della pandemia. Per il momento, però, non non sono state rilevate differenze significative nella gravità delle infezioni tra i casi da XBB.1.5 e altre mutazioni, ma saranno eseguite verifiche nei prossimi giorni. 
- di Redazione Sky TG24

Kraken si diffonde nel mondo: in quali Paesi è stata rilevata e cosa sappiamo

Secondo l’Oms, la sottovariante XBB.1.5 può “contribuire all'aumento dell'incidenza dei casi a livello globale” ma non ci sono evidenze che abbia mutazioni note associate a potenziale cambiamento della gravità. Da ottobre riscontrate 5.288 sequenze di Kraken, l’82% dagli Usa dove potrebbe essere responsabile del 28% dei casi. Secondo l’Ecdc Kraken è stata responsabile di meno del 2,5% dei contagi in Europa. Studio su Nature: mutazioni mai viste, impossibile prevedere impatto. Ma altri esperti invitano alla calma. 
- di Redazione Sky TG24

Le nuove linee guida dell’Oms su mascherine, cure, test e isolamento

L’Organizzazione mondiale della Sanità ha aggiornato le raccomandazioni per il coronavirus. È tornata a sottolineare l’importanza delle mascherine e ne consiglia l’uso “per chiunque si trovi in uno spazio affollato, chiuso o scarsamente ventilato”. Ha poi “esteso la sua forte raccomandazione per l'uso dell'antivirale orale Paxlovid (nirmatrelvir-ritonavir)", anche per le donne incinte o che allattano. Novità anche sul periodo di isolamento se si è positivi e su quando effettuare il tampone. IL PUNTO 
- di Redazione Sky TG24

Asl Nuoro, stop green pass per accesso a strutture sanitarie

Anche nelle strutture sanitarie di Nuoro, così come prevedono le recenti disposizioni ministeriali, non sarà più necessario esibire il green pass. La Direzione aziendale dell’ASL n. 3 di Nuoro ha, infatti, recepito le direttive della Delibera di Giunta Regionale 1/6 del 03.01.2023, che ha aggiornato le disposizioni in materia di accesso alle strutture sanitarie e socio-sanitarie dell’Isola, gli indirizzi sulla gestione dei ricoveri delle persone positive al Covid-19 e la programmazione dei posti letto dedicati negli ospedali sardi.
 La delibera di giunta ha previsto le nuove modalità di accesso alle strutture sanitarie per visitatori, accompagnatori, caregiver, ma anche fornitori. Le nuove norme riguardano le varie strutture aziendali, e sono particolarmente importanti per i 3 presidi ospedalieri San Francesco e Cesare Zonchello di Nuoro, e San Camillo di Sorgono. 
Per accedere ai Pronto soccorso del San Francesco e del San Camillo, ad esempio, non sarà più obbligatoria l’esecuzione di un test antigienico o molecolare, che potrà comunque essere richiesto a seconda delle circostanze, riservando l’indagine con tampone molecolare per i casi negativi al test antigienico che manifestino sintomi respiratori acuti o ai soggetti immunodepressi.
 
- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

Covid e influenza, i rischi in aereo: con i sintomi evitare i viaggi non essenziali

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha aggiornato il protocollo sulla sicurezza sanitaria dell'aviazione e invita le autorità aeroportuali e sanitare a raccomandare al pubblico “di evitare viaggi non essenziali in presenza di sintomi respiratori” o “di indossare una mascherina Ffp2”. Ricciardi: “Il 97% dei velivoli ha a bordo almeno un soggetto infetto”. Secondo uno studio sui tamponi effettuati negli aeroporti italiani, al momento dalla Cina non sono arrivate varianti sconosciute. COSA SAPERE 
- di Redazione Sky TG24

Prescriveva "polverine" per curare il Covid, a giudizio

Si aprirà il 5 giugno davanti al Tribunale di Rimini il processo al medico omeopata arrestato perché prescriveva "polverine" miracolose per prevenire il Covid. Il professionista, rinviato a giudizio oggi dal gup Vinicio Cantarini, come aveva scoperto un'indagine della Gdf coordinata dal sostituto procuratore Davide Ercolani prescriveva erbe mediche che chiamava "polverine" promettendo la guarigione da patologie compreso il coronavirus. A scovare il "guaritore" era stata Striscia La Notizia e a gennaio del 2022 la Guardia di Finanza di Rimini aveva eseguito un'ordinanza del gip del Tribunale di Rimini, Benedetta Vitolo nei confronti di Orfeo Bindi, 66 anni, sospeso dall'esercizio della professione di medico omeopata. Una trentina i clienti truffati dal presunto omeopata che spediva per posta i suoi preparati a base di erbe. 

- di Redazione Sky TG24

Pregliasco: "Commissione inchiesta non sia processo, giusto approfondire"

"Covid è stato uno tsunami, dall'impatto superiore alla possibilità di rispondere di un qualsiasi sistema sanitario organizzato". Ma "è importante che ci sia trasparenza e approfondimento" su quei duri mesi del 2020, quando tutto è cominciato. E "ben venga" una Commissione parlamentare d'inchiesta, se questo è lo spirito con cui la si porta avanti. "L'importante è che non si tratti di un 'processo politico', ma che sia un percorso che punti a mettere insieme quegli elementi che si devono raccogliere per far sì che possano finire o comunque mitigarsi i dubbi e le difficoltà che ogni cittadino ha di fronte a quella che è stata un'emergenza", in particolare in quei duri mesi del 2020. E' l'auspicio espresso all'Adnkronos Salute dal virologo Fabrizio Pregliasco.
Lo specialista, che è stato anche nell'unità di crisi della Lombardia in piena emergenza Covid, in una delle regioni che all'inizio furono travolte da Sars-CoV-2 quando ancora si sapeva poco del virus, commenta così la prospettiva di una Commissione in partenza entro primavera. "E' giusto guardare a quello che è stato possibile fare, ma - ripete - sempre tenendo conto che si è trattato di uno tsunami, che è stato comunque superiore come impatto alla possibilità di risposta di un qualsiasi sistema organizzato, a mio avviso". Un aspetto che non si può dimenticare quando si riavvolge il nastro.
 
- di Redazione Sky TG24

In Emilia Romagna quarte dosi anti-Covid a 20,9% idonei

In Emilia-Romagna sono state somministrate le quarte dosi del vaccino anti-Covid a 710.226 persone, pari al 20,9% di coloro che sono idonei alla profilassi. Lo rende noto l'ente regionale. Il ciclo primario con due dosi è stato somministrato al 94,7 % della popolazione.Disaggregando i numeri per fasce di età, ha già ricevuto la quarta dose il 60,2% degli over 80 (223.133); il 45,4% (206.323) nella fascia di età 70-79 anni e il 29,5% (165.914) nella fascia 60-69 anni. Si ferma al 4,4%, corrispondente a 114.856 persone, la percentuale di copertura vaccinale tra i cittadini
dai 12 ai 59 anni. Rispetto all'andamento della somministrazione della quarta dose anti-Covid sul territorio, prima è Ferrara, che ha già vaccinato il 24,4% degli over 12 (65.335 persone), davanti a Modena e Imola, a pari merito con il 22,4% (rispettivamente 129.147 e 24.336 vaccinati). Seguono l'Ausl di Bologna (22,1%, 168.526 soggetti), l'Ausl di Reggio Emilia (20%, 80.972), l'Ausl di Romagna e di Parma, entrambe con il 19,4% (rispettivamente 142.578 e 63.709 vaccinati). Infine l'Ausl di Piacenza, che ha raggiunto il 18,8% di copertura con la quarta dose di vaccino, già somministrata a 35.623 assistiti over 12.
- di Redazione Sky TG24