Youtube, istituito un fondo da 100 milioni di dollari per i creatori afroamericani

Tecnologia

Il fondo è destinato a dare voce a tutti quei creatori afroamericani che pubblicano contenuti sulla piattaforma video di proprietà di Google e servirà a finanziare la produzione di nuovi programmi e contenuti originali. L'iniziativa, come quella di altri grandi colossi delle nuove tecnologie, supporta il movimento "Black Lives Matter", diffusosi dopo il recente omicidio del 46enne George Floyd negli Usa

Youtube ha annunciato l'istituzione di un fondo da 100 milioni di dollari destinato a dare voce ai creatori afroamericani che pubblicano contenuti sulla piattaforma video di proprietà di Google e che servirà a finanziare la produzione di nuovi programmi e contenuti originali. Lo ha reso noto l'amministratrice delegata di YouTube, Susan Wojcicki, in un lungo ed articolato post pubblicato sul blog dell'azienda. "Siamo impegnati a fare meglio come piattaforma per dare centralità e ad amplificare le voci e le prospettive degli afroamericani", ha scritto.

L’impegno di YouTube contro il razzismo

approfondimento

Social network, come sono cambiati durante l'emergenza coronavirus

“Negli ultimi mesi abbiamo vissuto enormi tragedie e gravi perdite. Le persone in tutto il mondo hanno avuto a che fare con l'impatto devastante della crisi legata al Covid-19, hanno affrontato malattie, solitudine, disoccupazione e si sono destreggiate per accudire i bambini a casa. E nelle ultime settimane ci siamo addolorati perché la comunità nera ha subito atti insensati di violenza”, si legge nella lettera aperta. “Sappiamo che per molti tragedie come queste sono un persistente promemoria del danno causato dal razzismo sistemico. Hanno anche aggravato il bilancio della pandemia, che ha avuto un impatto sproporzionato sulle comunità di colore negli Stati Uniti e all'estero. Su YouTube, crediamo che le vite delle persone di colore contino e che tutti dobbiamo fare di più per smantellare il razzismo sistemico. Ci uniamo per protestare contro gli omicidi di George Floyd, Breonna Taylor, Ahmaud Arbery e molti altri prima di loro”, ha continuato poi l’ad di YouTube. Nell’ambito di questa decisione, la piattaforma di video più utilizzata al mondo ha già previsto un primo progetto finanziato da questa nuova iniziativa, uno speciale originale di YouTube chiamato "Bear Witness, Take Action", che sarà trasmesso il 13 giugno alle 18:00 ET (mezzanotte in Italia), così come conferma il sito “The Verge”. Lo speciale includerà la presenza di attivisti, creatori di YouTube e artisti come Jemele Hill, John Legend e Roxane Gay e raccoglierà fondi per la “Equal Justice Initiative”.

Le iniziative dei colossi della tecnologia

Diverse società tecnologiche hanno assunto impegni simili dopo la morte di George Floyd. Apple ha lanciato un'iniziativa per la giustizia e l'equità razziale da 100 milioni di dollari. Google stessa ha promesso di finanziare 12 milioni di dollari a varie organizzazioni che combattono il razzismo sistemico, mentre Amazon e Facebook si sono entrambi impegnate a donare 10 milioni di dollari ciascuno ad associazioni che lavorano sulla giustizia razziale e sociale. A scendere in campo è stata anche PayPal, con 530 milioni destinati a sostenere le attività economiche di proprietà di afroamericani e minoranze negli Stati Uniti. La maggior parte della cifra (500 milioni), servirà a investire nelle attività e nelle comunità degli afroamericani e delle minoranze presenti nel Paese, ha spiegato la società.

Tecnologia: I più letti