Il fratello di Floyd al Congresso: morto per 20 dollari

Mondo

"E' questo che vale un afroamericano nel 2020?", ha detto Philonise, fratello del 46enne morto a Minneapolis per mano della polizia

Duro faccia a faccia tra Philonise Floyd, fratello di George, e i membri del Congresso. "George è morto per una discussione su 20 dollari. E' questo che vale un afroamericano nel 2020?". E' stato il duro atto di accusa del fratello del 46enne morto a Minneapolis per mano della polizia e origine delle rivolte di Black Lives Matter. Davanti ai membri del Congresso, parlando alla commissione giustizia della Camera, l'uomo a stento è riuscito a trattenere le lacrime. "Sono qui per chiedervi basta dolore, la forza mortale dovrebbe essere usata solo in casi di grande pericolo, e mio fratello è morto per 20 dollari".  (DA UK A USA, LE FOTO DELLE STATUE RIMOSSE  - LE PROTESTE IN BELGIO).

approfondimento

Morte Floyd, funerali a Houston: l'ultimo saluto a George. FOTO

"Venti dollari? Non meritava di morire per 20 dollari", ha insistito Philonise Floyd: "Questo è

il 2020. Siamo stanchi. Quando è troppo è troppo. Siate i ldeader di cui questo Paese, di cui il mondo ha bisogno. Fate la cosa giusta", ha concluso rivolgendosi ai membri del Congresso.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.