Gta 5 e RDR 2, la scelta di Rockstar Games per onorare George Floyd

Tecnologia

La software house americana ha deciso, nella giornata di ieri, di sospendere per due ore l’attività dei server dei propri titoli di punta, in segno di rispetto per la morte del 46enne afroamericano che ha scatenato proteste, anche violente, soprattutto negli Stati Uniti

Nella giornata di ieri, giovedì 4 giugno, dalle 20 alle 22 Rockstar Games ha deciso di spegnere i server di due dei titoli che ha prodotto e che attualmente sono tra i più giocati e venduti in assoluto, ovvero “Gta 5” e “Red Dead Redemption 2”, per commemorare la memoria di George Floyd, il 46enne afroamericano la cui morte ha fatto cadere sul poliziotto Derek Chauvin l’accusa di omicidio volontario non premeditato e che ha scatenato violente proteste negli Stati Uniti.

La comunicazione sui social

approfondimento

GTA 6, Rockstar Games ha aggiornato i siti del gioco

I due videogiochi, dunque, per due ore non hanno funzionato nella loro versione online in multiplayer, su specifica decisione della software house che si è inserita, come successo per numerose altre aziende del comparto videoludico e non solo, nell’ondata di proteste mondiale seguita all’evento luttuoso accaduto a Floyd. La decisione di Rockstar Games ha scatenato, come era prevedibile, le reazioni dei tantissimi utenti che hanno scelto “Gta 5” e “Red Dead Redemption 2”, tra approvazioni e contestazioni. Il post su Twitter che ha annunciato la scelta è stato letteralmente invaso di commenti (oltre 8500), retweet (più di 13mila) e like (oltre 75mila), diventando ben presto motivo di discussione tra gli appassionati. Una volta ripristinata la corretta funzionalità dei server poi, la software house americana ha prontamente comunicato la notizia agli utenti, con un’altra serie di post sui social network. “I servizi di gioco sono ripresi, speriamo che ti unirai a noi per onorare ulteriormente le numerose vittime delle ingiustizie razziali americane sostenendo le loro famiglie, le loro attività, coloro che marciano per le strade e le organizzazioni che ne tutelano i diritti”, si legge, ad esempio, negli ultimi post pubblicati sempre da Rockstar sul profilo ufficiale di Twitter. L’invito, attraverso un link specifico, è anche quello di supportare la causa attraverso una serie di donazioni in denaro.

L’attesa per il prossimo capitolo di Gta

La decisione di sospendere i server dei videogiochi, soprattutto per quanto riguarda “Gta 5” è stata piuttosto significativa se si pensa che il titolo, a diversi anni dall’uscita sul mercato avvenuta nel 2013, resta ancora al top delle classifiche mondiali di settore in quanto a videogiochi più venduti. Ora le attenzioni di fan e addetti ai lavori è indirizzata tutta verso il nuovo capitolo, che sicuramente uscirà nel futuro prossimo, anche se ancora nulla si sa di preciso sulla data, prevista per il 2021 o addirittura per il 2022.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24