Covid-19, Sileri a Sky TG24: "Vaccino Pfizer, ci dobbiamo fidare dell'Ema"

Salute e Benessere

Lo ha detto il viceministro della Salute nel corso di “Timeline”. “E’ un ente che ha un rigore scientifico altissimo che garantisce sicurezza ed efficacia. Ci affidiamo all’Ema per il vaccino come facciamo per gli altri farmaci che utilizziamo quotidianamente”, ha commentato

"L’Ema ha dato l’ok al vaccino Pfizer-Biontech. È la notizia che aspettavamo. La battaglia contro il virus è ancora complessa, come dimostrano anche le ultime notizie da Londra, ma avere a disposizione un vaccino efficace e sicuro apre una fase nuova e ci dà più forza e fiducia". Così, attraverso un post pubblicato su Twitter, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha confermato la notizia secondo cui l'Agenzia Europea del Farmaco ha annunciato l'ok condizionale al vaccino anti-Covid, con la Commissione Europea che dovrebbe dare in serata l'autorizzazione all'immissione sul mercato del prodotto. A commentare la notizia, intervenendo nel corso di Timeline su Sky TG24, anche il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri. “Ci dobbiamo fidare perché è un ente che ha un rigore scientifico altissimo che garantisce sicurezza ed efficacia. Ci affidiamo all’Ema per il vaccino come facciamo per gli altri farmaci che utilizziamo quotidianamente”, ha detto.

I numeri della campagna vaccinale

approfondimento

Covid-19, vaccino Pfizer-BioNTech approvato da Ema e Commissione Ue

Sileri ha poi riportato alcune cifre legate alla campagna di vaccinazione. “Le dosi del vaccino Pfizer sono 3.400.000 per iniziare e consentiranno la vaccinazione di 1.700.000 persone, e mi auguro che l’adesione sia moto alta”, ha commentato. “Le notizie che giungono da Oltre Manica con una variante del virus che ha determinato un numero di contagi molto alto nel Sud-Est dell’Inghilterra nelle ultime settimane impone a mio avviso che venga fatta una sorta di moral suasion per avere tanta popolazione vaccinata nel più breve tempo possibile perché non possiamo correre rischi”, ha quindi auspicato il viceministro. E, a proposito della possibilità di far rientrare i nostri connazionali proprio dall’Inghilterra, Sileri ha dichiarato che “non sono contemplate deroghe”.

Il caso Abruzzo

“I parametri per le Regioni non possono avere elasticità, non devono avere un’elasticità. Non sono parametri contro l’Abruzzo o contro la Campania o a favore di chicchessia”, ha poi continuato Sileri nel corso del suo intervento, replicando alle rimostranze del Governatore dell’Abruzzo, Marco Marsilio, anch’egli in collegamento, sulla decisione di mettete la sua regione in zona arancione, presa dopo l’ultimo Dpcm. “Si tratta di 21 criteri che consentono un’analisi accurata. Purtroppo, l’Abruzzo non mostrava la possibilità di una retrocessione positiva verso l’area gialla. Pur migliorando i dati della Regione Abruzzo, si tratta di una situazione che va consolidata. Con la nuova trasmissione dei dati anche l’Abruzzo tornerà zona gialla”, ha quindi concluso Sileri.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.