Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Venezuela, l’esercito di Maduro chiude ponte al confine per bloccare aiuti umanitari. FOTO

Un camion e due container sbarrano l’accesso dalla Colombia. Ira degli Stati Uniti: "Il regime di Maduro deve lasciare che gli aiuti raggiungano il popolo affamato!", twitta il segretario di Stato Pompeo. Continua intanto l’esodo di migliaia di venezuelani
  • Un camion cisterna e due container messi di traverso sulle tre carreggiate del ponte di Las Tienditas sbarrano il confine tra Colombia e Venezuela. Così l'esercito di Nicolas Maduro ha chiuso l'accesso agli aiuti umanitari inviati dall'estero alla popolazione. "Il popolo venezuelano ha disperatamente bisogno di aiuti umanitari", ha twittato il segretario di Stato statunitense, Mike Pompeo, aggiungendo poi in stampatello: "Il regime di Maduro deve lasciare che gli aiuti raggiungano il popolo affamato!" - Tutte le ultime notizie sul Venezuela
  • ©Getty Images
    La popolazione venezuelana, da mesi stremata dall'assenza di cibo e medicinali, è ora ostaggio di un braccio di ferro tra il presidente chavista e il leader dell'opposizione, Juan Guaidó, riconosciuto come presidente ad interim da diversi Paesi occidentali (Italia esclusa) – Guaidó a Sky Tg24: “Sarei felice di ricevere il Papa in Venezuela”
  • ©Getty Images
    Il blocco del ponte - quando tutto in Colombia è pronto per far arrivare gli aiuti americani a destinazione - ha scatenato l'ira degli Stati Uniti, tra i primi donatori e i primi a riconoscere Guaidó come legittimo presidente ad interim – Venezuela nel caos, a Caracas manifestazioni contrapposte per Guaidó e Maduro
  • ©Getty Images
    Maduro considera gli aiuti "un'elemosina" non richiesta e, soprattutto, teme che siano un cavallo di Troia in vista di un intervento militare statunitense. "Uno show mediatico", ha ribadito ieri anche il suo ministro degli Esteri, Jorge Arraza, negando ancora una volta che in Venezuela ci sia una crisi umanitaria – Maduro a Sky Tg24: ho scritto al Papa perché ci aiuti nella strada del dialogo
  • ©Getty Images
    Il governo di Maduro "nega la crisi umanitaria per un solo motivo: perché è il loro business", ha replicato Guaidó che ha promesso di insistere affinché gli aiuti possano arrivare "nei prossimi giorni". “Faccio un appello affinché tutti quelli che possono aiutarci, come il Santo Padre, possano collaborare per la fine dell'usurpazione, per un governo di transizione, e a portare a elezioni veramente libere in Venezuela, al più presto”, ha affermato Guaidó in un’intervista esclusiva a Sky tg24 – – Chi è Guaidó
  • ©Getty Images
    Continua intanto la fuga di centinaia di venezuelani che cercano di fuggire dal loro Paese e di trovare riparo in Colombia. Negli ultimi tre anni sono circa tre milioni le persone che hanno lasciato il Venezuela – Venezuela, povertà e crisi nei quartieri di Chavez
  • ©Getty Images
    Oggi si apre la conferenza internazionale sul Venezuela, convocata a Montevideo. Messico, Uruguay e i Paesi dei Caraibi hanno messo a punto una proposta di mediazione. Denominata 'Meccanismo di Montevideo', prevede una serie di passaggi per tentare una soluzione diplomatica alla crisi in atto – Papa sul Venezuela: “Mediazione solo se chiesta da entrambe le parti”
  • ©Getty Images
    Una iniziativa che ha già incassato il sostegno "assoluto" di Maduro. Il suo rivale Guaidó intanto si è riunito ieri con rappresentanti dell'Unione europea "per consolidare il loro appoggio e la transizione democratica" in Venezuela - Le ultime notizie sul Venezuela
  • VEDI ANCHE

    Usa, donne democratiche in bianco per il discorso di Trump. FOTO

    Sfoglia la gallery >

    Oppure

    VAI ALLA SEZIONE FOTO

SCELTI PER TE