Guerra in Ucraina, Peskov: "Incontro Putin-Zelensky? Non ci sono le condizioni"

Mondo

Il portavoce del Cremlino durante il briefing quotidiano con la stampa è anche tornato ad attaccare Kiev per le bombe che hanno colpito la centrale nucleare di Zaporizhzhia

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo

 

Per Dmitry Peskov non ci sono le condizioni, anzi "i prerequisiti", per un incontro tra il presidente russo, Vladimir Putin, e quello ucraino, Volodymyr Zelensky. Lo ha detto oggi il portavoce del Cremlino durante il briefing giornaliero con la stampa. (GUERRA IN UCRAINA - LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA)

A Zaporizhzhia "conseguenze catastrofiche"

leggi anche

Guterres (Onu): “Stop ad attacchi suicidi a centrali nucleari”

Il portavoce del Cremlino è anche tornato ad accusare l'Ucraina per i bombardamenti avvenuti sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia. Mosca ha accusato le forze nemiche di essere responsabili del disastro e ha messo in guardia contro "conseguenze catastrofiche" per l'Europa. Il bombardamento del sito della centrale nucleare di Zaporizhzhia "da parte delle forze armate ucraine", ha dichiarato Dmitry Peskov, è "potenzialmente estremamente pericoloso" e "potrebbe avere conseguenze catastrofiche per una vasta area, compreso il territorio europeo". Come riportano le agenzie stampa russe Tass e Interfax, Peskov ha anche invitato i Paesi europei che "hanno influenza" su Kiev a premere affiché i bombardamenti sulla centrale nucleare siano evitati. L'Ucraina dal canto suo ha accusato l'esercito russo di aver colpito le strutture dell'impianto. 

Mondo: I più letti