Coronavirus Francia, oltre 167mila casi. Stato d'emergenza prorogato fino al 24 luglio

Mondo

Il ministro della Sanità ha annunciato la decisione del Consiglio dei ministri: il progetto di legge per il prolungamento dovrà essere approvato dal Parlamento. Quarantena per chi rientra dall'estero. Per la fase 2 del Paese non ci sarà nessuna app di monitoraggio

Lo stato d'emergenza sanitaria in Francia per la pandemia da coronavirus sarà prorogato fino al 24 luglio (AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE). Lo ha annunciato il ministro della Sanità, Olivier Véran. Il prolungamento è stato deciso dal Consiglio dei ministri sotto forma di progetto di legge che dovrà essere approvato dal Parlamento dopo un dibattito che comincerà lunedì. Secondo i dati della Johns Hopkins University, aggiornati alle 17 del 2 maggio, nel Paese si contano oltre 167.300 casi e più di 24.500 vittime (LA DIFFUSIONE GLOBALE IN UNA MAPPA ANIMATA - LOCKDOWN E RIAPERTURE IN EUROPA E NEL MONDO - LE NOTIZIE DELLA FARNESINA SULLA FRANCIA).

“Esistono rischi di ripresa epidemica"

Secondo quanto si legge nel progetto di legge, è necessario prorogare lo stato d’emergenza - entrato in vigore il 24 marzo e che doveva durare fino al 23 maggio - perché sarebbe "prematuro" lasciarlo scadere visto che esistono "rischi di ripresa epidemica" nel caso di "improvvisa interruzione delle misure in corso" (FINISCE LA LIGUE 1: PSG CAMPIONE DI FRANCIA - SCUOLE RIAPRONO DA 11 MAGGIO SU BASE FACOLTATIVA).

“Quarantena obbligatoria per chi rientra”

Inoltre, ha detto Véran, una "quarantena obbligatoria" di 14 giorni dovrà essere osservata da "tutte le persone" che rientrano sul "territorio nazionale", in molti casi "francesi che si trovano all'estero" e che "vogliono rientrare”. La quarantena "devono osservarla le persone che non sono sintomatiche - ha spiegato Véran - l'isolamento riguarda invece quelli che sono stati diagnosticati positivi al coronavirus su test medico". Quarantena e isolamento "potranno essere resi obbligatori e sanzionati soltanto se non sono rispettati" nell'ambito dei casi di rientro in Francia. Al contrario, non si potrà imporre quarantena per legge ai malati che rifiutassero di isolarsi, come prevedeva inizialmente il governo per chi, affetto da Coronavirus, avesse "ripetutamente rifiutato la prescrizione medica di isolamento per profilassi, rischiando con il suo comportamento di infettare altre persone". Questa norma faceva parte del progetto di legge iniziale ma, avendo suscitato molte critiche, è stata ritirata. Véran si è detto fiducioso che i francesi "saranno responsabili" e il ministro dell'Interno, Christophe Castaner, ha fatto appello al "senso civico" dei cittadini (I DJ SET DAI BALCONI DI PARIGI - MONT SAINT-MICHEL DESERTO - TRACCE DEL VIRUS NELL'ACQUA NON POTABILE DI PARIGI).

Nessuna app per la riapertura

Véran ha anche annunciato che “non ci sarà alcuna app StopCovid disponibile l'11 maggio” e destinata al controllo dei contatti e dei possibili contagi. "Avevamo detto noi stessi che sarebbe stata una sfida tecnologica - ha aggiunto il ministro - una sfida scientifica, una sfida pratica. E che avviare la riflessione non ci avrebbe impegnato a realizzare questo dispositivo". "Per l'11 maggio - ha concluso Véran - non sarà disponibile nel nostro Paese. Il primo ministro è stato molto chiaro, se questo tipo di applicazione deve esistere dovrà essere operativa e mostrare efficacia. E ci sarà un dibattito sul tema in Parlamento".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.