Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Trump rilancia e chiede che anche la Cina indaghi su Biden. Kiev: "Riesaminiamo indagini"

I titoli di sky tg24 delle 18 del 4 ottobre

2' di lettura

Il tycoon su Twitter: "È mio assoluto diritto chiedere ad altri Paesi di indagare". Secondo i media americani, a giugno, avrebbe parlato dei suoi avversari democratici con Xi Jinping. La procura generale ucraina: stiamo riesaminando anche il caso di Hunter Biden

Anche la Cina, e non solo l’Ucraina, dovrebbe indagare sul candidato democratico Joe Biden e su suo figlio Hunter. A dirlo è Donald Trump, che da Twitter rilancia: "Come presidente degli Stati Uniti d'America, ho l'assoluto diritto, e forse il dovere, di indagare o far indagare la corruzione e questo include il chiedere o il suggerire ad altri Paesi di aiutarci". Intanto, emerge che la procura generale ucraina sta "riesaminando" circa 15 indagini relative a Burisma, inclusa quella in cui è implicato il figlio dell'ex vicepresidente americano che ricopriva una posizione nel consiglio di amministrazione della compagnia del gas (TUTTE LE TAPPE DLL'UCRAINAGATE).

La telefonata tra Trump e Xi Jinping

Come riportano diversi media americani, emerge anche che Trump avrebbe parlato delle prospettive politiche dei suoi avversari democratici nella corsa alla Casa Bianca, cioè dello stesso Biden e di Elizabeth Warren, in una telefonata di giugno con il presidente cinese Xi Jinping. Il presidente americano, in quell’occasione, avrebbe anche promesso di tacere sulle proteste di Hong Kong durante i negoziati sui dazi (COSA SONO).

Ucraina, diplomatici Usa scrissero dichiarazione per Zelensky

Secondo fonti della Casa Bianca, i dati della telefonata tra Trump e il leader cinese sarebbero stati custoditi nel sistema elettronico utilizzato per le informazioni top secret, cioè lo stesso in cui sono stati messi i dati della chiamata con il presidente ucraino Voldymyr Zelensky da cui è partito l’Ucrainagate. Stando a quanto scrive il New York Times, inoltre, sullo scandalo legato all’Ucraina, due diplomatici statunitensi avrebbero scritto una dichiarazione per il presidente ucraino in cui Zelensky si impegnava a indagare su Joe Biden e il figlio e sulle presunte interferenze dell'Ucraina sul voto del 2016 per favorire Hillary Clinton. Il giornale americano spiega anche che l'episodio risale ad agosto, dopo la telefonata tra Trump e Zelensky. La dichiarazione fu preparata dall'ambasciatore Usa presso l'Ue, Gordon Sonland, e dall'ex inviato speciale a Kiev Kut Volker. Ne erano a conoscenza Rudy Giuliani e un consigliere di Zelensky, che però non la rilasciò mai.

Data ultima modifica 04 ottobre 2019 ore 12:12

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"