Gaza, attentato contro il premier palestinese. Anp accusa Hamas

Le guardie del corpo di Hamdallah si mobilitano dopo l'esplosione (Getty Images)
3' di lettura

Bomba e spari sul convoglio di Hamdallah. Illeso il capo del governo, 7 feriti nel suo corteo. Il movimento islamico condanna, ma Ramallah lo attacca: "Vili"

Il primo ministro della Palestina, Rami Hamdallah, è sopravvissuto a un attentato nella Striscia di Gaza. Lo ha comunicato l'Autorità nazionale palestinese (Anp) martedì 13 marzo, dopo che un ordigno è esploso al passaggio del convoglio del premier.

L'Anp: "Hamas colpevole"

L'esplosione si è verificata all'altezza di Beit Hanun, poco dopo l'ingresso nella Striscia del convoglio, a bordo del quale si trovava Hamdallah. Come ricorda l'agenzia Reuters in quello stesso punto, nel 2003, una bomba controllata a distanza aveva colpito un mezzo diplomatico Usa uccidendo tre specialisti statunitensi della sicurezza. Secondo fonti ufficiali, il premier palestinese è rimasto illeso, ma ci sono sette feriti. Testimoni raccontano che almeno due auto nella coda del convoglio sarebbero rimaste danneggiate. L'Anp punta il dito contro Hamas, ritenendo l'organizzazione – scrive l'agenzia di stampa palestinese WAFA – "responsabile del vile attacco al primo ministro". Hamas ha respinto le accuse e condannato l’episodio a sua volta.  

La difesa di Hamas

In un comunicato riportato dall'Adnkronos, il portavoce di Hamas Fawzi Barhoum, spiega che il movimento di resistenza palestinese "considera questo crimine parte inscindibile dei tentativi di sabotare la sicurezza della Striscia di Gaza e di colpire qualsiasi sforzo per realizzare l'unità" tra i palestinesi. Ad oggi Hamas – che controlla la Striscia di Gaza dal 2007 – e Anp restano divise, in particolare sulla questione dell'accordo di riconciliazione con l'Egitto. Per Barhoum, a commettere l'attentato sarebbero state "le stesse mani che hanno assassinato Mazen Faqha (esponente delle Brigate al-Qassam, ndr) e che hanno tentato di uccidere Tawfiq Abu Naim (capo della sicurezza a Gaza, ndr)", con riferimento ai recenti attentati in Cisgiordania.

L'appello di Hamdallah

Il governo di Hamas a Gaza fa sapere che "gli apparati di sicurezza stanno indagando sulla natura dell'esplosione", che anche il presidente dall'Autorità nazionale palestinese, Mahmoud Abbas, ha definito "un attacco all'unità del popolo della Palestina". "È in corso un grande complotto contro il progetto nazionale palestinese e Hamas non deve permettere che riesca", è l'appello del primo ministro scampato all'attacco. "Quel che è accaduto oggi – conclude Hamdallah – ci renderà ancor più determinati e non ci impedirà di proseguire la via verso la fine della divisione. Tornerò a Gaza molte altre volte".

Leggi tutto
Prossimo articolo