Ponte Genova, arcobaleno e Frecce Tricolori all'inaugurazione con Mattarella e Conte

Cronaca

A meno di due anni dalla tragedia del crollo del Ponte Morandi si è svolta la cerimonia per il nuovo viadotto “Genova-San Giorgio”, disegnato da Renzo Piano. Presente il capo dello Stato che ha incontrato i familiari delle vittime. Il premier: "Ponte dà forza ma non siamo qui per taglio nastro". Bucci: “Regaliamo questo ponte alla città”. Dopo la lettura dei nomi delle 43 vittime del 14 agosto 2018 osservati 3 minuti di silenzio, poi il passaggio delle Frecce Tricolori e la benedizione dell'arcivescovo

Dopo meno di due anni dal crollo del Ponte Morandi del 14 agosto 2018 (IL VIDEO DEL CROLLO - LA STORIA DEL PONTE), a Genova è stato inaugurato il nuovo ponte, il “Genova-San Giorgio”. Nel capoluogo ligure la cerimonia si è svolta alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del presidente del Consiglio Giuseppe Conte con alcuni ministri. Il premier durante la cerimonia ha detto: "Non siamo qui per tagliare un nastro, e forse non è neanche facile abbandonarsi a intenti celebrativi. È ancora troppo acuto il dolore della tragedia. Questo Ponte ci restituisce un'immagine di forza e anche di leggerezza". Il Ponte di Genova "è un'opera mirabile frutto del genio italico, di una virtuosa collaborazione tra politica, amministrazione locale, impresa e lavoro", ha detto Conte. "Oggi Genova riparte forte della sua operosità, come ha fatto in tanti momenti della sua storia, confidando nella forza del lavoro. Mostra un Paese che, a dispetto degli stereotipi, sa rialzarsi, che sa tornare a correre. Genova deve ripartire e lo fa da qui", ha detto il premier. "Il Ponte crea una nuova unità, genera nuova fiducia, ha la funzione di riavvicinare - e lo spero fortemente - i cittadini di Genova, dell'Italia intera, allo Stato" (LE IMMAGINI DAL SATELLITE DEL PONTE - LA CAMMINATA DI PIANO SUL VIADOTTO).

Le parole di Piano, Toti e Bucci

L’architetto Renzo Piano, che ha disegnato e regalato il progetto alla città, nel suo discorso ha detto: "È un giorno di intensa commozione, costruire un ponte è un gesto di pace” (IL VIDEO DEL SUO INTERVENTO). Il sindaco e commissario straordinario Marco Bucci ha detto: “Regaliamo questo ponte alla città di Genova” e ai familiari delle vittime: “Saremo sempre vicini a voi” (IL VIDEO DEL SUO DISCORSO). Poi ha parlato il governatore della Liguria Giovanni Toti: "Non deve accadere mai più" (IL VIDEO).

Assenti familiari delle vittime

vedi anche

Genova, la camminata di Renzo Piano sul ponte. VIDEO

Il nuovo ponte, ha detto Conte in giornata, è “il simbolo di una nuova Italia che si rialza. Una giornata importante, che racconta il presente e il futuro di un Paese che cambia". I familiari delle vittime della tragedia però non hanno partecipato: hanno visto nella cerimonia una “festa” alla quale non vogliono partecipare, perché il ponte "è nato - hanno detto nei giorni scorsi - da una terribile tragedia" (LO SPECIALE - CHI SONO LE VITTIME - DAL CROLLO ALLA RICOSTRUZIONE). 

Mattarella incontra i familiari delle vittime

Il presidente Sergio Mattarella oggi ha avuto un incontro con i familiari delle vittime della tragedia del Ponte Morandi. E a loro ha detto: "Ci tenevo a incontravi prima della cerimonia del Ponte per sottolineare pubblicamente e in maniera evidente che la ferita non si riemargina, che il dolore non si dimentica e che la solidarietà non viene meno in alcun modo. E condivido la vostra scelta di vederci in prefettura e non sul ponte non perché" l'inaugurazione "non sia importante. Lo è per la città naturalmente. Ma perché quest'incontro è un'occasione raccolta, non di frastuono".

Il racconto della cerimonia

approfondimento

Le tappe della ricostruzione del nuovo Ponte a Genova. FOTO

La cerimonia è iniziata con la lettura dei nomi delle 43 vittime del crollo del Morandi, seguiti da 3 minuti di silenzio. Poi il primo a parlare è stato il sindaco Marco Bucci, quindi il governatore ligure Giovanni Toti, seguito da Renzo Piano, infine il presidente del Consiglio Conte. Al termine il il premier ha eseguito il tradizionale taglio del nastro. Poi le Frecce Tricolori hanno salutato il capo dello Stato e la città con il tricolore e i colori di Genova. “Creuza de Ma”, nella versione eseguita da 18 artisti, omaggio a Genova e a De André e colonna sonora della genovesità, è risuonata prima e dopo la cerimonia. Il nuovo arcivescovo di Genova, monsignor Tasca ha benedetto la struttura. E lo ha fatto tra il suono delle sirene delle navi in porto, dove si trova anche l'Amerigo Vespucci, il grande veliero della Marina militare ambasciatore dell'Italia nel mondo, che al tramonto proietta sulle vele il Tricolore. Anche la Lanterna verrà illuminata dal rosso-bianco-verde della bandiera italiana.

Si attende l’apertura al traffico

leggi anche

Ponte di Genova, l'immagine vista dal satellite

Anas, intanto, ha eseguito con successo i collaudi statico e tecnico-amministrativo sul ponte, e sta effettuando la verifica di agibilità. Una volta ottenute tutte le dichiarazioni di conformità, e a esito positivo dei due collaudi, verrà rilasciato il certificato di agibilità consentendo così l'apertura al traffico.

Cronaca: i più letti