Cover campagna Roma Pride 2020
“Da sempre, lottiamo con orgoglio”, è questo il claim della campagna di comunicazione che celebra la comunità LGBTQIA+ abituata a lottare contro nemici invisibili.
Dal 1994 è la prima volta che il Roma Pride non scende in piazza per rivendicare l’esistenza, i diritti e le lotte delle persone LGBTQIA+.
 L’emergenza della Covid19, che ha travolto tutte e tutti, ha messo in evidenza come durante il lockdown molte persone LGBTQIA+ abbiano dovuto sopportare ulteriori sacrifici e sofferenze causati dall’insufficienza, e spesso dall’assenza, di tutele legislative e politiche. In un Paese che non celebra le differenze ma anzi le osteggia ogni persona trans, lesbica, gay, bisessuale, non binaria, intersessuale, queer, asessuale, ha imparato a lottare ogni giorno per affermare la propria esistenza, conquistare visibilità e chiedere diritti. 
La comunità LGBTQIA+ sapeva già cosa significasse lottare contro nemici invisibili che ti rinchiudono in casa e ti allontanano dalle persone che ami, che il nemico si chiami omolesbobitransafobia o HIV, ed era già pronta a combattere.
Per questo il Roma Pride ha scelto come testimoni della campagna di comunicazione sei persone della nostra comunità, una per ogni colore della bandiera rainbow, che con le loro storie uniche ma universali, anche durante il lockdown, hanno continuato a lottare con gli strumenti più potenti che abbiamo: la visibilità e la voglia di cambiare questo paese. Un medico, una studentessa, un rider, un’infermiera, un volontario, una attivista storica. Uomini gay, trans, pansessuali, donne queer, bisessuali, lesbiche che dietro una mascherina arcobaleno nascondono la felicità e la rabbia necessari a rendere l’Italia un paese migliore per tutte e tutti.
“Quest’anno il Roma Pride, con grande senso di responsabilità, si è fermato perché non era possibile chiamare i grandi numeri della nostra piazza garantendo la sicurezza per tutte e tutti.” dichiara Sebastiano Secci portavoce del Roma Pride e presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli che continua:”Il Pride è contaminazione, sovrapposizione di spazi, di lotte, di esperienze e di vite. Dal 1994 andare al Roma Pride significa attraversare le strade della nostra città con le nostre musiche, i nostri carri ma soprattutto i nostri corpi e le nostre rivendicazioni. In piazza portiamo le nostre istanze sociali, politiche e culturali  ma lo facciamo rivendicando anche un modo di manifestare il nostro orgoglio che appartiene, ormai da oltre 50 anni, alla comunità LGBTQAI+ internazionale.
Quest’anno non potremo scendere in piazza con il Roma Pride ma questo non significa fermare le nostre lotte. 
La nostra comunità da decenni lotta e continuerà a farlo, perché noi da sempre lottiamo con orgoglio.”
“Da sempre, lottiamo con orgoglio” non è soltanto il claim della campagna ma anche la promessa della comunità LGBTQIA+ che costantemente non smette mai di lottare. Con o senza mascherina. Perché non sarà la mascherina a contenere la nostra voce.

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.