Gli scatti di Alda Merini in mostra a Milano. FOTO

L'esposizione fotografica “Atto d'amore” a cura di Giuliano Grittini, dedicata alla poetessa dei navigli, durerà fino al 28 maggio alla Casa delle Arti di Via Magolfa 32. LA FOTOGALLERY
  • La mostra "Atto d'amore. Alda Merini, Arte e Fotografia" sarà inaugurata domenica 4 maggio 2017 alle ore 18.30 alla Casa delle Arti di via Magolfa 32, a Milano e durerà fino al 28 maggio. Le fotografie sono opera di Giuliano Grittini, amico e collaboratore della scrittrice (Foto di Giuliano Grittini) - Il sito ufficiale della mostra
  • L'esposizione vede la collaborazione del Comune di Milano e delle fondazioni Castello Pozzi, Artdata.ch e Cibartisti. Giuliano Grittini è stato per anni il fotografo ufficiale di Alda Merini. Un legame sottolineato dalla stessa poetessa, che di lui diceva: "È Il mio vecchio amico che mi ha celebrato come Venere e mi ha messo su tutti i giornali" (Foto di Giuliano Grittini) - L'alba sui navigli
  • La fotografia, del resto, ha un ruolo cruciale nella poetica di Alda Merini: "Niente è più deleterio dell’immagine e niente è più resistente. Il fotografo consegnerà ai posteri una sua interiorizzazione, una realtà che spesso sfugge alla persona stessa. È questo il mistero della fotografia", scrive l'artista in "Colpe d'immagini" (2007) (Foto di Giuliano Grittini) - Il festival dedicato ad Alda Merini
  • Alda Merini è una delle figure più importanti del panorama letterario italiano contemporaneo. Nata a Milano nel marzo del 1931, ha trascorso quasi tutta la sua vita nel capoluogo lombardo, dove è morta all'età di 78 anni nel 2009 (Foto di Giuliano Grittini) - La settimana dell'arte a Milano
  • Cresciuta in una famiglia di modeste origini, Alda Merini si avvicinò al mondo della poesia grazie all'amicizia con Giacinto Spagnoletti, che divenne il suo mentore e il primo a pubblicare le sue opere (Foto di Giuliano Grittini) - Storie di migrazioni in mostra a Milano
  • Sull'attività letteraria di Alda Merini ha inciso anche il disturbo bipolare che le fu diagnosticato nel 1947 e che affiora in diversi suoi componimenti (Foto di Giuliano Grittini) - Rosa Barba in mostra a Milano
  • Negli anni 50, la Merini incontrò e frequentò altri due grandi personaggi della scena letteraria nazionale, Salvatore Quasimodo ed Eugenio Montale, premi Nobel per la Letteratura rispettivamente nel 1959 e nel 1975 (Foto di Giuliano Grittini) - Le mostre di Milano nella lingua dei segni
  • La stessa Alda Merini è stata candidata al premio Nobel nel 2001, quando trionfò lo scrittore trinidadiano, naturalizzato britannico, Vidiadhar Surajprasad Naipaul. Merini ha ottenuto vari riconoscimenti, tra cui il Librex-Guggenheim per la poesia (1993), il Premio Viareggio (1996) e quello della Presidenza del Consiglio dei ministri (1999) (Foto di Giuliano Grittini) - L'Italia raccontata da Uliano Lucas
  • La mostra fotografica si terrà alla Casa delle Arti di via Magolfa 32, a pochi minuti dalla casa sui Navigli milanesi dove Alda Merini ha abitato per gran parte della sua vita. Proprio la bellezza decadente di questa zona della città è stata celebrata dalla poetessa in raccolte come "L’altra verità", "Superba è la notte" e "Canto Milano" (Foto di Giuliano Grittini) - Raccontò il tumore con il sorriso, a Milano la mostra dedicata a Wondy