Apollo 16, 45 anni fa la missione della Nasa sbarcava sulla luna. FOTO

Era il 20 aprile 1972 quando l'equipaggio guidato da John Young raggiunse il suolo del satellite naturale della Terra. LA FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    Quarantacinque anni dalla missione Apollo 16, la decima con equipaggio a bordo del programma Apollo della NASA e la quinta, e contemporaneamente la penultima di sempre, ad atterrare sulla Luna, iniziò il 16 aprile 1972 e terminò dopo 11 giorni, 1 ora, 51 minuti e 5 secondi, il 27 aprile 1972. Nella foto, gli astronauti delle diverse missioni Apollo riuniti, il 16 luglio 2009, al Kennedy Space Center Visitor Complex di Cape Canaveral, Florida, in occasione dei 40 anni del primo sbarco sulla luna - Il sito della Nasa sulle missioni Apollo
  • ©Getty Images
    L'equipaggio della missione era composto dal capitano John W. Young, al quarto volo nello spazio, Thomas K. Mattingly II e Charles M. Duke, Jr. Il loro principale obiettivo era quello di effettuare un allunaggio sugli altipiani lunari per raccogliere materiali geologici più antichi rispetto a quelli raccolti nelle quattro missioni precedenti. Nella foto, un ritratto di Thomas 'Ken' Mattingly II - Kazakistan, il lancio della navicella Soyuz Ms-04 verso la Iss
  • ©Getty Images
    Nel corso della missione Young and Duke passarono ben 71 ore sulla superficie della luna durante le quali condussero tre 'passeggiate' lunari che durarono complessivamente 20 ore e 14 minuti. Nella foto, gli astronauti Young e Duke atterrano sulla superficie della luna per esplorare le Descartes Highlands e i Cayley Plains: era il 20 aprile 1972 - "Space girls space women", a Milano lo spazio visto dalle donne
  • ©Getty Images
    Per la seconda volta venne utilizzato sulla luna il Rover lunare Lrv con il quale gli astronauti percorsero 26,7 chilometri. Il carico di campioni di rocce che portarono sulla Terra raggiunse il peso di 95,8 chilogrammi. Come piccolo gesto di ringraziamento, un campione di roccia venne regalato alla città di Nördlingen in Germania, dove gli astronauti avevano eseguito diverse esercitazioni durante la preparazione per la missione. Nella foto, un'immagine della luna piena ripresa dalla missione Apollo 16 - Scoperto un nuovo "gemello" della Terra: potrebbe ospitare la vita
  • ©Getty Images
    Durante la missione furono realizzati diversi esperimenti e furono installate delle apparecchiature scientifiche, come strumenti per misurare il flusso di calore e la radiazione cosmica. Per la prima volta vennero inoltre scattate delle immagini astronomiche con una camera a raggi UV (spettrografo). Nella foto, un primo piano della superficie lunare scattato dagli astronauti dell'Apollo 16 - Nasa: "Sulla luna di Saturno condizioni per sviluppare forme di vita"
  • ©Getty Images
    Durante la fase di rientro nell'atmosfera terrestre, gli astronauti dovettero sopportare una decelerazione che raggiunse 7,19 g, il valore massimo raggiunto e misurato durante tutte le missioni del programma Apollo. Nella foto, il 20 luglio 1969 l'astronauta Edwin E. 'Buzz' Aldrin Jr. saluta la bandiera statunitense sulla superficie della luna durante la missione Apollo 11 - L'astronauta Peggy Whitson batte il record di viaggi spaziali
  • ©Getty Images
    Il 27 aprile 1972 alle 19:45, l'Apollo 16 ammarò nelle acque dell'Oceano Pacifico e i tre astronauti dell'equipaggio vennero recuperati dalla portaerei USS Ticonderoga. Nella foto, la navicella lunare che trasporta l'equipaggio dell'Apollo 16 atterra nelle acque del Pacifico a 1500 miglia a sud delle Hawaii. Tre paracaduti rallentarono la discesa del modulo e il suo impatto con l'acqua - Marte, "Curiosity" ha forato. Nasa: "La missione non è compromessa"