Euro 2020, Italia-Austria 2-1. Mancini: "Questa era la partita più difficile"

Sport

Il ct della Nazionale al termine di un match molto sofferto dagli azzurri: "Abbiamo portato questa vittoria a casa perché lo abbiamo meritato, anche se alla fine abbiamo subito un gol". Donnarumma stabilisce il nuovo record di imbattibilità in azzurro che 47 anni fa era stato firmato da Dino Zoff. Chiesa in rete 25 anni dopo il padre

L'Italia vince per 2-1 una partita soffertissima contro l'Austria e si aggiudica la qualificazione ai quarti di finale di Euro 2020. Partita decisa ai tempi supplementari con reti di Federico Chiesa e Matteo Pessina per gli azzurri e di Sasa Kalajdzic per l'Austria. "Abbiamo portato questa partita a casa perché lo abbiamo meritato, anche se alla fine abbiamo subito un gol. Nel secondo tempo siamo calati fisicamente, il campo era pesante, ma abbiamo voluto vincere e l'abbiamo meritato" ha detto il ct della Nazionale, Roberto Mancini, al termine del match. "L'abbiamo vinta grazie ai giocatori in panchina, entrati con la mentalità giusta - ha commentato - sono stati bravissimi. Ma sapevamo che era una partita difficile, più dei quarti di finale. Ma un match così duro può farci bene".

 

Euro 2020, aspettando Italia-Belgio: oggi Croazia-Spagna e Francia-Svizzera. DIRETTA

 

Il ct: "Belgio e Portogallo? Due squadre straordinarie"

vedi anche

Euro 2020, l’Italia batte l’Austria 2-1 e vola ai quarti. HIGHLIGHTS

"Già nel primo tempo avremmo potuto fare due gol - ha aggiunto - lo abbiamo meritato e abbiamo vinto anche grazie ai giocatori che sono entrati dopo e hanno risolto la partita, sapevo sarebbe stata la partita più difficile".  Poi il ct ha sottolineato che "è ancora lunga. Ne mancano ancora tre per riprenderla". Sulla squadra che preferirebbe affrontare ai quarti tra Belgio e Portogallo, Mancini ha detto che entrambe "sono due squadre straordinarie". 

Donnarumma batte il record di imbattibilità in azzurro di Zoff 

vedi anche

Euro 2020, Italia-Austria 2-1: tutte le foto dell'ottavo di finale

"Sapevamo che non era facile. Siamo stati bravi a non mollare mai, soprattutto nei momenti difficili. Questo ci aiuterà ad affrontare meglio le prossime sfide". Così il portiere della Nazionale, Gigi Donnarumma, dopo la sfida con l'Austria. "Portogallo o Belgio? Vediamo, intanto ci godiamo questa vittoria e poi vedremo di affrontare l'avversario con la voglia di continuare ad andare avanti", ha aggiunto il numero 1 dell'Italia. Donnarumma ha anche stabilito il nuovo record di imbattibilità in azzurro che 47 anni fa era stato firmato da Dino Zoff, un primato che gli dà grande emozione: "Ho superato una leggenda, sono emozionatissimo e faccio tutto per la squadra, il resto viene dopo. Superare questo record è incredibile. La dedica è per la mia fidanzata e la mia famiglia".

Pessina: "Un gol che ricorderò per tutta la carriera"

vedi anche

Euro 2020, Galles-Danimarca 0-4: gol e highlights. VIDEO

"Non ho ancora realizzato di aver fatto un gol al Galles, figuriamoci questo. Me lo porterò dietro per tutta la carriera, è stato fantastico, ma l'importante è che abbiamo passato il turno con un'altra bella vittoria". Così l'azzurro Matteo Pessina, autore della seconda rete della vittoria contro l'Austria. "Il bello di questa squadra è però che qui può segnare chiunque e penso anche che si veda da fuori che siamo un grandissimo gruppo - ha proseguito il giocatore dell'Atalanta a Sky Sport -. Chi entra in campo fa bene ed è la cosa più bella". 

Chiesa: "Io decisivo? Merito di Mancini, ci fa trovare sempre pronti" 

approfondimento

Euro 2020, il calendario completo: la finale l'11 luglio

"Congratulazioni all'Austria, ha giocato davvero bene, è stato un grande ottavo di finale ma alla fine il nostro gol è arrivato e abbiamo meritato". Lo dice, ai microfoni di Sky Sport, Federico Chiesa che questa sera ha stabilito un record. Infatti ha segnato in una partita degli Europei 25 anni e 12 giorni dopo il gol del padre Enrico (14 giugno 1996 contro la Repubblica Ceca). Non era mai successo prima che, nella fase finale di un torneo continentale, segnassero padre e figlio. Oggi Chiesa jr è stato decisivo entrando dalla panchina. "Il merito è dell'allenatore - dice l'azzurro - che ci vuole sempre pronti. Siamo in 26 e anche questa sera, come contro il Galles, quelli che sono entrati hanno dimostrato di essere pronti e hanno dato una mano alla squadra". Poi ha commentato il suo gol: "Sono stato bravo a stare calmo: in quelle situazioni magari vorresti tirare al volo, e invece sono stato bravo a controllarla bene e a calciare".

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Non perderti le tue notizie locali

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.