Catch-22, trama e recensione dell’episodio 5

La lotta per la vita di Yossarian sta volgendo al termine. Martedì 4 giugno è andato in onda il penultimo episodio, il quinto, che ha visto il protagonista cercare nuove modalità di fuga dalla guerra. YoYo si è trovato ad un passo dall’essere congedato, ma le missioni invece sono aumentate prima che i suoi superiori potessero convalidargli il permesso. L’arresa, però, è ben lontana dalle sue intenzioni.

Catch-22, vai allo Speciale

Catch-22, episodio 5, trama e recensione

Nately è morto, e ha lasciato un grande senso di vuoto in YoYo. Una morte improvvisa, non necessaria, di cui il ragazzo è parzialmente colpevole: se non avesse insistito per fare marcia indietro, cambiando la rotta dell'areo, probabilmente non sarebbe successo questo tragico evento. Un nuovo, giovane, volto che se ne è andato, dopo aver dichiarato all’amico Yossarian di voler sposare Clara, la giovane prostituta romana. Per tenere viva la memoria di Nately, il protagonista decide di andare a Roma, ma dovrà prima chiedere il permesso al terribile Cathchart che, senza troppi indugi, glielo nega. L’incontro tra i due, però, porta qualche frutto, poiché YoYo è, paradossalmente, promosso al grado di Capitano.

Nonostante il permesso negato, Yossarian decide di recarsi a Roma, per consegnare l’anello di fidanzamento a Clara e spiegarle che Nately è morto in battaglia. Tuttavia, giunto nella città eterna, non trova traccia della ragazza: il bordello è vuoto, non c’è più nessuno, se ne sono andati tutti. A confermarlo è Ines, la sorellina di Clara, che sta disperatamente cercando la ragazza, senza alcun risultato. Questa, però, non sarà l’unica nota tragica del viaggio romano di Yossarian, poiché da li a poco accadrà qualcosa di terribile.

Alfie, suo compagno di battaglia,stupra e uccide, gettandola dal balcone della base d’appoggio, una ragazza che si era opposta alle sue avances. Quando YoYo scopre il delitto, arriva improvvisamente una squadra di militari romani, che hanno un mandato d’arresto per lui, nonostante il protagonista accusi ripetutamente Alfie del reato. Le motivazioni dell’arresto risiedono nel fatto che Yossarian sia andato a Roma nonostante il permesso negato, e viene così incarcerato senza aver il tempo di potersi difendere. Inoltre, la morte della ragazza viene attribuita, da parte di Cathchart, a un tragico incidente domestico. Meglio insabbiare il tutto. La reclusione, però, è destinata a durare poco, poiché la base americana è improvvisamente bombardata dai tedeschi.

Il giorno dopo arriva, però, un vecchio volto alla base americana: il Tenente Scheisskopf, che ora è Generale e che da quel momento sarà a capo delle operazioni nel Mediterraneo, dunque anche di quella base, nonostante il poco entusiasmo di Cathcart..

Arriva, poi, per YoYo il momento di ricevere il congedo, dopo il patto stipulato con il sopracitato Colonnello. Manca solo un’ultima firma, quella di quest’ultimo, che è finalmente disposto a concedergliela. Tuttavia, le cose non andranno come previsto, poiché sarà Scheisskopf ad opporsi. Il neo Generale rimane ancorato al fatto che servano 55 missioni per ottenere il congedo, e Yossarian ne ha svolte 51. Non serviranno a nulla le parole del Colonnello e di Korn. Scheisskopf è deciso a non firmare i documenti, e la motivazione è presto svelata: appena Yossarian fa per uscire, rassegnato, dall’ufficio, Scheisskopf gli porta i saluti di sua moglie, alludendo al fatto di aver scoperto la relazione clandestina tra i due.

La missione area successiva, che chiude l’episodio, è tra le più tremende: il protagonista è colpito all'inguine, "proprio lì", e l’aereo inizia a vacillare. Tutto l’equipaggio deve abbandonare il mezzo, lanciandosi col paracadute, mentre Orr rimane a bordo, sacrificandosi.

A che punto siamo?

Le risorse di Yossarian si stanno esaurendo. Le possibilità di fuga sono ormai finite e, dopo aver tentato in più modi di essere congedato, l’unica via d’uscita era terminare le missioni in anticipo. È l’errore di Korn, però, a rimandare, nuovamente, l’uscita di scena di YoYo, che si trova ad affrontare altre terribili missioni. Per il protagonista non c’è pace, non c’è via di fuga, non c’è alcuna soddisfazione. Il quinto episodio ruota intorno, più che mai, alla mente del protagonista, sempre più offuscata dal desiderio di tornare a casa, desiderio che è ormai diventato un’ossessione. Tuttavia, con la ormai rituale ciclicità, tutti i suoi piani vanno, inesorabilmente, a rotoli. Yossarian si configura come il classico protagonista perseguitato dalla sfortuna, che vede il totale fallimento dei suoi sforzi. Sono queste le premesse del successivo episodio, il finale di stagione: YoYo fugge dall’aereo, e si apre per lui una nuova prospettiva di salvezza. Sarà definitiva?

SCOPRI DI PIÙ

Christopher Abbott, le foto più belle del protagonista di Catch-22

Catch 22 - Scopri tutto nello speciale sulla serie

Catch 22 - Il cast della serie tv con George Clooney

Catch 22 - Il significato del titolo della serie tv

Catch 22 - Le foto della serie

Catch 22 - La trama della serie tv con George Clooney

Catch 22 - Le location del set (VIDEO)