Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

SpaceX, nuovo rinvio per lancio della Crew Dragon: partirà il 2 marzo

i titoli di sky tg24 delle 13 dell'8/2

2' di lettura

Previsto per febbraio, il test è stato posticipato per permettere ulteriori verifiche ai dati e ai sistemi software. Nel frattempo, anche Boeing è pronta per lanciare la proprio capsula Starliner CST-100 

Ancora ritardi per il lancio di prova senza astronauti della Crew Dragon, la navicella spaziale dell’agenzia SpaceX che andrà a rimpiazzare lo Space Shuttle, ormai in pensione. Inizialmente programmato per il mese di febbraio, la società di Elon Musk ha fatto sapere che il volo si terrà invece il 2 marzo, con partenza dalla storica piattaforma 39 del Kennedy Space Center, a Cape Canaveral, in Florida.

In orbita per 5 giorni

Il rinvio, di circa due settimane, si è reso necessario per dare la possibilità ai tecnici di effettuare un'ulteriore verifica dei dati e dei sistemi hardware prima di lanciare in orbita la capsula diretta verso la Stazione spaziale internazionale, alla quale si aggancerà autonomamente, a differenza delle navette cargo Dragon, che si fermano a qualche metro dal bocchettone di attracco e attendono l’intervento del braccio robotico per completare l’aggancio. Crew Dragon resterà attraccata alla Stazione orbitale per 5 giorni, dopodiché rientrerà nell’atmosfera e concluderà il suo viaggio di ritorno con un tuffo nell’Oceano Atlantico. Una volta recuperata, la navicella sarà sottoposta a dettagliati esami e, se tutto andrà per il meglio, a luglio la Nasa e la SpaceX potrebbero mandare nello spazio il primo equipaggio, che sarà composto da Robert Behnken e Douglas Hurley, i quali resteranno in orbita per circa una settimana.

Boeing testa capsula Starliner CST-100

Intanto, anche Boeing, colosso americano del trasporto aereo, ha in programma per il mese di aprile il primo lancio di prova senza astronauti della capsula Starliner CST-100. Come la Crew Dragon, anch’essa partirà da Cape Canaveral e raggiungerà autonomamente la Stazione spaziale, dove si fermerà per circa una settimana, passata la quale tornerà sulla Terra usando un paracadute. A giugno Boeing ha in calendario un altro test per mettere alla prova i sistemi di sicurezza, mentre ad agosto potrebbe lanciare la prima missione con a bordo due astronauti Nasa, Mike Fincke e Nicole Mann, e Chris Ferguson, ex dell'agenzia spaziale americana che ora lavora per Boeing. Se tutto va secondo i piani, grazie alle due agenzie gli Stati Uniti potrebbero riacquistare la capacità di trasportare uomini nello spazio in autonomia entro il 2019.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"